Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Scoprire che la quantità di calore oceanico sta accelerando e alimentando eventi meteorologici estremi | ambiente

Un nuovo studio scientifico rivela che la quantità di calore che si accumula nell’oceano sta accelerando e penetrando più in profondità, con effetti ad ampio raggio sugli eventi meteorologici estremi e sulla vita marina.

Uno degli autori del rapporto ha affermato che le devastanti inondazioni nell’Australia orientale sono state probabilmente esacerbate dal riscaldamento degli oceani. Il rischio continuerà ad aumentare con il riscaldamento dell’oceano, afferma il rapporto.

Oltre il 90% del calore generato dall’aggiunta di gas serra nell’atmosfera attraverso la combustione di combustibili fossili viene assorbito dall’oceano.

L’articolo su Nature Reviews: Earth and Environment afferma che il tasso di riscaldamento nei primi due chilometri è raddoppiato rispetto ai livelli degli anni ’60.

secondo Revisione Il calore in eccesso sta accelerando l’innalzamento del livello del mare, intensificando gli eventi di pioggia estrema, sciogliendo i ghiacci, aggiungendo energia agli uragani e cambiando dove si formano, e provocando ondate di calore marino più intense.

Gli habitat marini, comprese le barriere coralline, erano minacciati e il riscaldamento significava che gli oceani erano meno in grado di assorbire il carbonio dall’atmosfera.

Anche nello scenario più ambizioso per l’azione sulle emissioni di gas serra, la revisione ha affermato che il riscaldamento degli oceani sarebbe almeno raddoppiato rispetto ai livelli attuali entro la fine del secolo.

“L’aumento delle temperature oceaniche sta già causando piogge torrenziali, lo scioglimento dei ghiacci e l’innalzamento del livello del mare, oltre a danneggiare le barriere coralline e gli ecosistemi”, ha affermato il professor Matt England, coautore e oceanografo dell’Università del New South Wales. “Senza tagliare le emissioni, peggiorerà solo”.

Quindici scienziati provenienti da Australia, Nuova Zelanda, Cina, Regno Unito, Francia e Stati Uniti hanno condotto la revisione, che ha esaminato i cambiamenti storici delle temperature oceaniche a diverse profondità ed ha esaminato i risultati dei modelli climatici per i cambiamenti futuri.

La revisione ha rilevato che tutti i bacini oceanici si stavano riscaldando, ma il riscaldamento era più pronunciato nell’Oceano Australe e nell’Oceano Atlantico. Dagli anni ’90 il riscaldamento è stato rilevato anche a una profondità di oltre due chilometri.

Il dottor Kevin Trenberth, coautore e illustre ricercatore presso il National Center for Atmospheric Research degli Stati Uniti, ha dichiarato: “Il miglior predittore del riscaldamento globale è il contenuto di calore globale dell’oceano.

“L’oceano è il ricordo di tutto questo riscaldamento globale… Questo riscaldamento oceanico è davvero implacabile e ha conseguenze devastanti per l’innalzamento del livello del mare. L’impatto sui sistemi meteorologici è che possono diventare più grandi, più intensi e durare più a lungo”.

Ha detto che la quantità di pioggia vista in alcune parti del Victoria negli ultimi giorni è stata correlata al calore in eccesso visto nel Mar dei Coralli e nel Mar di Tasmania.

“Il punto in cui cadono le precipitazioni è determinato da La Niña, ma la quantità e l’intensità che si verificano hanno le componenti aggiuntive del riscaldamento globale”, ha affermato.

Ai tassi attuali, la quantità di energia aggiunta all’oceano ogni anno sotto forma di calore è pari a circa 80 volte la produzione totale di elettricità del mondo, ha affermato Trenberth.

“Anche se raggiungiamo lo zero netto nel 2050, il contenuto di calore oceanico continua a salire e il livello del mare aumenta per alcuni secoli”, ha affermato.

Il professor David Schumann, dell’Università della Sunshine Coast, non è stato coinvolto nella revisione, ma ha coordinato l’autore principale del capitolo sull’oceano nell’ultimo rapporto delle Nazioni Unite sul clima.

Ha affermato che la revisione era in gran parte in linea con le precedenti valutazioni delle Nazioni Unite, ma ha ridotto l’incertezza e probabilmente ha escluso le previsioni più alte e più basse sui cambiamenti della temperatura oceanica.

Schumann ha affermato che le ondate di calore marino, esacerbate dal riscaldamento globale, hanno causato la morte di un gran numero di piante e animali marini.

“Le stime in questo documento indicano che, in media, abbiamo rilasciato nell’oceano energia equivalente a circa 3,5 bombe atomiche di Hiroshima ogni secondo durante il periodo 1971-2018”, ha affermato.

“L’oceano globale contribuisce in modo molto reale a quasi ogni aspetto della nostra vita, ma questo è spesso trascurato a favore delle cose che vediamo di fronte a noi”.

READ  I timori di una madre infettata dal virus Corona che espone decine di pazienti al pronto soccorso di Sydney