Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Science in Zero Gravity, un’avventura spaziale matura

Science in Zero Gravity, un'avventura spaziale matura

Più di 20 anni di orbita attorno alla Terra per far avanzare la scienza: la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), che sta per accogliere Thomas Pesquet, è diventata nel tempo un sofisticato laboratorio, dove l’assenza di gravità non ha ancora finito di suscitare l’appetito dei ricercatori.

Dall’inizio della sua costruzione nel 1998, più di 3.000 prove sono state effettuate a un’altitudine di 400 km. Alcuni si sono rivolti verso la Terra, altri verso l’esplorazione dello spazio e la Luna e Marte sono ora all’orizzonte.

La pianta ha raggiunto la sua età d’oro, dopo un lungo periodo di crescita. “Funziona al 100% della sua capacità e utilizzare il laboratorio come inizialmente ritenuto ottimale”, osserva Sebastian Vincent Bonio, che coordina gli esperimenti scientifici presso l’Agenzia spaziale europea (ESA).

L’interno della Stazione Spaziale Internazionale, delle dimensioni di un campo da calcio, ricorda un alveare in cui gli astronauti occupano tutti gli spazi e il loro compito principale oggi è condurre esperimenti guidati da ricercatori dalla Terra. E per essere come “porcellini d’India”.

– “Tiny Brains” –

Il secondo incarico di Thomas Pesquet, “Alpha”, si preannuncia impegnativo, con quasi un centinaio di prove in programma.

Science in Zero Gravity, un'avventura spaziale matura

Tra questi c’è l ‘”invecchiamento cerebrale”, per studiare l’invecchiamento sui neuroni del cervello. O “Télémaque”, una frizione sonora per maneggiare le cose senza contatto, “Eco Pack”, una nuova generazione di imballaggi, e l’allevamento di bolle, un organismo unicellulare che affascina i biologi …

READ  Questionario sulla salute mentale per i leader

“Alcune persone si chiedono cosa farà Thomas Pesquet meglio di quanto non fosse durante la sua prima missione, Proxima”. Sebastian Bardi, presidente di Cadmos, una struttura del CNES (Agenzia spaziale francese) responsabile delle attività dei microsensori, ha dichiarato: “Ma in realtà niente, è la stessa funzione “.

I sei tecnici di laboratorio ruotano sulla Stazione Spaziale Internazionale, alcuni avviano il rig, altri lo terminano. “Gli esperimenti a lungo termine sono progettati, indipendentemente dalle missioni. La scienza ci guadagna molto”, spiega l’ingegnere Cadmus.

Lo studio dell’assenza di gravità – o microgravità – “è passato da un’era pionieristica a qualcosa di industriale”, con metodi di misurazione sempre più accurati: “Vent’anni fa non c’erano macchine ad ultrasuoni a bordo”.

Claude Henery, la prima donna francese a volare nello spazio, ricorda la ISS “scarsamente attrezzata” al suo inizio e “ammira quello che è diventata, con i laboratori eccezionali”.

Gli astronauti “Guinea Pig” restano più a lungo: sei mesi, contro due settimane dei primi voli con equipaggio; Misurare gli effetti della microgravità sui loro corpi è ancora più importante.

– “Impariamo costantemente” –

Là, la macchina umana, così poco adattata alla gravità, vibra come in un vibratore e il deterioramento osservato delle ossa e delle arterie si avvicina all’invecchiamento cellulare. Con la differenza che al ritorno sulla Terra il fenomeno è reversibile.

Science in Zero Gravity, un'avventura spaziale matura

“Questa è la cosa interessante: studiare ciò che il corpo entra in gioco per tornare al suo equilibrio, con possibili vie di cura”, analizza Sebastian Bardi.

READ  Una dimostrazione di sano turnover della comunità

“Per quanto fossimo all’inizio dell’era spaziale, avevamo bisogno di attrezzature mediche per andare nello spazio, e oggi è lo spazio che porta in campo medico perché l’assenza di gravità ci consente di comprendere meglio le malattie”, ha confermato il presidente uscente Jean- Yves Le Gaal in Francia Inter.

Osteoporosi, trattamento della salmonellosi, sistemi di purificazione dell’acqua … in 20 anni, “vi sono state fatte grandi scoperte”, secondo lo storico americano Robert Perlman, e altri come “promettenti”, come la stampa 3D di organi.

Si sono levate voci contro il costo della Stazione Spaziale Internazionale, visto come sproporzionato alla luce delle scoperte, mentre la NASA cerca di disimpegnarsi da un focus sull’esplorazione a distanza.

Nel 2019, l’ex astronauta Patrick Baudry ha descritto la stazione come “fasulla”. Ha criticato: “Dalla stazione Mir sovietica, sappiamo già tutto quello che c’è da sapere sugli effetti della microgravità sul corpo”.

“Discutere il costo è una cosa, ma dire che abbiamo fatto il tour è un po ‘sciocco. È come chiederci se avremmo dovuto zoomare in un telescopio perché avremmo visto + abbastanza + stelle!” Risponde il responsabile di Cadmos.

Per alcuni scienziati insiste sul fatto che la Stazione Spaziale Internazionale, che terminerà nel 2028, è “l’unico modo per accedere ai loro temi di ricerca”, in medicina ma anche nella scienza dei materiali, che per battere la gravità è essenziale.

Così ci sarà sempre una comunità entusiasta di studiare i fenomeni senza gravità, dice il fisico Sebastian Vincent Buño, che nota anche il “crescente” interesse per gli esperimenti orbitali. Sulla Stazione Spaziale Internazionale o in qualsiasi altro luogo, come la futura Stazione Orbitale Lunare.

READ  Secondo la scienza, ecco una musica sveglia per iniziare la giornata con il piede giusto!