Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Svelata la vera scienza che ha “ispirato” l’orribile storia del mostro di Frankenstein

Il libro Frankenstein di Mary Shelley è stato ispirato da un incubo che l’autore ha vissuto all’inizio del XIX secolo.

Alcuni esperti ritengono che il libro alluda anche all’esplorazione scientifica che era già in corso in quel momento.

Si ritiene che gli esperimenti scientifici del XIX secolo abbiano ispirato FrankensteinCredito: Collezione Kobal – Shutterstock

In un nuovo libro intitolato La scienza della vita e della morte in Frankenstein, l’autrice Sharon Ruston esplora gli esperimenti scientifici e gli studi sulla vita e la morte ai tempi di Shelley.

Il riassunto spiega: “Frankenstein spiega ciò che Mary Shelley sapeva sui consigli dati dai medici per il recupero delle persone che sono annegate, impiccate o strangolate, ed esplora le basi scientifiche contemporanee dietro l’idea di Victor Frankenstein che la vita e la morte sono solo “limiti ideali” che può trasgredire nel fare creatura.

“Incorporando immagini del manoscritto, ritratti, strumenti medici e grafici contemporanei nella sua narrativa, Sharon Ruston mostra come questa straordinaria storia sia fondata sul pensiero storico scientifico e medico che esplora l’affascinante frontiera tra la vita e la morte”.

Secondo New Scientist, il filosofo naturale Carl August Weinhold condusse un esperimento scioccante per rimuovere il cervello di un gatto nel 1817.

Questo è stato un anno prima che il romanzo Frankenstein di Shelley fosse pubblicato.

Weinhold avrebbe sostituito il cervello del gatto con zinco e argento, creando essenzialmente una batteria.

L’esperimento mirava a esplorare un’idea all’epoca secondo cui l’elettricità era la chiave della vita animale e che i morti potevano essere resuscitati con essa.

Weinhold ha detto che il suo gatto “ha aperto gli occhi, ha guardato dritto davanti a sé con un’espressione vitrea… inerte, poi si è stancato”.

READ  20 secondi di questo esercizio sono sufficienti per aumentare il metabolismo del 43%

Nel romanzo, lo scienziato Victor Frankenstein ha creato il “mostro” che tutti conosciamo da parti del corpo antiche, strane sostanze chimiche e la scintilla che lo rende vivo.

Ruston rivela che Shelley si basava su un interesse per l’elettricità e sulla crescente convinzione pubblica che avesse un ruolo nella vita e nella morte.

Crede anche che Shelley sia stata ispirata dallo scienziato religioso Giovanni che fa passare correnti elettriche attraverso i cadaveri.

Durante questi eventi teatrali, si diceva che i cadaveri sedessero e aprissero gli occhi.

Ruston ha scritto che l’orribile reazione di Frankenstein al risveglio della sua “creatura” è “molto simile alla descrizione di Aldini dei tentativi di Aldini di resuscitare il ventiseienne George Forster”.

George Forster era un uomo impiccato per l’omicidio della moglie e del figlio nel 1803.

La scienza della vita e della morte in Frankenstein è ora disponibile per il pre-ordine.

Scopri di più sulla scienza

Vuoi saperne di più sullo strano e meraviglioso mondo della scienza? Dalla luna al corpo umano abbiamo ciò di cui hai bisogno…

Un importante medico afferma che i trapianti di testa di Frankenstein potrebbero essere effettuati entro il 2030 dopo i progressi tecnologici

In altre notizie, dopo decenni di ricerche è stato ritrovato il relitto di una nave americana che dava la caccia alle spie naziste e ha solcato i mari per 88 anni.

Una nuova ricerca mostra che i mammut lanosi sono stati uccisi dai cambiamenti climatici, non dagli esseri umani.

Un subacqueo ha trovato un’antica spada che secondo gli esperti risale alle Crociate.


Paghiamo per le tue storie! Hai una storia per il team di scienza e tecnologia di The Sun Online? Scrivici a [email protected]

READ  Salute in Africa, tante sfide da affrontare | Africa | DW