Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Stati Uniti e Italia rendono obbligatori i test Covid-19 per i viaggiatori cinesi man mano che crescono i timori

Nuove preoccupazioni sul contagio dalla Cina sono arrivate a quasi tre anni da quando sono emerse le prime segnalazioni del patogeno da quel paese. Mentre i funzionari riconoscono che le misure non elimineranno il rischio, i requisiti possono essere rapidamente adattati al mutare delle circostanze.

La mossa degli Stati Uniti segue le mosse di diversi paesi per rispondere all’annuncio a sorpresa della Cina di questa settimana che avrebbe iniziato a riaprire i suoi confini l’8 gennaio, consentendo ai residenti di viaggiare senza quarantena al loro ritorno.

I governi e le imprese turistiche di tutto il mondo si stanno preparando a un possibile afflusso di viaggiatori da ciò che è stato. I più grandi mercati turistici in uscita del mondo.

Esperti e funzionari statunitensi affermano che i preparativi per la diffusione del coronavirus in Cina sono diventati più difficili a causa della mancanza di trasparenza da parte del governo cinese sull’entità dell’epidemia.

Il Giappone ha annunciato che i viaggiatori provenienti dalla Cina dovranno sottoporsi a un test corona negativo e coloro che risulteranno positivi verranno messi in quarantena.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie della Corea del Sud annunceranno venerdì nuove misure per i viaggiatori cinesi, ha detto il portavoce del dipartimento Choi Seung-ho. In India la scorsa settimana, il governo ha iniziato a testare i viaggiatori provenienti da quattro paesi asiatici, inclusa la Cina.

Il Giappone sta limitando i voli da e per Cina, Hong Kong e Macao ai suoi quattro aeroporti principali da venerdì. Alle compagnie aeree è stato chiesto di non aumentare i voli in quegli aeroporti.

Le restrizioni minacciano di ridurre il ritorno dei turisti cinesi nei paesi che li hanno accolti in precedenza. Sollevano anche interrogativi sul ruolo delle restrizioni del coronavirus basate sulla geografia in un momento in cui il mondo vede il virus come sempre più endemico, persistente ma sotto controllo.

READ  Niccolò si è complimentato con Donald dopo una telefonata ravvicinata dall'Italia

Ali Mokhdad, epidemiologo e professore presso l’Institute for Health Metrics and Evaluation della Washington University School of Medicine, ha monitorato attentamente la situazione in Cina.

Il modello dell’azienda, con aggiustamenti apportati a fattori come la popolazione rurale della Cina continentale, prevedeva 300.000 morti entro aprile e 1,2 milioni entro la fine del 2023, o più vicino a 500.000 e 1,6 milioni, ha affermato. Se il governo e il popolo cinese decidono rispettivamente di scatenare il virus tra le masse.

Scott Kennedy, presidente fiduciario di China Business and Economics presso il Center for Strategic and International Studies, ha affermato che le nuove misure per i viaggiatori cinesi sono un tentativo di affrontare la sfida delle nuove variabili che potrebbero emergere. Ottenere dati affidabili, invece, è una sfida a lungo termine.

Mentre sperava in una maggiore comunicazione tra i funzionari sanitari cinesi e statunitensi, “penso che avremo difficoltà a ottenere informazioni complete sull’entità del Covid in Cina”, ha affermato Kennedy. “Non credo che il governo cinese abbia informazioni dettagliate”.

Le restrizioni improvvise da paesi come il Giappone hanno già colpito i viaggiatori. Alvin Lo, 42 anni, di Hong Kong, doveva volare direttamente a Hong Kong da Hokkaido, in Giappone, il 4 gennaio, ma il volo non era più consentito. Martedì ha cercato freneticamente le opzioni e mercoledì ha detto che stava valutando la possibilità di volare a Bangkok.

Alla domanda sulle restrizioni giapponesi, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha affermato che le azioni di qualsiasi paese dovrebbero essere “scientificamente fondate e proporzionate senza influire sui normali scambi interpersonali”.

Neyson Mahboubi, che ricerca sulla Cina presso l’Università della Pennsylvania, ha affermato che altri paesi dovrebbero diffidare dall’accogliere i viaggiatori dalla Cina a causa della mancanza di trasparenza sullo stato dell’epidemia.

READ  Con la Russia in agguato nel fianco meridionale della NATO, l'Italia sta costruendo nuovi vettori per tenere d'occhio le cose.

Sebbene la Cina abbia riportato un bilancio delle vittime incredibilmente basso a causa di un aumento dei casi, i residenti hanno espresso preoccupazione per le infezioni diffuse e per un sistema sanitario che esplode. I media stranieri hanno scoperto che le comunità in Cina stanno lottando per far fronte all’ondata di infezioni.

“Ma qualsiasi restrizione sui viaggiatori cinesi deve essere temporanea e deve essere direttamente collegata a fattori scientifici, inclusa la trasparenza delle informazioni sulla salute pubblica provenienti dalla Cina”, ha affermato Mahboubi in una e-mail. “Il mondo non ha bisogno (e non può permettersi) un ritorno alla paranoia e al dito puntato geopolitico che inizialmente ha incontrato la pandemia.

Ben Cowling, un epidemiologo britannico dell’Università di Hong Kong, ha affermato che le restrizioni di viaggio non impedirebbero nuovi ceppi del coronavirus.

Fatta eccezione per alcune destinazioni turistiche, testare i viaggiatori in entrata “non ha molto impatto sulla trasmissione domestica perché solo i viaggiatori [make up] Una piccola frazione della popolazione in un dato momento”, ha detto in una e-mail.

Dall’inizio dell’epidemia, la Cina ha richiesto una rigorosa quarantena per i viaggiatori in arrivo, creando un’importante barriera per i suoi oltre 1,4 miliardi di persone a lasciare i suoi confini. Ciò ha reso comuni molte destinazioni popolari senza la folla di viaggiatori cinesi prima della pandemia.

I turisti cinesi hanno effettuato 155 milioni di viaggi in uscita nel 2019, in aumento del 3,3% rispetto all’anno precedente, secondo i media statali.

Il WashingtonPost