Ottobre 19, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Scala IRSN 2021 sulla consapevolezza francese del rischio e della sicurezza

L’immagine degli esperti scientifici rimane positiva per il 61% dei francesi e una preoccupazione crescente è la gestione dei rifiuti nucleari in Francia. Il 41% dei francesi ritiene che le centrali nucleari siano una fonte di grande pericolo e il 48% di loro ha la stessa percezione delle scorie nucleari.

Dal 1990, il barometro ha permesso all’istituto di monitorare la percezione che i francesi hanno rischi in generale e rischi nucleari in particolare. Studia inoltre l’evoluzione del grado di fiducia accordato agli enti pubblici per gestirli in vari settori come la salute, l’ambiente e l’energia nucleare. Grazie alle numerose serie di dati che fornisce, il Barometro fornisce una prospettiva che aiuta a guidare le azioni dell’istituto e di tutti coloro che sono coinvolti nella gestione dei rischi, consentendo così di migliorarne la gestione.


L’edizione 2021 si basa su un sondaggio online condotto dal 17 al 25 novembre 2020 su un campione rappresentativo di quasi 2.000 persone, sulla base di un sondaggio stabile a livello globale al fine di garantire la continuità della catena dei dati.


Per il quinto anno consecutivo, il Barometro si apre a personalità esterne che vengono ad arricchire l’analisi dei risultati dal loro punto di vista: Julian Botero (Harris Interactive), Jocelyn Raude (EHESP) e Christine Noiville (HCTISN) hanno hanno dato il loro sostegno all’esercizio nel 2021.

Scarica r
Analisi del barometro 2021 (PDF, 5,64 mesi)

Scarica r
Grafici del barometro 2021 (PDF, 14,6 mesi)

Vedere il sito Web del barometro IRSN

Accesso a tutte le versioni del barometro

Evidenzia i risultati della versione 2021


Nel 2020, nel contesto dell’epidemia a cui il mondo è stato testimone, la principale preoccupazione dei francesi è:
la salute », Aggiunto quest’anno nel barometro. Il suo reddito è alto (26%) prima del terrorismo (19%) e del cambiamento climatico (15%). Questa preoccupazione ambientale è quasi allo stesso livello del 2020 (17%), a indicare il forte e persistente interesse dei francesi per il clima. “Grande povertà ed esclusione”, che era la preoccupazione dei francesi nell’edizione 2020, è in ritardo rispetto al cambiamento climatico.

READ  Georgia O'Keeffe, Junji Ito, Bob Denard... I nostri 10 fumetti preferiti per l'inizio dell'anno scolastico


Tra i temi ambientali, “cambiamento climatico” In cima alla lista degli interessi. È così ogni anno dal 2014, ma nell’edizione del 2021 ha raggiunto il massimo storico (39%). È molto più avanti rispetto alla “scomparsa di specie animali” (14%) e ai “danni causati da calamità naturali” (13%).


La fiducia dei francesi in
Conoscenza ed esperienza Ancora forte, anche se esce dal 2020. Il 61% dei francesi, infatti, afferma di fidarsi delle istituzioni scientifiche, in calo di 9 punti rispetto al barometro precedente ma ancora ai massimi quest’anno. Il 50% ha un’opinione positiva o positiva da parte di esperti scientifici (- 7 punti) e l’11% ha un’immagine negativa o molto negativa. I francesi confermano la loro adesione al ricorso dei decisori agli esperti. Costituiscono quindi una maggioranza (82%) che giudica “positiva” l’esistenza del Consiglio Scientifico Covid-19. Per il 77% di loro è normale prendere tutte le precauzioni anche quando gli esperti scientifici hanno solo dubbi, e infine il 57% ritiene che l’opinione degli esperti non sia sufficientemente presa in considerazione dai decisori.


Tra le situazioni pericolose Seguiti dal barometro, quelli il cui livello è visto come il loro più alto rimangono il terrorismo (76%), il cancro (73%) e le epidemie (71%) – e questo pericolo entra nel mondo a un livello non sorprendente. Barometro 2021 – e pesticidi (70%). L’inquinamento atmosferico ha il rischio più alto, considerato “molto alto” al 46%. Al centro della classifica, il 41% dei francesi ritiene che le centrali nucleari siano una fonte di grande pericolo e il 48% di loro ha questa percezione delle scorie nucleari. Inondazioni e ondate di caldo confermano il loro recente aumento e si dimostrano le principali preoccupazioni per i francesi, mentre minore fiducia nelle autorità per affrontarle. La percezione dei rischi associati alle interruzioni endocrine continua a crescere (dal 33% nel 2014 al 52% nel 2020). Il contrario è vero per l’AIDS, che è sceso dal 69% nel 1997 a un minimo storico del 29% quest’anno, dopo un calo costante.

