Settembre 27, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Scott Morrison afferma che l’Australia non firmerà un “assegno in bianco” per ridurre le emissioni dopo un grave allarme sui cambiamenti climatici

Il primo ministro Scott Morrison non si è impegnato ad adottare un obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030 più ambizioso dopo un serio avvertimento delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Martedì Morrison ha dato il via a una conferenza stampa per discutere i risultati del rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite, che delinea la necessità di un’azione urgente per affrontare il riscaldamento globale.

Alla domanda se l’Australia assumerà un obiettivo più ambizioso per il 2030 al vertice sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow a novembre, il primo ministro ha affermato che le sue intenzioni sarebbero state chiare prima dell’incontro cruciale.

“Incontreremo e supereremo i nostri obiettivi”, ha detto ai giornalisti a Canberra.

“Aggiorneremo ciò che prevediamo di ottenere entro il 2030, come facciamo sempre, e lo renderemo molto chiaro”.

I riflettori sull’approccio dell’Australia al cambiamento climatico sono aumentati dopo che un nuovo rapporto di riferimento ha avvertito che l’attività umana sta alterando il clima in modi senza precedenti.

Morrison ha sottolineato di essere impegnato a lavorare sul cambiamento climatico, ma ha affermato che l’Australia regionale non sopporterà l’onere della riduzione delle emissioni.

“Non firmerò un assegno in bianco a nome degli australiani per scopi senza piani”, ha detto.

“Non chiederò alle persone nelle regioni di questo paese di sopportare l’onere solo per il bene del paese”.

L’ultimo rapporto ha avvertito che l’aumento della temperatura globale raggiungerà 1,5 gradi tra il 2030 e il 2040 e ha avvertito che l’aumento delle temperature sta aumentando gli eventi meteorologici estremi.

Tuttavia, il rapporto afferma che se venissero fatti ora tagli immediati e diffusi alle emissioni, la curva alla fine si piegherebbe al livello considerato accettabile ai sensi dell’accordo di Parigi.

READ  "Situazione goffa, inappropriata e inappropriata per l'Australia": l'ambasciatore francese lascia Canberra per una fila di sottomarini

Ha anche scoperto che il clima australiano diventerà più estremo in un mondo sempre più caldo, con gli effetti a catena di siccità e ondate di calore e l’aggravamento delle potenziali minacce di incendi boschivi.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha descritto il rapporto come un “simbolo rosso per l’umanità”.

“Questo rapporto dovrebbe essere una campana a morto per carbone e combustibili fossili prima che distruggano il nostro pianeta”, ha detto.

“Non siamo sulla strada giusta”

I risultati del rapporto mettono l’approccio australiano alla riduzione delle emissioni sotto un nuovo esame.

L’Australia non ha fissato una scadenza per raggiungere lo zero netto, ma il governo federale afferma che ci arriverà il prima possibile, preferibilmente entro il 2050.

Diversi colleghi internazionali si sono impegnati a raggiungere lo zero netto entro il 2050 e altri, tra cui Stati Uniti e Regno Unito, hanno notevolmente aumentato l’ambizione dei loro obiettivi per il 2030.

Il governo australiano si è impegnato a ridurre le emissioni del 26-28% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030 in base all’accordo di Parigi.

Il professor Mark Howden dell’ANU Institute for Climate Change, coautore del rapporto IPCC, Australia, ha avvertito che questa misura non è sufficiente.

“Non siamo sulla buona strada per raggiungere obiettivi di riduzione delle emissioni che mantengano il clima entro limiti ragionevoli e gestibili”, ha detto a SBS News.

Il professor Howden ha affermato che l’approccio dell’Australia non è in linea con l’obiettivo dell’accordo di Parigi di prevenire un aumento della temperatura globale oltre 1,5-2°C.

“Possiamo scegliere il futuro climatico in cui cadiamo – la palla è nel nostro campo”, ha detto.

READ  L'indiano Modi annuncia un piano per infrastrutture e posti di lavoro da 1,35 trilioni di dollari

“C’è speranza che possiamo cambiare il futuro in cui finiamo”.

‘Svegliati piangi’

I leader mondiali hanno espresso il loro peso nel rapporto, affermando che sperano che incoraggerà obiettivi più ambiziosi per l’azione globale sui cambiamenti climatici.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato di sperare che il rapporto sia un “campo d’allarme affinché il mondo agisca subito, prima di incontrarci a Glasgow”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha anche twittato: “Non vediamo l’ora di affrontare la crisi climatica. Le indicazioni sono inequivocabili. La scienza è innegabile. Il costo dell’inazione è in costante aumento”.

Morrison in seguito ha affermato di aver riconosciuto le “serie implicazioni” degli avvertimenti nel rapporto dell’IPCC, ma di non essersi impegnato in nuove misure per ridurre le emissioni.

Ha aggiunto che non si può ignorare che il mondo in via di sviluppo è responsabile di due terzi delle emissioni globali e che “queste emissioni sono in aumento”.

“È anche un fatto chiaro che le emissioni della Cina rappresentano più di quelle dell’OCSE messe insieme”, ha affermato.

Il rapporto ha anche acceso un ulteriore dibattito politico sul lavoro dell’Australia sul cambiamento climatico.

Il leader del Senato laburista Penny Wong ha affermato che l’Australia ha “l’obbligo” di agire e ha accusato il governo di rifiutarsi di “assumersi la responsabilità”.

“La corsa contro il cambiamento climatico è una gara che dobbiamo vincere”, ha detto.

Il leader del Partito dei Verdi Adam Bandt ha affermato che il primo ministro si è rifiutato di adottare misure appropriate per ridurre le emissioni.

“Ci sono altri paesi che intervengono e Scott Morrison si rifiuta di farlo”, ha detto.

READ  La mamma muore di Covid-19 dopo aver rifiutato di prenotare un appuntamento per il vaccino

Il signor Morrison ha ribadito l’impegno del suo governo per un approccio basato sulla tecnologia per ridurre le emissioni.

“Abbiamo bisogno di più tecnologia e nessuno soddisferà la nostra ambizione di trovare una soluzione basata sulla tecnologia”, ha detto, “perché penso che sia ciò che funziona”.