Agosto 9, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Secondo i cardiologi, sentirsi soli sarà un vero rubacuori

Sappiamo quanto sia difficile vivere con la solitudine a livello psicologico ed emotivo. Ma in un comunicato stampa dell’American Heart Association pubblicato giovedì 4 agosto, gli specialisti hanno rivelato che avrà anche un effetto diretto sul cuore. (fonte 1)

In primo luogo, è importante distinguere tra solitudine e isolamento sociale.

Caratterizzato da isolamento sociale Mancanza di interazioni sociali regolari. Piuttosto, è unità Sensazione. Così, si può essere circondati ma sentirsi soli. Nessuno di questi fenomeni è considerato buono per l’organismo.

“Ricerche durate più di quarant’anni hanno chiaramente dimostrato che l’isolamento sociale e la solitudine sono associati a effetti negativi sulla salute”.ha detto Crystal Wiley Cinney, che ha guidato il gruppo che ha redatto la dichiarazione.

32% in più di probabilità di avere un ictus

Crystal Wiley Cené e il suo team hanno analizzato i risultati della ricerca pubblicati fino a luglio 2021. Questa recensione lo ha rivelato La solitudine e l’isolamento sociale sono fattori frequenti ma sottovalutati. Colpisce il cuore, i vasi sanguigni e il cervello.

I ricercatori lo hanno scoperto Il rischio di ictus è aumentato del 32% e il rischio di infarto è aumentato del 29%. nelle persone sole.

“L’isolamento sociale e la solitudine sono anche associati a peggiori aspettative nelle persone che hanno già una malattia coronarica o un ictus”.Il dottor Seni ha confermato.

Grazie a questa scoperta, gli scienziati sperano in una migliore assistenza ai pazienti.

È urgente sviluppare, attuare e valutare programmi e strategie volti a ridurre gli effetti negativi dell’isolamento sociale e della solitudine sulla salute cardiovascolare e sulla salute del cervello.disse il dottor Sene.

“I medici dovrebbero chiedere ai pazienti con quale frequenza svolgono attività sociale e se sono soddisfatti del loro livello di interazione con amici e familiari. Dovrebbero quindi essere preparati a indirizzare le persone socialmente isolate o isolate, in particolare quelle con una storia di malattie cardiache o ictus, a risorse della comunità Per aiutarli a comunicare con gli altri.