Maggio 22, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Sei Nazioni: il Sudafrica si unirà al Sei nel 2025, mentre l’Italia affronta lo stivale

ESCLUSIVO: Il Sud Africa è destinato a sostituire l’Italia nel Sei Nazioni dal 2025 con una mossa sismica per la struttura globale del rugby football, con gli investitori CVC “la forza trainante” dietro l’idea dopo aver acquistato una partecipazione di 365 milioni di sterline nella competizione

  • Il campione del mondo Sudafrica accelera le sue mosse per entrare a far parte del Sei Nazioni
  • Gli Springboks vogliono entrare in Europa e possono giocare dal 2025
  • Le squadre provinciali del Paese si stanno già preparando a competere in Europa la prossima stagione
  • Ma la presenza del Sudafrica potrebbe portare all’uscita dell’Italia dal torneo


La trasformazione del Sudafrica nel Campionato Sei Nazioni è ancora in corso, con i colloqui in corso sull’adesione degli Springboks al grande Campionato Europeo dal 2025.

Nonostante l’annuncio di mercoledì che il Sudafrica, la Nuova Zelanda, l’Australia e l’Argentina si siano impegnati per altri tre anni nel torneo annuale di rugby dell’emisfero australe, è comprensibile che la World Champions League rimanga intenzionata a riallinearsi con il Nord.

Con le squadre provinciali del paese che si preparano a prendere parte ai Campionati Europei dalla prossima stagione, il passo successivo è integrare i Boks nel Campionato Sei Nazioni. Questo scenario è stato segnalato per la prima volta da Posta sportiva A febbraio 2020, e sebbene il programma sia leggermente cambiato, il risultato non lo è stato.

Inizialmente si credeva che la mossa – che ha profonde implicazioni per la struttura globale dello sport – sarebbe avvenuta nel 2024, poco dopo la prossima Coppa del Mondo.

READ  C'è una partita importante all'Inter di Simone Inzaghi?

Ora, le fonti hanno indicato che la complessità degli accordi significa che la mossa entrerà in vigore dopo 12 mesi.

Il Sudafrica si unirà al Sei Nazioni dal 2025 in un movimento sismico per il mondo del rugby

Gli investitori di CVC sono una forza trainante dietro l'idea dopo aver acquistato una partecipazione di 365 milioni di sterline nella competizione, che Wells ha vinto l'ultima volta nel 2021.

Gli investitori di CVC sono una forza trainante dietro l’idea dopo aver acquistato una partecipazione di 365 milioni di sterline nella competizione, che Wells ha vinto l’ultima volta nel 2021.

Buone fonti hanno indicato che il piano più probabile è mantenere il formato a sei squadre, piuttosto che qualsiasi espansione del torneo.

Ciò significa che i Boks sostituiranno l’Italia in difficoltà, che aumenterà la competitività della manifestazione ma ridurrà le prospettive future per i sindacati partecipanti per concordare un modello di ascesa e caduta, senza la rete di sicurezza per gli Azzurri più deboli.

Quando lo scorso autunno gli è stato chiesto dell’opzione per espandere il torneo, l’amministratore delegato del Sei Nazioni, Ben Morrell, ha dichiarato: “I Sei hanno aggiunto e tagliato le loro squadre molto poche volte in 140 anni, quindi staremmo molto attenti a farlo esso. Siamo molto contenti di quello che abbiamo, ma siamo sicuri che possa essere migliorato.

Campioni del mondo - guidati da Rasi Erasmus - ancora puntati sull'alleanza con l'Europa

Campioni del mondo – guidati da Rasi Erasmus – ancora puntati sull’alleanza con l’Europa

L’anno scorso, CVC ha acquistato una settima partecipazione nella competizione, per un investimento di “fino a 365 milioni di sterline”.

Resta inteso che dietro le quinte, la società di private equity sta agendo come una forza trainante nella promozione di colloqui volti a garantire l’ingresso del Sud Africa nelle sei nazioni. Si dice che credano che guadagni commerciali significativi possono essere ottenuti solo attraverso interruzioni e riforme fondamentali.

READ  Tammy Abraham: la Roma accetta un contratto da 34 milioni di sterline per firmare l'attaccante del Chelsea | notizie di calcio

Il rugby in Sud Africa si è gradualmente allineato con il Nord, allontanandosi dalle tradizionali relazioni con i partner dell’emisfero meridionale in fusi orari molto diversi. Le loro squadre regionali ora partecipano alla United Rugby League (URC) con le squadre gallesi, scozzesi, irlandesi e italiane, e dalla prossima stagione parteciperanno ai Campionati Europei.

Il paese ha una cultura del rugby profondamente radicata, fornendo una leva commerciale che supporta da anni la Sanzar Alliance (Sud Africa, Nuova Zelanda, Australia e Argentina).

La loro capacità di generare entrate radiotelevisive è stata una delle principali attrattive dell’Unione Europea, che ha portato alla creazione dell’URC.

L'inclusione del Sud Africa potrebbe portare al ritiro dell'Italia in difficoltà dalla lista dei tornei

L’inclusione del Sud Africa potrebbe portare al ritiro dell’Italia in difficoltà dalla lista dei tornei

Quando lo scorso marzo è stato annunciato l’investimento di CVC nel Sei Nazioni, la dichiarazione di intenti della società diceva: “L’obiettivo è migliorare il panorama sportivo per tutte le leghe, squadre e marchi; e costruire capacità commerciali più ampie per supportare questi piani ambiziosi.

Questi passaggi garantiranno uno sviluppo continuo a beneficio dei fan e attireranno una base di fan nuova, più diversificata e globale.

Alcune figure potenti del gioco europeo si oppongono con veemenza all’adesione degli Springboks alle Sei Nazioni. Ma i fattori aziendali avranno la priorità tra gli shock finanziari in corso dovuti alle perdite globali legate al Covid.

Se il CVC e le autorità di gioco decidono che questo è il modo migliore per massimizzare le entrate, è sicuramente un imperativo.

Il CEO di Sanzar, Brendan Morris, ha confermato che SAFA sta esaminando scenari alternativi, dicendo: “Ci hanno informato che stavano esplorando le loro opzioni. Era molto prima di Natale.

READ  Acquisizione del Newcastle United, trasferimento, gol, pettegolezzi, voci, finestra estiva, allenatore, Steve Burs, Graham Potter, Steven Gerrard

Annunci