Maggio 23, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

‘SAMA’: Alla scoperta dei paralleli artistici dell’India e dell’Italia

Diretto dal regista Onir, il documentario indo-italiano “SAMA” esplora la lunga storia delle tradizioni classiche nei due paesi e la loro rilevanza per gli stili contemporanei

Le arti visive non sono sempre il soggetto più facile su cui girare un film. E Onir — noto per lavori come l’antologia vincitrice del National Award, Io sono — non ha mai provato nulla in questo senso prima. Ma l’anno scorso il 52enne ha viaggiato attraverso l’India (per quanto difficile fosse da fare nel bel mezzo di una pandemia), per girare SAMA: Simboli e gesti nell’arte contemporanea italiana e indiana, Vol 1, un documentario indo-italiano.

“Non è un documentario tecnico, ma un viaggio per vivere e comprendere la lunga storia dell’arte nel contesto della natura, della cultura, della tradizione”, spiega Onir, che lo ha sceneggiato con la regista italiana Allesandra Galleta. “Per me, il bello sta nel trovare fili che sono diversi pur avendo una comunanza perché questo è ciò che riguarda l’umanità”. È come la poesia, aggiunge, “dove usi linguaggi diversi per trasmettere la stessa emozione. Vedi risuonare la natura, la tradizione, i modelli, le forme e i colori, per esempio, del Kashmir [with those] in Gujarat, pur essendo diverso. Questo ha cambiato il modo in cui vedo la forma e il design e influenzerà il modo in cui giro i film”.

Conversazioni a ponte

Sama significa “simile” in sanscrito e latino, il che lo rende un titolo appropriato per il film e l’intenzione dietro di esso. Guidato dai produttori e curatori culturali Myna Mukherjee e Davide Quadrio, il film è iniziato come un’esplorazione più profonda delle sensibilità che sono state toccate per la prima volta dal duo nella loro mostra del 2021 ad Artissima. “Stavo già collaborando con Davide ed aveva senso guardare all’India e all’Italia perché sono alle due estremità di un ‘sentiero’ artistico dell’Asia e dell’Europa”, dice Mukherjee. “Gli artisti che abbiamo intervistato sono in costante conversazione con il nuovissimo e il molto antico, ed entrambi i paesi hanno una lunga storia di estetica che attinge alle tradizioni classiche e le mette in dialogo con gli stili contemporanei”.

Gli artisti Marzia Migliora nel suo studio a Torino e Rekha Rodwittiya a Baroda

Artisti Marzia Migliora nel suo studio a Torino e Rekha Rodwittiya a Baroda | Credito fotografico: ArtHub Asia

Il film di 70 minuti — commissionato e prodotto da ArtHub Asia e Engendered — è stato proiettato poco più di un mese fa per un pubblico selezionato presso l’Istituto Italiano di Cultura di New Delhi. Mentre il pubblico seguiva il lento movimento di uno shikara attraverso il lago Dal del Kashmir, le acque in aumento di Venezia, la vigorosa esibizione di una compagnia di danza italiana tagliata da un’inquadratura di un appassionato cantante bengalese Baul, sono anche entrati nei tranquilli studi di artisti in India e l’Italia, parlando del loro lavoro e del loro processo: dalle sculture in vetro italiane alle tele contemporanee indiane splendidamente dipinte, aiutandoli a collegare i punti che è la nostra eredità culturale.

“Sono sempre stato interessato alle arti, ma da quando ho lasciato Calcutta e [moved to] Mumbai per lavorare a Bollywood, ho perso i contatti con esso”, condivide Onir. “Quindi, quando Myna mi ha contattato per questo progetto, ho subito detto di sì. Era un modo per esplorare diverse forme d’arte, incontrare artisti e viaggiare”.

Paravaty Baul, una cantante Baul di Bolpur nel Bengala occidentale, in una foto del film

Paravaty Baul, un cantante Baul di Bolpur nel Bengala occidentale, in una foto del film | Credito fotografico: ArtHub Asia

Un tutto collettivo

Il film dà un contesto all’arte contemporanea indo-italiana indagando la semiotica (studio di segni e simboli) che li circonda nella storia e nella cultura. “SAMA consente al pubblico di intravedere l’estetica delle due regioni, immaginate come un continuum collettivo di narrazioni diverse che fanno eco alle voci degli artisti attraverso i continenti e alle pratiche artistiche contemporanee eterogenee”, afferma Mukherjee. “Essi scavano anche forme di artigianato ormai rare e preziose in Italia e in India”.

Gli artisti Ranbir Kaleka a New Delhi e Stefano Arienti nel suo studio a Milano, nelle foto del film

Artisti Ranbir Kaleka a New Delhi e Stefano Arienti nel suo studio a Milano, nelle foto del film | Credito fotografico: ArtHub Asia

Il progetto ha coinvolto 50 artisti provenienti da entrambi i paesi, e comprende nomi come la fotografa-regista Sheba Chhachhi, la cantante folk Parvathy Baul, l’artista multimediale Ranbir Kaleka, il designer Andrea Anastasio, l’artista-coreografo Alessandro Sciaronni e gli artisti Rekha Rodwittiya, Marzia Migliora, Stefano Arienti e Tanya Goel.

Onir inizierà le riprese del secondo volume a luglio/agosto, con il secondo film incentrato sull’astrazione, la religione e il modo in cui incontra l’arte e l’estetica. Nel frattempo, SAMA viaggerà ai festival cinematografici globali, prima di uscire su una piattaforma OTT.

READ  FOTO: Il video di Kim trova una nuova casa nell'Alamo Drafthouse