Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Sì, puoi dire che il tuo cane è tuo figlio (grazie per la scienza)

Quando è nata nostra figlia, abbiamo iniziato a usare la parola “bambino” in modo intercambiabile per riferirci a nostro figlio o al nostro cane.

Con mio marito siamo cresciuti con i cani ed eravamo orgogliosi dello Scout, un cane nero di 15 kg con il petto bianco. O dovrei dire “genitori” Perché a noi è capitato di dire “Il bambino ha fame”parlando di nostra figlia o “Dobbiamo andare, amore mio.”Riferendosi al cane. Non è raro anche sentirci parlare di “taglia piccola” Per impostare gli scout. Naturalmente, in presenza di terzi, questo può creare confusione, perché poi dobbiamo determinare se si tratta del bambino. Umano O uno su quattro.

E potresti aver chiamato inavvertitamente l’ufficio del pediatra invece del veterinario – e viceversa. Stavo scherzando sul fatto che la salute di nostra figlia conta la salute del nostro cane. succulento Era abbastanza dinamico? Aveva il naso freddo? umore allegro? Ottimo, quindi è andato tutto bene. Alla fine, penso che speravamo di instillare l’amore per i cani in nostra figlia.

Ma man mano che nostra figlia, l’Homo sapiens, cresce e acquisisce familiarità con il mondo, avrei notato alcune sorprendenti somiglianze tra lei e il nostro bambino peloso. I due possono essere molto insidiosi se hanno un problema da risolvere: il cane si arrampica su una sedia per arrivare più efficacemente alla spazzatura o il bambino trova un modo per scappare dall’asilo.

Non così strano

Forse la nostra confusione linguistica non era solo eccentrica, ma rivelava qualcosa di più profondo. Dopotutto, non sono l’unico che si riferisce al mio animale domestico come al mio “Bambino peloso” o per ingannare mio figlio orecchie di animali. Infatti, recenti ricerche indicano che a livello cognitivo cani e bambini hanno molto in comune.

READ  Macky Sall riceve il Direttore Generale della FAO

Infatti, né i cani né i bambini possono parlare (almeno frasi complete). Ma puoi spiegare loro le cose e ordinarle ad altri, come Daphna Buchsbaum, una manager Laboratorio di sviluppo cognitivo computazionale e laboratorio di cognizione del cane All’interno della Brown University. Spiega che i cani mostrano anche un attaccamento ai loro proprietari, come i bambini ai loro genitori. Entrambi si aspettano la partecipazione sociale dal caregiver, nello stesso modo in cui rispondono al contatto visivo.

I cani sono unici nel giudicare le persone. Buchsbaum si è iscritto Studio pubblicato a febbraio Esplorare come i cani possono distinguere tra gli esseri umani che forniscono loro informazioni accurate e coloro che li ingannano. Nello studio, una persona (l'”informatore”) doveva indicare una tazza che potesse contenere una ricompensa. L’insetto sbagliato indicava una tazza senza la ricompensa, mentre l’insetto sbagliato indicava il vero nascondiglio. I cani erano in grado di dire quale informatore avrebbe sistematicamente indicato dove trattare?

Secondo lo studio, I cani in questo caso sono pronti a seguire la persona più affidabile., nello stesso modo in cui identifica Buchsbaum, anche i bambini Una capacità sviluppata di capire chi può guadagnarsi la sua fiducia e seguirlo.

Secondo lo specialista, i cani hanno anche una conoscenza di base delle proprietà delle cose – la loro stabilità e durata – il che significa che sanno che le cose non possono attraversarsi, per esempio. da parte dei bambini, “A seconda delle misurazioni utilizzate, anche i bambini molto piccoli (o anche i neonati) hanno determinate aspettative sul comportamento delle cose, ma continuano a svilupparsi fino all’infanzia e oltre”.Buchsboom aggiunge. Tra 12 e 18 mesi circa, bebè “Trascorri molto tempo sperimentando e imparando le proprietà delle cose (guarda come gli piace lanciare le cose!)”.

Metodi di acquisizione simili

I cani non hanno i pollici opposti, ma il loro stile di apprendimento è simile a quello dei giovani adulti. Brian Capelli Professore di Neuroscienze Cognitive alla Duke University, scrive Lee, che i cani sono in grado di imparare le parole attraverso una sorta di pianificazione rapida, proprio come lo sono i bambini. “Quindi, invece di imparare ogni parola, questi cani imparano attraverso il processo di esclusione”., Determina. Ad esempio, supponiamo che ci sia una palla rossa e una macchinina su un tavolo e che tuo figlio conosca la parola “palla” e non “macchina”. Se gli chiedi di prendere la macchina, prenderà la cosa che non c’è Non sfera.

