Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Stati Uniti e Francia si impegnano a sostenere l’Ucraina durante la “brutale” guerra con la Russia | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

I presidenti di Stati Uniti e Francia hanno promesso di ritenere la Russia responsabile di “atrocità e crimini di guerra” nella sua invasione dell’Ucraina.

Gli Stati Uniti e la Francia si sono impegnati a mantenere il sostegno dell’Ucraina contro l’invasione russa in corso e hanno sottolineato che i responsabili degli attacchi ai civili e alle infrastrutture civili nel paese devastato dalla guerra devono essere ritenuti responsabili.

in dichiarazione Nell’ambito delle discussioni tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo omologo francese Emmanuel Macron giovedì alla Casa Bianca, i due paesi hanno criticato la “guerra illegale di aggressione” della Russia contro il suo vicino.

La dichiarazione afferma che Biden e Macron “hanno anche affermato la loro ferma determinazione a ritenere la Russia responsabile delle atrocità e dei crimini di guerra ampiamente documentati commessi sia dalle forze armate regolari che dai loro delegati”.

Biden ha detto durante una conferenza stampa insieme a Macron dopo lunghi colloqui nello Studio Ovale.

“Francia e Stati Uniti stanno affrontando la tendenza”, ha detto il presidente degli Stati Uniti ai giornalisti [Russian President] La futura ambizione di Vladimir Putin di conquistare” e “difendere i valori democratici e i diritti umani universali”.

Biden ha anche affermato di essere disposto a parlare con Putin “se c’è, in effetti, un interesse per lui a decidere che sta cercando un modo per porre fine alla guerra”. Ma Biden ha aggiunto che Putin “non l’ha ancora fatto”.

Le potenze occidentali stanno cercando di ottenere sostegno per l’Ucraina mentre il paese subisce attacchi di missili e droni quasi settimanali contro le forniture di energia, acqua e calore delle sue città, proprio mentre inizia l’inverno, nove mesi dopo l’invasione russa.

READ  Il comitato della Camera degli Stati Uniti che indaga sull'attacco al Campidoglio convocato ai servizi segreti per aver "cancellato" i messaggi

I colloqui di giovedì tra Biden e Macron sono avvenuti quando il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha esortato i residenti della capitale ucraina a fare scorta di acqua, cibo e vestiti caldi in caso di totale interruzione di corrente.

Klitschko ha anche consigliato alle persone di considerare di stare con gli amici alla periferia della città, se possibile.

I missili russi hanno colpito i quartieri durante la notte nella città recentemente liberata di Kherson. Gli attacchi hanno interrotto le forniture di energia elettrica dopo che l’elettricità ha iniziato a tornare solo circa tre settimane dopo che le forze russe avevano evacuato la città.

Alcuni residenti locali hanno abbracciato i soldati ucraini mentre pattugliavano vicino ad auto carbonizzate ed edifici le cui finestre sono state distrutte dai bombardamenti notturni, mandando diverse persone in ospedale.

“L’Ucraina vincerà. Ha detto Inna Sidorchuk, 52 anni, residente in uno degli edifici che sono stati bombardati.

Giovedì scorso, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha difeso i recenti attacchi nel paese, affermando che l’infrastruttura energetica dell’Ucraina “sostiene la capacità di combattimento delle forze armate ucraine e dei battaglioni nazionalisti”.

Lavrov ha dichiarato in una conferenza stampa online che il bombardamento mirava a “distruggere le strutture energetiche che consentono di continuare a pompare armi letali in Ucraina per uccidere i russi”.

Il mese scorso, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha accusato la Russia di cercare di “congelare” l’Ucraina alla sottomissione.

“Sembra che il presidente Putin abbia deciso che se non può prendere l’Ucraina con la forza, cercherà di congelarla e soggiogarla”, ha detto Blinken il 4 novembre dopo una riunione dei ministri degli Esteri del G7 in Germania.

READ  Repubblicani "attacchi" alle corporazioni contro le leggi sui diritti di voto Ipocrisia | Repubblicani