Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Sopravvissuto all’Olocausto, scienziato ha assegnato il Premio Balzan da $ 815.000

MILANO – Un sopravvissuto e storico franco-americano dell’Olocausto e uno scienziato americano specializzato in batteri intestinali sono stati tra i destinatari dei Premi Balzan di quest’anno, in riconoscimento dei risultati scientifici e scientifici, annunciati lunedì.

Saul Friedlander, che ha insegnato all’UCLA e all’Università di Tel Aviv, ha ricevuto il premio Holocaust and Genocide Studies per il suo lavoro che amplia la prospettiva sulla storia dell’Olocausto.

Con il consenso dei suoi genitori, Friedlander fu battezzato cattolico e in seguito, per sua convinzione, prese in considerazione l’idea di diventare sacerdote. Dopo aver appreso nel 1946 che i suoi genitori sono stati assassinati ad Auschwitz, Friedlander ha riacquistato la sua identità ebraica. In seguito disse: “Ho sentito per la prima volta di essere ebreo”.

Friedlander ha ricevuto il Premio Pulitzer per la narrativa generale nel 2008 per “Gli anni dello sterminio: la Germania nazista e gli ebrei, 1939-1945”, il secondo volume della sua storia degli ebrei nella Germania di Hitler. È stato insignito del titolo di MacArthur Fellow nel 1999, dopo la pubblicazione del primo volume che copre il periodo dal 1933 al 1939, e ha anche ricevuto il Dan David Award in riconoscimento dei risultati eccezionali nella ricerca interdisciplinare.

Friedlander è noto per aver esaminato la persecuzione di tutti gli ebrei in Europa, aggirando gli studi incentrati sul paese che lo hanno preceduto e per aver reso accettabili i documenti personali nella pratica accademica.

READ  Gucci celebra i 100 anni con una mostra su Breaking Michel's Code

“Il suo potere è speciale nel senso che è sia uno scienziato che una vittima dell’Olocausto. Dice che puoi studiare le tue esperienze in modo critico”, ha detto Marjan Schwegemann, lo storico olandese che ha annunciato il premio. incorpora le voci di vittime, carnefici e spettatori in questo romanzo ha cambiato il modo in cui scrive Gli storici della storia dell’Olocausto.

La Fondazione Balzan assegna ogni anno due premi nelle scienze e due nelle discipline umanistiche, e le major si alternano per evidenziare aree di ricerca nuove o emergenti e preservare aree che altrimenti potrebbero essere trascurate. I beneficiari ricevono 750.000 franchi svizzeri ($ 815.000), metà dei quali devono essere utilizzati per la ricerca, preferibilmente da ricercatori o giovani scienziati.

Prima del lavoro pionieristico di Gordon negli anni ’90, ogni decennio venivano pubblicati solo 20 articoli sul microbioma, ovvero i 2 chilogrammi stimati (4,4 libbre) di microbi che vivono in ogni adulto, inclusi pelle, naso e intestino, secondo Jules. Hoffmann, il premio Nobel per la medicina che ha annunciato il premio.

Dieci anni dopo, nel 2000, questo si è esteso a 4.000 giornali e ora ammonta a 80.000 giornali ogni 10 anni. “È diventato un argomento molto scottante nella scienza”, ha detto Hoffman.

Hoffman ha affermato che Gordon ha ampliato la sua ricerca negli ultimi dieci anni per includere la malnutrizione, una delle principali cause di malattia nei bambini sotto i cinque anni, compreso il potenziale per combattere gli effetti dannosi della malnutrizione attraverso i trapianti di microbioma fecale.

READ  L'ex Executive Discovery Executive Marinella Soldi nominata Presidente di Italian Pubcaster RAI in Senior Management Arrangements

I fisici italiani Alessandra Bonanno e il fisico francese Thibaut Damour sono stati premiati per il lavoro che è stato determinante nella scoperta delle onde gravitazionali, contribuendo a far progredire un tipo di astronomia che utilizza le onde gravitazionali come “nuovi e potenti messaggeri dell’universo”, ha affermato il comitato del premio.

Bonanno, 52 anni, è direttore del Max Planck Institute for Gravitational Physics a Potsdam, in Germania, ed è professore di ricerca presso l’Università del Maryland e College Park e professore emerito alla Humboldt University di Berlino e all’Università di Potsdam. Damour, 70 anni, è professore di fisica teorica al Graduate Institute of Sciences di Boris-sur-Yvette, in Francia, dal 1989.

La Commissione Balzan non ha ancora raggiunto un consenso sul premio per l’arte e l’archeologia nel Vicino Oriente antico, ma i funzionari hanno detto di sperare di farlo prima che i premi vengano consegnati a Roma il 18 novembre dal presidente italiano Sergio Mattarella.

Il prossimo anno verranno assegnati premi in filosofia morale, etnomusicologia, biomateriali di nanomedicina, ingegneria dei tessuti, glaciazione e dinamica delle calotte polari.