Maggio 25, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Scorciatoia per eliminare le NTD e raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile – Matin Libre

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Indipendentemente dalle precedenti edizioni, il tema dei servizi igienico-sanitari è al centro del 9° World Water Forum di Dakar grazie alla guida di Speak Up Africa. Il terzo giorno, la sessione organizzata al Sanitation Village ha permesso a diversi relatori di sottolineare l’importanza di un approccio integrato all’igiene con il settore sanitario per vincere la battaglia contro le malattie tropicali trascurate (MTN).

7 malattie tropicali su 10 trascurate sono associate a scarsa igiene e igiene. Tuttavia, il controllo NTD non tiene conto del settore igienico-sanitario. Questa situazione spiega i lenti progressi nel controllo delle malattie tropicali trascurate. Si stima che circa 600 milioni di persone nel continente africano soffrano ancora dei cinque NTD più comuni: schistosomiasi, oncocercosi, elmintiasi del suolo, tracoma e filariosi linfatica.

In risposta a questo grave problema, tutti i relatori della sessione hanno chiesto un approccio multisettoriale che integri igiene e servizi igienico-sanitari al fine di sradicare queste malattie. Per il coordinatore del programma NTD del Senegal, il dottor Kane Ndèye Mbacke, le cattive condizioni e l’igiene sono la causa di 7 NTD su 10. Le persone con NTD sono quelle che vivono in aree e ambienti in cui l’igiene è ancora un lusso. Sostenendo che un approccio multisettoriale deve essere una realtà, ha dato l’esempio del Senegal che, nella commissione multisettoriale che era stata istituita, ha istituito la Commissione sull’acqua, i servizi igienico-sanitari e l’igiene per affrontare meglio le carenze igieniche. Afferma che questo approccio multisettoriale è un modo per accelerare i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. “Se facciamo progressi sulle malattie tropicali trascurate, raggiungeremo gli obiettivi di sviluppo sostenibile”, sottolinea. Per l’ex ministro e membro del Comitato consultivo di Voix Essentielles, il professor Dioro Ndiaye, non c’è salute per tutti senza WASH (Acqua, igiene e servizi igienico-sanitari). È anche sostenuto dal vice del Benin, Aki Natondi, che sottolinea che la salute è molto importante non lasciarlo solo ai professionisti Secondo lui, è importante tradurre questa integrazione nei testi delle leggi e chiarire il ruolo di ogni attore per raggiungere al meglio gli obiettivi.

READ  editoriale. fantascienza

Oltre a questo approccio multisettoriale, sono necessari finanziamenti adeguati. Ma per mobilitare le risorse, si dovrebbe privilegiare l’uso delle risorse locali per garantire la sostenibilità degli interventi.

Ferma la sofferenza delle donne attraverso l’inclusione

Una delle sfide da affrontare al di fuori dell’approccio multisettoriale è e rimane il genere e l’inclusione. Secondo l’ex ministro e membro del comitato consultivo di Voix Essentielles de Speak Up Africa, il professor Dioro Ndiaye, questa complementarità è evidente. Perché, dice, non è una storia di discriminazione politica contro le donne. “In tutti i Paesi, ricchi o poveri, la salute delle persone dipende dalle condizioni sociali in cui vivono, lavorano e muoiono. Il rapporto tra la salute di una popolazione e l’ambiente in cui si sviluppa non può essere ignorata. Si tratta di giustizia sociale per la vita, spiega la signora Ndiaye, ritiene che l’integrazione del genere nelle politiche pubbliche sia importante perché è un determinante sociale, politico ed economico della vita delle popolazioni interessate.

Alan Tosonon (inviato speciale)