Maggio 19, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Segni, licenziamenti e successi: come Abramovich ha cambiato il Chelsea

La decisione di Roman Abramovich di vendere il Chelsea ha suscitato shock nel calcio inglese, ma se n’è andato con il club saldamente affermato come uno dei giganti del gioco europeo.

Il miliardario, che presumibilmente ha stretti legami con il presidente russo Vladimir Putin, non è stato nella lista crescente di sanzioni britanniche contro banche, società e magnati filo-Cremlino russi sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.

Ma il 55enne ha deciso che era nel migliore interesse del club, dei tifosi e dello staff vendere il Chelsea.

Il Chelsea Abramovich è molto diverso dal club che ha acquistato nel 2003 per soli 140 milioni di sterline (187 milioni di dollari) in un momento in cui Manchester United e Arsenal erano le forze dominanti in Premier League.

Il club è passato da un fallimento in bilico sull’orlo di una crisi finanziaria a uno dei più ricchi della Premier League grazie alle tasche profonde della Russia, che ha regolarmente finanziato enormi trasferimenti.

È stato premiato con 19 trofei importanti nei suoi 19 anni di regno, cambiando il volto del calcio inglese ed europeo.

L’arrivo di Abramovich allo Stamford Bridge ha anche innescato un’ondata di investimenti esteri in Premier League

Arsenal, Liverpool e Manchester United sono tutti di proprietà americana, il Manchester City ha vinto cinque degli ultimi 10 titoli grazie al sostegno di Abu Dhabi, mentre il Newcastle è ora finanziato dal fondo sovrano dell’Arabia Saudita.

– ‘Uno speciale’ –

Uno dei primi gol di Abramovich è stato portare Jose Mourinho come allenatore per sostituire Claudio Ranieri nel 2004.

READ  Ancora frustrazione per Mourinho quando la Roma batte la Juventus | Gli sport

Soprannominati Special One, dopo il successo in Champions League con il Porto, Special One ha ottenuto il suo primo titolo in campionato dal 1955 nella prima stagione e ha ripetuto l’impresa nel 2006.

I portoghesi se ne andarono nel 2007 ma, nonostante i frequenti cambi di gestione, i premi continuarono a scorrere poiché i Blues smentivano l’idea che la stabilità genera successo.

Un totale di 13 uomini hanno guidato il club negli ultimi 19 anni e Mourinho e Guus Hiddink sono subentrati in due occasioni.

Lo sconosciuto Roberto Di Matteo è riuscito quando i grandi allenatori Mourinho e Carlo Ancelotti non sono riusciti a vincere la loro prima Champions League con una squadra anziana nel 2012.

Anche allora, l’italiano è stato licenziato tre mesi nella stagione successiva.

I due incantesimi di Mourinho hanno conquistato metà dei sei scudetti del Chelsea nella loro storia, ma Abramovich ha deciso due volte di separarsi dal portoghese.

Lo stesso destino è toccato al capocannoniere di tutti i tempi del club, Frank Lampard, l’anno scorso, ma lo stile duro del russo ha continuato a raccogliere i frutti.

A quattro mesi dal successore di Lampard, Thomas Tuchel ha celebrato il suo secondo titolo di Champions League in campo con Abramovich a Porto l’anno scorso.

L’ammissione di Tuchel che questa è la prima volta che i due si incontrano ha confermato l’approccio laissez-faire di Abramovich alla corsa quotidiana del club.

La direttrice Marina Granovskaya, stretta alleata del proprietario, ha preso l’iniziativa nel reclutare giocatori e manager.

Ma la fortuna della Russia, che mercoledì la rivista Forbes ha stimato in 12,4 miliardi di dollari, è alla base di due decenni di successo quasi ininterrotto.

READ  Programma Canali Italiani 2021 | Organizza il gioco oggi

Abramovich ha detto che non cercherà i prestiti di 1,5 miliardi di sterline che gli sono dovuti dal club e donerà tutti i proventi netti della vendita del Chelsea alle vittime della guerra in Ucraina.

La decisione di non chiedere il rimborso del prestito dovrebbe aumentare gli interessi di un club ormai affermatosi nell’élite calcistica europea.

Ma ci vorranno enormi tasche per avvicinarsi a replicare il successo a cui sono abituati i tifosi del Chelsea.

kca / jw / dj