Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Stati Uniti e Italia uniti in Ucraina, con toni leggermente diversi

Il primo ministro italiano Mario Draghi incontra il presidente degli Stati Uniti Biden questa settimana a Washington mentre l’Europa deve affrontare un altro momento “qualunque cosa serva”, mentre la guerra infuria sul suo fianco orientale in Ucraina.

Roma e Washington sottolineeranno la loro storica amicizia e il desiderio condiviso di aiutare l’Ucraina a difendersi dall’invasione russa di due mesi quando i due leader si incontreranno martedì. Anche l’energia, il cambiamento climatico e la promozione della prosperità economica globale sono all’ordine del giorno.

Draghi sta spingendo per una tregua limitata per consentire la ripresa dei colloqui, dato l’impatto sull’Italia se la guerra si estendesse oltre i confini dell’Ucraina. Le dichiarazioni di Biden e dei suoi inviati erano più aggressive, suggerendo un cambio di regime e l’obiettivo di indebolire la Russia.

Queste differenze riflettono non solo l’affinità geografica dell’Italia per i combattimenti, ma anche i suoi legami storici politici ed economici con la Russia. L’Italia ottiene il 40% del gas naturale dalla Russia e l’anno scorso il commercio economico è stato di 20 miliardi di euro.

READ  Cosa può insegnare una business school a un'impresa familiare?

Sergio Romano, l’ambasciatore italiano a Mosca durante la Guerra Fredda, ha detto all’AP: “Ci sono due correnti riguardo alla Russia. C’è la posizione di paesi che vedono la guerra in Ucraina come una possibilità o speranza di sminuire il potere russo. I penso che questa corrente sia forte negli Stati Uniti”.

Non credo sia questa la posizione del governo italiano, che in passato ha avuto rapporti amichevoli e positivi con la Russia.

Draghi, un ex governatore della banca centrale abile nella sua retorica, è uno dei pochi leader dell’UE a visitare Washington dallo scoppio della guerra e ci si può aspettare che rappresenti non solo il punto di vista dell’Italia, ma anche quello dell’Europa. La sua posizione “qualunque cosa serva” come capo della Banca centrale europea ha salvato l’euro durante la crisi del blocco valutario un decennio fa.

L’armamento dell’Ucraina è diventato una questione politica in Italia, con una crescente opposizione pubblica all’invio di armi italiane per paura di provocare un conflitto più ampio che si estenderà ai vicini Stati membri dell’Unione Europea e della NATO.

Un importante partito di governo, il Movimento 5 Stelle, insiste affinché vengano spedite solo armi difensive a corto raggio, non armi con capacità offensive, mentre il leader di destra Matteo Salvini, ex ministro degli interni, si oppone a più spedizioni di armi in Ucraina. .

Il sentimento pubblico contro l’invio di armi in Ucraina è cresciuto di circa la metà, secondo Renato Mannheimer, sociologo dell’agenzia di ricerche sociali e di mercato Eumetra. Ha notato che alcuni di questi sentimenti sono radicati nel pacifismo e alcuni sono legati ai timori di innescare una guerra più ampia, compresi i timori di un’escalation nucleare.

READ  Il Portogallo terrà elezioni anticipate il 30 gennaio dopo la bocciatura del bilancio

Gli italiani di età superiore ai 40 anni conservano vividi ricordi della loro posizione geografica vicino all’Ucraina. Poco dopo il disastro nucleare di Chernobyl nel 1986, la contaminazione nucleare raggiunse l’Italia e gli italiani furono avvertiti di non mangiare insalata o bere latte per settimane.

L’Italia ha già fatto ricorso al segreto sul suo supporto militare per motivi di sicurezza. Ma Draghi potrebbe anche indicare lo schiacciante sostegno del Parlamento per aiutare l’Ucraina il mese scorso a ridurre qualsiasi attrito all’interno della sua ampia coalizione.

Forse il messaggio che Draghi darà a Biden in queste ore è: “Siamo dalla parte degli americani, ma non facciamo di questa una guerra del bene contro il male, una guerra della luce contro le tenebre”, ha detto Alicia de Luca, politica analista presso il Centro Ricerche Ispi di Milano.

“Questo è un rischio perché gli americani hanno questo modo binario di vedere le cose. Per noi europei, le conseguenze di una guerra estesa sono tragiche”.

———

Segui la copertura dell’AP sulla guerra su https://apnews.com/hub/russia-ukraine