Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Sta andando “nella giusta direzione, ma l’abbiamo già sentito nel 2017 e non abbiamo visto arrivare nulla”, secondo un membro del gruppo di pediatria.

Se la neurologa Melody Opart nota un “cambio di tono”, rimane molto cauta e chiede al capo dello Stato “con testi concreti e punti molto regolari entro il 1 giugno di dimostrare che non si tratta di promesse senza vestiti”. “La fiducia si guadagna”, supplica.

“Nel complesso, il progetto sembra andare nella direzione giusta, ma lo abbiamo già sentito. Nel 2017 il presidente si è impegnato molto e non abbiamo visto arrivare nulla”.Melody Opart, neurologa dell’ospedale Necker di Parigi, ha detto questo sabato a France Info, membro del gruppo di pediatria. Emmanuel Macron si è impegnato a riorganizzare gli ospedali durante i suoi desideri per gli operatori sanitari, ma gli operatori sanitari non sono contenti di ciò e chiedono chiarezza e mezzi chiari.

>> Salute: occupazione, compensi per servizio, bonus… Cosa ricordare degli annunci di Emmanuel Macron durante gli auguri per gli accompagnatori

franceinfo: Il governo ha avvertito dell’urgenza della situazione. Pensi che Emmanuel Macron ti abbia sentito?

Dott.ssa Melody Opart: Notiamo un cambiamento di tono. Abbiamo chiesto al Presidente della Repubblica, quest’inverno, di riconoscere la criticità della situazione e di assumere lui stesso impegni strutturali su governance, finanziamento ospedaliero, condizioni di lavoro e posti di lavoro.

La casa è crollata e il Presidente ci ha annunciato ieri di aver iniziato i lavori di ricostruzione nel 2023 con impegni su punti molto importanti.

Dott.. Melody Opart

su franceinfo

Quando ti viene promessa una nuova casa, vuoi vedere i piani, quanto costerà e chi pagherà. Nel complesso, il progetto sembra andare nella giusta direzione, ma ne abbiamo già sentito parlare. Nel 2017 il Presidente si è davvero impegnato e non ci aspettavamo che arrivasse nulla. Attendiamo quindi le alternative proposte nel dettaglio e nei finanziamenti.

READ  15 libri per introdurre la scienza

Emmanuel Macron ha insistito sull’importanza di avere un tandem amministrativo e medico a capo di ogni ospedale. Questa è una buona cosa?

Queste sono pubblicità. Questi sono buoni punti, ma non sono dettagliati. Non ho sentito di alternative concrete, e il presidente è abituato a questo tipo di annunci. Quindi la fiducia è guadagnata. Capisco che il presidente abbia fiducia nel sistema sanitario. Da parte nostra, ci aspettiamo testi concreti e punti molto regolari entro il 1° giugno per dimostrarci che non si tratta di promesse non mantenute. Gli assistenti sono esausti per avere la responsabilità esclusiva del deterioramento delle cure. Hanno subito tante umiliazioni che per ridargli la fiducia bisognerà testimoniare e non entro sei mesi.

Libera tempo medico con più assistenti medici e velocizza l’assunzione di infermieri. Questo potrebbe cambiare le cose?

La scuola per infermiere compie tre anni, e Emmanuel Macron ha ribadito ieri, che solo il 50% degli studenti che entrano al primo anno si laurea come formatori dopo tre anni. Se non miglioriamo rapidamente le condizioni di lavoro in ospedale, se non le miglioriamo nei prossimi mesi, le cose non miglioreranno nemmeno tra tre, quattro o cinque anni. Ecco perché chiediamo un’azione immediata.

Cosa deve essere completato?

Il capo ci ha ricordato che manterrà la promozione del turno di notte com’è adesso. Per un infermiere che lavora di notte, la rivalutazione è di 1 euro, a 1,5 euro per ogni ora che lavorerai di notte. Questo importo viene raddoppiato fino a guadagnare 2 € all’ora. Ammettiamo che non è questo che convincerà gli infermieri a venire a lavorare con 15 bambini nei reparti di pediatria e neonatologia.

“Se non diciamo che un’infermiera pediatrica non può, obbligatoriamente, occuparsi di più di 8 bambini, le infermiere non torneranno a lavorare in ospedale. Quando si lavora in queste condizioni, si sbagliano e il giorno dopo non si non voglio tornare al lavoro.

Dott.. Melody Opart

su franceinfo