Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Sostenere una salute pubblica forte e indipendente

La comunità scientifica sta esortando il governo a non voltare pagina troppo velocemente sulle lezioni degli ultimi due anni e a continuare ad ascoltare la scienza per ondate ed epidemie in arrivo.

Una di quelle lezioni per il DrS Alan Poirier, ex Direttore Nazionale della Sanità Pubblica, è la chiara distinzione tra politica e salute pubblica. “All’inizio era così grande che presto fu rilevata dai politici, dallo stesso primo ministro”, osserva il dottore.

È tutta la questione di come gestire un’emergenza sanitaria. Abbiamo visto che questa volta è stato molto politico, e poi le persone hanno finito per non districare i lavoriS Arruda, Ministro della Salute e Primo Ministro.

Una volta fatta questa osservazione, sarà anche necessario attaccare varie strutture di rete che falliscono rapidamente, credono gli scienziati che hanno partecipato al seminario di venerdì sulla gestione del COVID-19 alla conferenza ACFAS.

“Se pensiamo al futuro, non possiamo farlo senza affrontare lì la questione di questi grandi problemi, perché tutte le cose che metteremo su carta in un bel piano, andremo a sbattere contro il muro. se non hanno il potere di metterli in atto”, insiste il dott.Dott Cecile Tremblay, microbiologa e scienziata in malattie infettive presso il Chaum Research Center.

monitoraggio permanente

Quest’ultimo propone la creazione di una struttura permanente per la sorveglianza della pandemia, indipendente dalla politica e protetta dalle riduzioni della salute pubblica degli ultimi anni.

“Abbiamo scritto piani per il post-Ebola e il post-H1N1, ma rimangono su uno scaffale piacevole perché nessuno è responsabile di dare seguito alle raccomandazioni”, spiega lo specialista.

Ad esempio, dDott Judith Favard del Public Health Laboratory del Quebec ha osservato che la provincia aveva messo da parte riserve di reagenti per i test dopo le recenti epidemie di influenza, ma non sono state reintegrate “a causa dei tagli al budget”.

READ  Olivier Veran lascia il tema della salute per i rapporti con il Parlamento - Tahrir

d. è stimatoDott Anne-Claude Labbe dell’Università di Montreal. “Devi essere flessibile e non mettere da parte le esperienze di cui potresti non aver bisogno quotidianamente”.

manifattura locale

Gli scienziati hanno anche identificato la questione della produzione locale di apparecchiature chiave come una priorità per rispondere meglio alle minacce future.

considerato dS Richard Massey, che è stato il braccio destro di Horacio Arruda nelle prime ondate della crisi, ammette che questa mancanza di capacità sarebbe “un grave inconveniente”.

«Non c’è nessuna riserva di attrezzature, nessuna riserva sanitaria o riserva nei laboratori», afferma il medico che fa notare che l’argomento è stato rimesso all’ordine del giorno, ma ora bisogna dare la caccia al governo «per far sì che finisca. “

“Dovremo accettare che in alcuni settori sensibili pagheremo di più per ottenere ciò di cui abbiamo bisogno per rispondere alla pandemia”, aggiunge Cecil Tremblay, che chiede la fine della “fine della candela”. risparmio” in salute.

Hai informazioni che vuoi condividere con noi su questa storia?

Hai uno scoop che potrebbe interessare i nostri lettori?

Scrivici a [email protected] o chiamaci direttamente al 1800-63SCOOP.

Preparati per la prossima ondata

E per il futuro, sapendo che la settima ondata è “quasi certa” in autunno, il governo dovrà stare in guardia anche se la popolazione non è più in vena di gioie estive.

“Le migliori indicazioni per le varianti provengono dall’Europa e altrove. Questi sono indicatori che non possono essere trascurati”, ha affermato il virologo Benoit Barbeau.

Non ci occuperemo di un virus meno trasmissibile. Quando ciò accadrà, accadrà direttamente come un’onda Omicron. Richiederà una strategia di screening e test che vada di pari passo”, sottolinea Cecile Tremblay, sottolineando che la pandemia non è ancora finita.

READ  Finale della Stanley Cup: il pubblico preoccupa la salute pubblica

“Ci sono ancora 30 persone che muoiono al giorno. Dobbiamo ancora dare un nome a ciascuna di queste persone perché nella prima ondata morivano 30 persone al giorno ed eravamo in subbuglio, ma non c’era affatto.

Alcune chiavi nella lotta contro le ondate e le epidemie in arrivo

  • Chiara autonomia della sanità pubblica rispetto alla politica
  • Creare una struttura permanente per il controllo della pandemia
  • Investire nella produzione locale di materiali medici di base
  • Garantire il mantenimento degli investimenti nella sanità pubblica
  • Evoluzione della rete di analisi dei dati informatizzata
  • Mantenere i test per le popolazioni a rischio

Fonte: simposio “Scienza, screening e pandemia: lo scontro di idee”, ACFAS