Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Spettatori e tifosi in stato di emergenza

Il governo giapponese giovedì ha dichiarato una nuova emergenza per il virus che si estende per tutte le Olimpiadi, poiché è stato riferito che gli organizzatori potrebbero bandire i fan da quasi tutti gli eventi dei Giochi.

A sole due settimane dalla cerimonia di apertura del 23 luglio, i contagi da coronavirus stanno aumentando nella capitale e la diffusione del tipo delta più contagioso ha allarmato i funzionari.

I casi in aumento minacciano di far fallire i piani per consentire fino a 10.000 fan locali negli stadi olimpici e potrebbero significare che Tokyo 2020 è la prima edizione dei Giochi a porte chiuse.

Il primo ministro Yoshihide Suga ha affermato che le misure di emergenza – molto meno dei duri blocchi visti in altre parti del mondo – dureranno fino al 22 agosto.

Ma Suga ha affermato che il governo potrebbe revocare in anticipo lo stato di emergenza “se l’effetto dei vaccini diventa chiaro e si osserva un miglioramento delle condizioni dei letti ospedalieri”.

Nella giornata di oggi, il ministro giapponese responsabile della risposta al virus, Yasutoshi Nishimura, ha avvertito di un picco di nuovi casi di Covid-19 nella capitale.

“Con l’aumento del movimento di persone, la variante delta più contagiosa ora rappresenta circa il 30% dei casi. Si prevede che si espanda ulteriormente.

Nishimura ha affermato che in base allo stato di emergenza legato al virus, le bevande alcoliche saranno vietate nei bar e nei ristoranti, che dovranno chiudere entro le 20.00. Eventi come concerti e conferenze devono terminare entro le 21:00.

Ancora più importante, il numero massimo di spettatori agli eventi sarà limitato a 5.000 persone o al 50 percento della capacità della sede, a seconda di quale sia inferiore.

READ  La fabbrica di case in Nuova Zelanda vende per 27.000 $ nella guerra delle offerte online

La decisione mette sotto pressione gli organizzatori olimpici, che stanno cercando di emettere un verdetto finale su quanti, se del caso, i tifosi locali saranno sugli spalti ai Giochi.

Diversi media giapponesi hanno affermato che gli organizzatori ora probabilmente bandiranno gli spettatori da tutte le sedi della competizione a Tokyo e in tre regioni limitrofe.

Gli organizzatori di Tokyo 2020 dovrebbero incontrare i funzionari del governo locale e nazionale e i comitati olimpici e paralimpici internazionali giovedì sera per prendere la decisione principale.

LEGGI ANCHE: Svelati i detentori della bandiera australiana per i Giochi di Tokyo

LEGGI ANCHE: L’Australia spera nella migliore medaglia alle Olimpiadi di Tokyo

Le preoccupazioni del Giappone sull’ultimo ceppo del virus

Sebbene il Giappone abbia finora assistito a un’epidemia di virus relativamente piccola, con circa 14.900 decessi nonostante abbia evitato rigidi blocchi, il suo programma di vaccinazione si è mosso relativamente lentamente.

Finora poco più del 15% della popolazione è stato completamente vaccinato e si teme che la variante delta possa produrre una nuova ondata che potrebbe rapidamente sopraffare le risorse mediche locali.

Ai fan stranieri è già stato vietato di partecipare alle Olimpiadi e gli organizzatori hanno dichiarato il mese scorso che avrebbero limitato il numero di spettatori locali a 10.000 persone, ovvero il 50 percento della capacità del luogo.

Ma hanno riconosciuto che il numero potrebbe diminuire ulteriormente, affermando che i giochi potrebbero svolgersi a porte chiuse se la situazione del virus peggiora e vengono imposte restrizioni più severe a Tokyo.

I possessori di biglietti per gli eventi molto affollati di martedì avrebbero dovuto scoprire se avrebbero ancora posti dopo la lotteria per ridurre la folla.

READ  Studenti stranieri cinesi che tornano in Australia: rapporto

Ma in segno della controversia in corso sulla questione, tali risultati sono stati ora rinviati a sabato.

Il presidente del Comitato olimpico internazionale Thomas Bach è arrivato a Tokyo giovedì pomeriggio e dovrà sottoporsi a una quarantena di tre giorni prima di potersi muovere con accesso limitato.

I partecipanti ai Giochi hanno già iniziato ad arrivare in Giappone, dove sono previsti 11.000 atleti olimpici provenienti da quasi 200 paesi.

I partecipanti olimpici in genere non dovranno aderire a una quarantena completa di 14 giorni, ma dovranno affrontare restrizioni durante il loro soggiorno in Giappone, dove gli atleti sono confinati nei luoghi e nei villaggi olimpici e vengono testati quotidianamente per il virus.

Tokyo 2020 fatica a creare slancio ed entusiasmo per i giochi mentre inizia il conto alla rovescia finale.

La torcia che avrebbe dovuto suscitare entusiasmo mentre vagava per il Paese è stata tolta dalle strade pubbliche nella maggior parte del Paese a causa dei pericoli del virus, e anche le sue gambe nella capitale saranno ora erette senza spettatori.

Ai fan è stato chiesto di evitare la pista della maratona olimpica durante la corsa nel nord di Hokkaido.

I sondaggi mostrano che la maggior parte dei giapponesi preferirebbe che i Giochi fossero posticipati di nuovo o cancellati del tutto, anche se l’opposizione è diminuita nelle ultime settimane.