Luglio 2, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Sarah Joe Soltovieri ’18, G’19 riflette il suo impatto sul ritorno del progetto School of Education Italia

Sarah Joe Soldovieri ’18, G’19, dottoranda ora ricercatrice di educazione inclusiva, è una studentessa del secondo anno in Italia studiando alfabetizzazione, contenuto e diversità, un breve corso all’estero offerto dalla School of Education e Syracuse Appart.

Sarah Joe Soltovieri ’18, G’19 si è trasferita a Firenze, in Italia, nel 2016.

Soldovieri si è immatricolato all’Università di Siracusa per il suo interesse per l’educazione inclusiva e per la profonda esperienza dell’università. Studiare all’estero in Italia le ha mostrato il potenziale per integrare completamente gli studenti con disabilità in classe. Questo ha contribuito a impostare Soltovieri nel suo percorso educativo.

Un piano è stato ridisegnato

“Agire in un modo che non abbiamo visto negli Stati Uniti è una parte utile del viaggio”, ha detto Soldovieri. “Anche se l’Italia potrebbe non essere perfetta, gli studenti con disabilità dovrebbero essere pienamente inclusi in classe e vedere che il lavoro è molto importante per me. Questa non è solo utopia, è davvero inclusione”.

Alfabetizzazione, contenuto e diversità in Italia è stata creata oltre 20 anni fa dalla professoressa Carol Perigen, una delle tante pioniere dell’educazione inclusiva associata a Siracusa per molti anni. Nel 2014, il programma è stato reimmaginato dai professori Christine Ashby, Beth Berry, E Kathleen Hingman. Provost associato per gli sforzi strategici ora, Marcel Hudix Entrato a far parte della squadra nel 2016.

“L’abbiamo trasformato in un programma di co-insegnamento, guidato da insegnanti sia nell’alfabetizzazione che negli studi sulla disabilità, in cui gli insegnanti cambiano i compiti anno dopo anno”, spiega Ashby. L’ultimo viaggio prima dello scoppio del virus corona è stato nel 2018, quando 16 studenti sono andati all’estero. Il programma tornerà iscrivendo 12 studenti tra il 16 maggio e il 1 giugno 2022.

READ  L'Italia per consentire ai tifosi in Euro, alcuni padroni di casa non hanno ancora deciso

Come negli anni precedenti, gli studenti faranno parte della Firenze-casa Villa Rosa, Siracusa Centro-Visitare scuole e siti culturali e trascorrere una giornata a Venezia. Si recheranno a Roma per una settimana per studiare la storia e le politiche della disabilità e delle integrazioni italiane.

Il vento della gioia

Un gruppo di persone in una classe

Gli studenti e gli insegnanti delle scuole accademiche visitano una scuola locale a Firenze, in Italia.

Prima di Firenze e Roma, gli studenti iniziano un breve corso nella regione italiana di March e nel pittoresco villaggio di Coldigio. Questa comunità di alpinisti ha già un collegamento con il centro di New York. È conosciuto in tutto il mondo Osservatorio GeograficoUn Centro di Ricerca Intermedio che unisce geografia, arte e cibo, fondato dall’artista siracusana Paula Metallo.

Mentre gli studenti dell’accademia rimangono nel villaggio, svolgono programmi educativi e si occupano completamente della scolarizzazione nel vicino paese di Abiro. Faceva parte di un viaggio che ebbe un profondo impatto su Soldovieri.

“Ricordo di aver visto uno studente con disabilità significativa e sistemi di supporto complessi completamente integrati nel corso di comunicazione aumentata e scienza della sedia a rotelle”, ha ricordato Soltovieri. “Potrei dire dal modo in cui gli altri studenti hanno interagito che questo non era uno spettacolo per americani. C’era una brezza felice su questi studenti. Ho pensato, questa è l’energia che voglio nella mia classe.

“L’Italia ha una pratica che incorpora alcune delle politiche più progressiste del mondo”, spiega Ashby. Questo fatto – così come l’attuale coinvolgimento del Paese in profondi cambiamenti sociali come l’immigrazione che incide direttamente sulla politica educativa – rende l’Italia un’ottima base di studio per gli studenti accademici statunitensi.

READ  Italia: vaccini per 400 immigrati a Bari

Ammissione selvaggia

In seguito alla devastazione del governo fascista degli anni ’30 e ’40 e all’indomani della seconda guerra mondiale, l’Italia ha scelto una forte politica educativa inclusiva come parte della sua ricostruzione e rinnovamento. “Il periodo della natura selvaggia in Italia è iniziato nel 1971″, afferma Ashby. “La ricostruzione del Paese è stata in parte rafforzata dal fatto che tutti i bambini con disabilità frequentano scuole regolari. L’idea è che la scuola sia una famiglia, dovremmo essere tutti in una comunità, prenderci cura gli uni degli altri”.

Quando è stata introdotta negli anni ’70, la politica italiana di dare priorità agli studenti con disabilità era di gran lunga superiore alla politica di istruzione speciale degli Stati Uniti. Sebbene i cambiamenti politici abbiano avvicinato l’Italia al modello americano, il sistema educativo italiano ha incoraggiato Soldovier, che ha chiesto cambiamenti totali nell’istruzione speciale nel suo paese d’origine.

Un gruppo di persone in un sito storico

Foreign Group School of Education a Roma, Italia.

“Penso al tempo che ho passato a Siracusa e poi al ritorno in Italia – tutto ciò che faccio è concentrarmi sull’idea che non ci saranno progressi nella correzione del nostro sistema educativo ingiusto fino a quando non rimuoveremo il nostro attuale sistema di istruzione speciale e introdurremo il sostegno ai disabili .Educazione pubblica”, spiega Soldovieri.

“Non abbiamo bisogno di un sistema separato per gli studenti con disabilità”, continua Soldovieri. “In Italia, quegli studenti ottengono ciò che vogliono senza alcuna istruzione ‘speciale’. Ho progettato le mie borse di studio attorno a questa idea e non avrei avuto quell’idea senza la mia esperienza all’estero.

Un composto misto

Soldovieri, laureato nel 2018, ha conseguito un master in educazione speciale inclusiva (classi 7-12) prima di passare a un dottorato di ricerca. Progetto. Dice che sta valutando la possibilità di tornare in Italia come dottorando, sfruttando la particolarità del corso breve.

READ  L'Italia previene 150.000 decessi COVID-19 a causa dei vaccini - EURACTIV.com

“Portiamo studenti universitari del primo anno, per lo più provenienti da programmi di istruzione elementare e speciale, al dottorato di ricerca. Gli studenti sono pronti a difendere la loro tesi”.

Studi sull’alfabetizzazione, sulla diversità, sulle aggiunte e sulla disabilità – Sarebbe utile avere un consorzio misto di studenti più giovani ora introdotto a un’ampia gamma di argomenti trattati nel curriculum. “Gli studenti laureati sono incoraggiati a guidare gli studenti universitari, ma spesso il tutoraggio avviene naturalmente”, afferma Ashby.

“Gli studenti laureati avevano molto desiderio di sostenere e spingere gli studenti universitari e aiutare con letture difficili”, ha ricordato Soltovieri. “Pensavo che gli studenti laureati non debbano farlo, ma fa solo parte della cultura della scuola”.

Ulteriori informazioni sull’istruzione scolastica Corsi all’esteroCosì come le borse di studio Himan Brown che supportano l’esperienza di studio all’estero.