READ  Come Doctolib sta rivoluzionando il settore della sanità digitale


Il barometro è stato ridisegnato quest’anno, per la prima volta in più di 20 anni, per valutarlo
L’opinione divisa dei francesi sull’energia nucleare. La maggioranza in seguito dà uno sguardo un po ‘benevolo al programma nucleare civile: il 53% afferma che “costruire centrali elettriche è stata una buona cosa” e il 18% non è d’accordo. Non sono piuttosto favorevoli alla continuazione dell’energia nucleare a lungo termine (il 45% si oppone alla costruzione di nuove centrali elettriche, il 29% a sostegno, il 26% né a sostegno né a opporsi). Quanto all’uscita immediata dal nucleare, le posizioni sono divise: di fronte all’affermazione che “le centrali nucleari vanno chiuse”, il 38% ha risposto affermativamente, mentre il 32% ha risposto “no” e il 30% no. L’argomento più forte contro l’energia nucleare è per la prima volta dal 2009 la “produzione di scorie nucleari”. Tuttavia, nel 2020, il
Barometer ha esaminato più da vicino la conoscenza dei francesi sui pericoli associati alla gestione dei rifiuti nucleari. Alla domanda “Oggi è possibile immagazzinare in sicurezza i rifiuti nucleari”, gli intervistati francesi hanno risposto negativamente al 39% e positivi al 29%. Questi punteggi sono equivalenti a quelli registrati a metà degli anni ’80 e ai risultati più recenti registrati nel 1990 e nel 1992. Nel frattempo, dopo l’incidente di Chernobyl, le risposte negative sono aumentate fino a quasi il 60% nel 1987. I centri di stoccaggio dei rifiuti nucleari sono ancora visti come i principali fonti. Rischiare. Alla domanda sulla probabilità che alcuni eventi si verifichino presso o vicino a un sito di smaltimento di rifiuti altamente radioattivi, i francesi per lo più hanno risposto “sì” ai tre casi di inquinamento proposti: è probabile che i prodotti agricoli saranno contaminati con il 63% di essi. Inquinamento atmosferico contro il 60% e irraggiamento della popolazione del 55%. Nel 1997, il barometro ha mostrato punteggi più alti per le stesse domande. Quindi il 77% di loro ha considerato un potenziale rischio di contaminazione dei prodotti agricoli, il 76% ha ritenuto che ci fosse un potenziale inquinamento atmosferico e il 69% ha considerato l’irradiazione della popolazione. Inoltre, nel 2020, il 39% dei francesi ritiene probabile un’esplosione sotterranea correlata allo stoccaggio, rispetto al 27% che crede il contrario.

READ  A Caen, il tormentatore di gatti si è dichiarato irresponsabile durante il processo d'appello


La maggioranza dei francesi (62%) considera un incidente della stessa entità di Fukushima Parla in Francia. Come lo scorso anno, l’86% dei francesi ha affermato il requisito di un alto livello di sicurezza nucleare che ha dichiarato che “gli operatori dei siti nucleari devono proteggere i propri impianti da tutti i rischi, anche quelli ritenuti altamente intollerabili”. Ma hanno grande fiducia nell’organizzazione per la sicurezza attualmente in atto, poiché sei francesi su dieci hanno assicurato che “vengono prese tutte le precauzioni per garantire un livello molto elevato di sicurezza nelle centrali nucleari francesi”. Questo risultato conferma il significativo aumento registrato nel 2019. Infatti, tra il 2008 e il 2018, solo il 42% dei francesi ha aderito a questa proposta.


Infine, visualizza
Efficienza e credibilità degli attori L’energia nucleare nel barometro è ancora stabile. Dei 20 giocatori proposti, 12 sono considerati qualificati con una solida maggioranza, sei dei quali hanno più del 75% di supporto. Per questi si conferma il trend degli anni precedenti. Il CNRS è visto come il più efficiente (85%) e il più affidabile (78%) nel campo nucleare, e l’ASN e l’IRSN sono direttamente dietro di loro con l’82% e il 73% dei francesi, rispettivamente, qualificati e credibili.

Scarica r
Analisi del barometro 2021 (PDF, 5,64 mesi)

Scarica r
Grafici in scala 2021 (PDF, 14,6 mesi)

Vedere il sito Web del barometro IRSN

Accesso a tutte le versioni del barometro