Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Separatisti catalani scarcerati dopo aver ricevuto l’amnistia dal governo spagnolo

Nove separatisti catalani graziati dal governo spagnolo sono stati rilasciati dal carcere tra gli applausi dei sostenitori, lasciando dietro di sé lunghi periodi per il tentativo della loro organizzazione quattro anni fa di rendere la Catalogna una repubblica indipendente.

Gabinetto spagnolo perdonali martedì (ora locale) Sperando di avviare quella che il Primo Ministro Pedro Sanchez ha definito una riconciliazione tanto necessaria nella regione nordorientale del paese.

L’ex vicepresidente catalano Oriol Junqueras, cinque colleghi membri del gabinetto, l’ex presidente del parlamento regionale e due attivisti indipendentisti, sono usciti poco dopo mezzogiorno.

Hanno trascorso tre anni e mezzo dietro le sbarre.

Mercoledì, la Gazzetta Ufficiale spagnola ha pubblicato la decisione del governo di graziarli.

I separatisti liberati sono stati accolti da decine di sostenitori e parenti che si sono radunati sotto la pioggia, cantando e applaudendo.

Gli uomini liberati in un gruppo portavano un piccolo striscione con la scritta “Catalonia Freedom” in inglese, oltre a una bandiera catalana.

Si sono rivolti ai loro sostenitori in catalano.

I separatisti imprigionati sono usciti dal carcere tra gli applausi dei sostenitori.
I separatisti imprigionati sono usciti dal carcere tra gli applausi dei sostenitori.(

Afp: Juan Mathieu

)

“Siamo consapevoli che oggi, con la nostra scarcerazione, nulla è finito”, ha detto Junqueras ai suoi sostenitori in un discorso provocatorio.

“Stai gettando il destino del Paese nelle mani dei separatisti”

L’amnistia ha annullato le restanti pene detentive da 9 a 13 anni per sedizione e uso improprio di fondi pubblici legati al referendum bandito del 2017 e alla breve dichiarazione di indipendenza della Catalogna.

Ma il decreto diceva che i separatisti non sarebbero stati in grado di ricoprire cariche pubbliche fino alla fine della loro condanna e potrebbero tornare in prigione se violassero nuovamente la legge spagnola.

Nonostante i sondaggi d’opinione mostrassero che molte persone in Spagna erano contrarie all’amnistia, Sánchez li difese, sostenendo che erano popolari in Catalogna e che la liberazione dei separatisti sarebbe stato un nuovo inizio per le relazioni tra autorità centrali e regionali.

Le divisioni politiche sono entrate in gioco mercoledì nel parlamento nazionale.

Il leader dell’opposizione conservatrice Pablo Casado ha chiesto le dimissioni del primo ministro per concedere la grazia senza consultare i legislatori.

“Segnerai un giorno sfortunato per la storia democratica della Spagna, stai gettando il destino del paese nelle mani dei separatisti”, ha detto Casado, accusando Sanchez di mentire perché il leader socialista ha promesso di non fare concessioni ai separatisti quando è salito al potere.

Un poster di Oriol Junqueras a Barcellona prima delle elezioni regionali catalane.
L’ex vicepresidente catalano Oriol Junqueras è stato tra coloro che sono usciti liberi.(

ABC News: Timothy Stevens

)

Sanchez ha risposto dicendo che la decisione di grazia è stata “coraggiosa, conciliante e favorevole alla convivenza”.

I legislatori separatisti catalani hanno invitato il governo a fare un altro passo avanti e lo hanno esortato a seguire la “via scozzese” – un riferimento al referendum sull’indipendenza scozzese del 2014 autorizzato dal governo britannico.

AP

READ  Biden aumenta la concorrenza per i giganti della tecnologia con la revisione