Settembre 27, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Studio: salvare lo strato di ozono ha offerto agli esseri umani l’opportunità di affrontare una crisi climatica | Strato di ozono

La ricerca ha scoperto che le sostanze chimiche che distruggono l’ozono una volta comunemente usate nei frigoriferi avrebbero provocato 2,5°C di riscaldamento globale aggiuntivo entro la fine del secolo se non fossero state vietate.

I modelli degli scienziati del clima hanno scoperto che Protocollo di Montreal del 1987 La riduzione dei clorofluorocarburi (CFC) ha offerto agli esseri umani la possibilità di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, come previsto dall’accordo di Parigi.

La temperatura atmosferica è già aumentata da 1,1°C a 1,2°C rispetto ai livelli preindustriali, il che significa che la Terra avrebbe potuto subire un riscaldamento di 3,5°C se i CFC fossero ancora in uso.

Oltre ai frigoriferi, i CFC sono stati utilizzati nell’isolamento di schiuma e aerosol.

La modellazione dei team nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Nuova Zelanda si è basata su un aumento teorico dell’uso di CFC del 3% all’anno a partire dal 1987.

Ha scoperto che il continuo esaurimento dell’ozono – il gas che protegge il pianeta dai livelli dannosi di radiazioni ultraviolette (UV) – minerebbe in modo significativo la capacità della Terra di assorbire l’anidride carbonica (CO2) dall’atmosfera.

Il mondo potrebbe già assistere allo scenario peggiore del riscaldamento globale che ci si può aspettare se i leader internazionali non riusciranno a rispettare i loro impegni netti sulle emissioni di CO2.

Proteggere la vegetazione globale protetta dallo strato di ozono dagli aumenti dannosi delle radiazioni ultraviolette che minano la capacità della vita vegetale di assorbire l’anidride carbonica.

I raggi UV elevati possono danneggiare i tessuti vegetali, limitando la loro crescita e minando la loro capacità di fotosintesi, il processo che assorbe il carbonio dall’atmosfera.

I ricercatori hanno scoperto che senza il divieto dei CFC, entro il 2100 ci sarebbero state 580 miliardi di tonnellate di carbonio in meno immagazzinate nelle foreste, nelle piante e nel suolo.

Ci sarebbero 165-215 parti per milione in più di anidride carbonica nell’atmosfera – sulla base delle previste emissioni di combustibili fossili – rispetto ai livelli attuali di 420 parti per milione, o un salto dal 40% al 50%.

Questa anidride carbonica in più avrebbe contribuito al riscaldamento di 0,8°C in più, hanno affermato i ricercatori, lasciando a brandelli gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Oltre a ridurre lo strato di ozono, i CFC sono potenti gas serra.

Se il suo uso fosse continuato incontrollato, entro la fine del secolo avrebbe aumentato il riscaldamento globale di altri 1,7°C, il che significa che le temperature sarebbero aumentate complessivamente di 2,5°C una volta utilizzato.

“Un mondo in cui queste sostanze chimiche aumentano e continuano a rimuovere lo strato protettivo di ozono sarebbe stato un disastro per la salute umana, ma anche per la vegetazione”, ha affermato il dottor Paul Young, autore principale della Lancaster University.

Ha aggiunto: “Attraverso la nostra ricerca, possiamo vedere che i successi del Protocollo di Montreal vanno oltre la protezione dell’umanità dall’aumento dei raggi UV per proteggere la capacità delle piante e degli alberi di assorbire l’anidride carbonica.

“Anche se speriamo di non raggiungere mai il mondo catastrofico come lo abbiamo simulato, ci ricorda l’importanza di continuare a proteggere lo strato di ozono.

“Esistono ancora minacce perfettamente concepibili, come l’uso non regolamentato dei CFC”.

Nel 2018, gli scienziati atmosferici hanno rilevato livelli crescenti di CFC-11, che è stato attribuito alla produzione di isolamento canaglia nella Cina orientale.

Le autorità cinesi hanno confermato che alcune sostanze vietate sono state identificate durante le ispezioni in fabbrica, ma in quantità molto ridotte.

Gli arresti, i sequestri di materiale e la demolizione degli impianti di produzione che sono seguiti e le emissioni di CFC-11 sono diminuite rapidamente da allora, hanno affermato i funzionari.

Anche senza i CFC, si ritiene che i livelli di anidride carbonica siano ancora i più alti della storia umana.

La ricerca ha anche scoperto che entro il 2100 ci sarà il 60% in meno di ozono sopra i tropici.

Questa situazione avrebbe potuto essere peggiore di quella vista quando il buco dell’ozono si è formato sull’Antartico al culmine dell’uso di CFC negli anni ’80.

Entro il 2050, i livelli di radiazioni UV cancerogene alle medie latitudini – che coprono la maggior parte dell’Europa, del Regno Unito, degli Stati Uniti e dell’Asia centrale – saranno più elevati rispetto ai tropici di oggi.

Il documento del Protocollo di Montreal protegge il pozzo di carbonio della Terra Pubblicato in Natura.

READ  Una coppia ferita in un incidente in elicottero il giorno del loro matrimonio ritardando l'evento due volte