Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Scott Morrison ammette che il governo non può aiutare tutti gli afghani che hanno aiutato l’assediato ADF

Il Primo Ministro ha riconosciuto che il governo australiano non sarebbe stato in grado di assistere tutti gli afghani che hanno lavorato e sostenuto le forze australiane, sulla scia del ritorno al potere dei talebani.

Lunedì , I talebani hanno sequestrato il palazzo presidenziale a Kabul Dopo aver controllato quasi tutto l’Afghanistan in poco più di una settimana.

L’Australia sta inviando truppe e aerei a Kabul in una missione di salvataggio per evacuare australiani e afgani che hanno lavorato a fianco delle forze di difesa australiane durante la guerra decennale.

e lei Non è chiaro quando potranno atterrare a causa della situazione instabile Nella capitale in questo momento.

Scott Morrison ha affermato di comprendere che molti veterani australiani sono preoccupati per la sicurezza delle persone locali con cui hanno lavorato.

“Continueremo a fare tutto il possibile per coloro che sono stati con noi, come abbiamo fatto fino ad oggi”, ha detto.

“Gli eventi sul campo hanno superato molti sforzi e vorremmo che fossero diversi”, ha aggiunto.

Ci sono state richieste prima che i talebani riprendessero il controllo dell’Afghanistan per Il governo accelera i visti per i dipendenti locali che hanno lavorato con ADF.

Il governo ha detto prima Ai visti per i dipendenti assunti localmente è stata data la “priorità assoluta” 430 persone e le loro famiglie sono state restituite in Australia.

Il primo ministro Scott Morrison ha affermato che il governo si è impegnato ad aiutare coloro che hanno servito e assistito le forze della coalizione.

“Ci sarà altro da aggiungere”, ha aggiunto.

“Non è solo attraverso il programma congiunto a livello locale che stiamo correndo con un grande senso di urgenza, soprattutto quest’anno.

“Ma oltre al nostro programma umanitario più in generale, che ha il potenziale per garantire che possiamo anche portare le persone attraverso queste sfide in una situazione molto difficile come in Afghanistan in questo momento”.

Proseguirà lo sbarco “ottimista” del Primo Ministro a Kabul

Morrison non ha fornito ulteriori dettagli su quando le truppe e gli aerei australiani in rotta verso Kabul sarebbero stati in grado di atterrare.

Ha detto di essere “ottimista” sul fatto che sarebbe successo, ma ha chiarito che la priorità era assicurarsi che fosse fatto in sicurezza.

“Che gli australiani coinvolti in quelle operazioni lo fanno in modo da proteggere la loro sicurezza ma anche per portare a termine il lavoro”.

Il Comitato per la sicurezza nazionale si riunisce quotidianamente per discutere della situazione in Afghanistan.

Fermate le deportazioni degli afghani

Il governo ha anche annunciato che i cittadini afgani in Australia non saranno costretti a tornare in Afghanistan alla scadenza del visto a causa della precaria situazione nel Paese.

Il ministro dell’immigrazione Alex Hook ha affermato che agli afgani con visto, compresi i visti temporanei, non sarà richiesto di partire e tornare in Afghanistan “mentre la situazione della sicurezza rimane disastrosa”.

Tuttavia, non ha specificato quali azioni il governo avrebbe intrapreso in futuro.

Hook ha anche affermato che dal 15 aprile sono stati concessi 640 visti a dipendenti assunti localmente in Afghanistan e alle loro famiglie, e da allora più di 430 visti sono arrivati ​​in Australia.

La mossa del governo Simile all’azione che ha intrapreso l’anno scorso per Hong Kong in Australia, per estendere il tempo su diversi visti in risposta alla repressione della Cina sulle libertà personali nella regione autonoma.

READ  California Election Drawdown: Doomsday for Democrats mentre Gavin Newsom affronta Larry Elder