Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Schema CE a sostegno degli impianti di produzione di biometano

© Ralph Geith

La Commissione Europea ha approvato uno schema italiano, attraverso la Recovery and Resilience Facility (“RRF”), per sostenere la costruzione e l’esercizio di impianti di produzione di biometano nuovi o riconvertiti.

La Commissione Europea ha acconsentito Schema italiano, per Recovery and Resilience Facility (“RRF”)per supportare la costruzione e l’esercizio di impianti di produzione di biometano nuovi o riconvertiti.

Questa misura fa parte della più ampia strategia dell’Italia per ridurre le emissioni di gas serra e aumentare la sua quota di energie rinnovabili.

Ridurre la dipendenza dall’energia russa

Il piano dell’UE, approvato in base alle norme dell’UE sugli aiuti di Stato, contribuirà agli obiettivi del piano di REPowerEU per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi e accelerare la transizione verde.

La vicepresidente esecutiva Margrethe Vestager, responsabile per la politica della concorrenza, ha commentato: “Il regime di aiuti italiano che abbiamo adottato oggi rafforzerà la produzione sostenibile dell’UE di biometano da utilizzare nei settori dei trasporti e del riscaldamento, in linea con il piano REPowerEU.

“La misura di assistenza italiana, che sarà finanziata in parte dalla Recovery and Resilience Facility, aiuterà l’Italia a raggiungere i suoi obiettivi di riduzione delle emissioni, riduzione della sua dipendenza dai combustibili fossili russi e miglioramento della sicurezza dell’approvvigionamento di gas, limitando al contempo le potenziali distorsioni della concorrenza”.

Sostenere la produzione sostenibile di biometano

Lo schema notificato dall’Italia durerà fino al 30 giugno 2026 e sarà parzialmente finanziato dalla RRF.

L’obiettivo del regime è sostenere la produzione sostenibile di biometano nella rete nazionale del gas per l’utilizzo nei settori dei trasporti e del riscaldamento.

L’Unione Europea punta sulla promozione della costruzione e gestione di impianti di produzione di biometano nuovi o riconvertiti in Italia.

READ  Decine di migliaia manifestano a Roma contro i neofascisti

Tuttavia, per poter beneficiare dell’assistenza prevista dal regime, la produzione di biometano deve soddisfare i requisiti di cui all’art Direttiva UE sulle energie rinnovabili.

Per quanto riguarda il settore dei trasporti, solo la produzione avanzata di biometano può beneficiare dell’assistenza. Questo perché è il combustibile più sostenibile ed ecologico, e quindi aiuterà l’Unione europea a raggiungere i suoi obiettivi climatici ed energetici.

Come verrà erogata la sovvenzione?

L’assistenza è concessa sotto forma di:

  • Contributi agli investimenti per un totale di 1,7 miliardi di euro. Questi saranno pagati al termine della fase di costruzione per tutti i progetti supportati. L’importo dell’assistenza per ciascun progetto coprirà fino al 40% dei costi di investimento ammissibili.
  • La tassa di stimolo è stimata in un budget di 2,8 miliardi di euro. Queste sovvenzioni saranno pagate durante le operazioni del progetto per un periodo di 15 anni. Le tariffe, espresse in EUR/MWh, saranno determinate in gara competitiva sulla base del pay as you bid.

Una procedura di gara trasparente e non discriminatoria determinerà quali progetti saranno aggiudicati. La prima call for project inizierà nel 2022.

Le proposte per gli impianti di produzione di biometano devono essere completate entro il 30 giugno 2026 per beneficiare del finanziamento.

Valutazione della Commissione Europea

La Commissione ha valutato il regime in particolare in base alle norme dell’UE sugli aiuti di Stato Articolo 107, paragrafo 3, lettera c) del trattato sull’azione dell’Unione europea (TFUE), che consente ai paesi dell’UE di sostenere lo sviluppo di determinate attività economiche soggette a condizioni, e Linee guida sull’assistenza statale per il clima, la protezione dell’ambiente e l’energia 2022.

READ  Il Fondo europeo di ripresa lotta per trovare la sua vera natura - EURACTIV.com

Il comitato ha rilevato che: “Il regime facilita lo sviluppo di alcune attività economiche, in particolare la produzione sostenibile di biometano.

Gli aiuti hanno un “effetto catalizzatore”, in quanto i beneficiari non effettueranno investimenti nella stessa misura nella produzione sostenibile di biometano senza il sostegno pubblico.

“Questa misura ha un impatto limitato sulla concorrenza e sul commercio all’interno dell’Unione Europea. In particolare, è necessario e opportuno ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi e accelerare la transizione verde.

Inoltre, è proporzionale e qualsiasi impatto negativo sulla concorrenza e sul commercio dell’UE sarebbe limitato date le dimensioni dei progetti, gli importi degli aiuti e le caratteristiche del settore.

“Inoltre, saranno messe in atto le garanzie necessarie che limiteranno l’assistenza al minimo, inclusa una procedura di gara competitiva per l’assegnazione dell’assistenza e un meccanismo di rimborso nel caso in cui i prezzi di mercato aumentino”.

Editore consigliato Articoli