READ  Hanno donato i loro corpi alla scienza e le loro famiglie si sono riunite a Brest - Brest

“I cani sono come Peter Pan. Invecchiano, ma non invecchiano”.

Evan MacLean, direttore del Center for Dog Cognition in Arizona

Alcuni cani mostrano una straordinaria capacità di comprendere il linguaggio. Se vogliamo credere a NPRChaser, un border collie, è meglio conosciuto per riconoscere oltre 1.000 parole, che è all’incirca il vocabolario medio di un bambino di 3 anni. Sembra che i ricercatori dell’Università della California, a San Diego, stiano studiando i cani Capace di comunicare concetti Premendo i pulsanti per avviare questo tipo di annunci: “Di nuovo, prurito, ora”. Naturalmente, avverte Buchsbaum, i cani non hanno tutte le nostre abilità linguistiche, come la comprensione della grammatica.

Ma non si tratta solo di percezione. Se qualcuno alza gli occhi al cielo quando sente i propri compagni parlare dei propri cani come dei “suoi figli”, l’amore che proviamo per i nostri compagni a quattro zampe è paragonabile in molti modi a quello che proviamo per la nostra prole. Secondo Evan MacLean, Direttore dell’Arizona Canin Cognition Center, l’addomesticamento può aver scelto un file Tratti dei giovani lupi.

I cuccioli tendono ad avere occhi relativamente grandi, nasi corti e orecchie flosce – tratti familiari che si trovano in molte razze di cani piccoli e grandi – che i lupi adulti hanno perso. Questi tratti li fanno sembrare per sempre immaturi. “I cani sono come Peter Pan”Maclean riassume. “Invecchiano, ma non invecchiano”, e sono una specie di gioco Un trucco per il nostro cervello Per farci vedere come bambini di cui prenderci cura.

Secondo uno studio Pubblicato nel 2014 in PLOS One, dove i ricercatori del Massachusetts General Hospital hanno eseguito scansioni cerebrali su donne che guardavano immagini dei loro bambini e cani, innescando risposte emotive e cerebrali simili in entrambe le condizioni.

L’ossitocina al lavoro

Se sei un genitore (di qualsiasi tipo!), potresti esserti sentito estasiato al pensiero di quegli occhi grandi e del corpicino morbido. “I genitori e i loro nuovi bambini hanno un meccanismo fisiologico, l’anello dell’ossitocina, che li aiuta a legare quando i bambini non parlano molto e richiedono molto lavoro”.dice lepre. “I ricercatori hanno scoperto che anche i cani possono inserirsi in questo episodio, quindi quando un cane fissa il suo conduttore e viceversa, l’ossitocina genera un meccanismo di feedback positivo simile a quello che i genitori fanno con i loro figli”.

Come esseri umani, tendiamo a sottovalutare che i cani non hanno la stessa visione del mondo che abbiamo noi.

Le somiglianze intrinseche tra cani e bambini potrebbero aprire nuove strade alla ricerca. Buschbaum ha intenzione di studiare ‘interesse comune’ nei cani. È considerata una parte importante dello sviluppo di un bambino piccolo, quando un bambino vuole coinvolgere una terza parte intorno a qualcosa come un giocattolo. A qualsiasi proprietario di cane, questo comportamento suona fin troppo familiare: giochi una palla e il tuo animale domestico la lancia a qualcun altro con cui ballare. In definitiva, questi sono studi che ci aiutano a capire meglio come funzionano la cognizione e l’intelligenza in generale.

Ma ovviamente, non dobbiamo dimenticare che ci sono alcune differenze fondamentali tra cani e umani. Buchsbaum sottolinea che come esseri umani tendiamo a sottovalutare che i cani non hanno la nostra stessa visione del mondo. Lo capiamo principalmente di vista, come i nostri genitori primati, mentre i cani si affidano maggiormente all’olfatto.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Spero che un giorno mia figlia impari a usare 20.000-35.000 parole, scrivere articoli, prendersi cura di se stessa e cucinare. Ma il nostro cane dipenderà sempre da noi per il resto della sua vita. In questo senso, è più infantile di un neonato: sarà sempre nostro figlio.