Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Salute: “Scienza” conferma il traguardo dei 10.000 passi al giorno

I conteggi dei passi sono più facili da capire e ampiamente utilizzati nella salute pubblica per incoraggiare l’attività, sfruttando la crescente popolarità di tracker e app, ricorda uno degli autori principali, Emmanuel Stamatakis, professore di attività fisica e salute pubblica all’Università di Sydney.

10.000 passi al giorno, sì, ma più velocemente!

2 studi, pubblicato su JAMA Internal Medicine e JAMA Neurology, ha seguito 78.500 partecipanti dotati di tracker al fine di considerare il numero esatto di passi compiuti ogni giorno e riconciliare questi dati con i risultati sulla salute. La ricerca ha utilizzato i dati della biobanca britannica per confrontare i dati sul conteggio dei passi con i risultati sulla salute dei partecipanti, dopo 7 anni.

I partecipanti hanno indossato un accelerometro al polso per misurare la loro attività fisica nell’arco di 7 giorni (almeno 3 giorni, di cui 1 giorno nel fine settimana e l’osservazione durante i periodi di sonno). La valutazione finale includeva solo soggetti liberi da malattie cardiovascolari, cancro e demenza al basale e liberi da malattia durante i primi due anni dello studio. Sono stati inoltre apportati aggiustamenti statistici per tenere conto di potenziali fattori confondenti.

L’analisi conferma che il rispetto di questa linea guida di un minimo di 10.000 passi al giorno è associato a:

  • ridurre il rischio di demenza, malattie cardiache, cancro e morte;
  • Nelle persone inizialmente poco attive, 3800 passi al giorno riducono effettivamente del 25% il rischio di sviluppare la demenza;
  • Per quanto riguarda la demenza, 9800 gradini risultano essere la soglia ottimale, associata a una riduzione del 50% del rischio di demenza;
  • La velocità di camminata come una camminata veloce ha vantaggi più significativi,

solo il numero di passi compiuti; L’intensità del passo o una maggiore velocità di camminata è inversamente inversa e dose-dipendente per il rischio di demenza, malattie cardiache, cancro e morte. Pertanto questa correlazione è valida indipendentemente dal numero totale di passaggi giornalieri;

  • Ogni aumento giornaliero di 2.000 passi riduce gradualmente il rischio di morte prematura dall’8 all’11% e ciò equivale a circa 10.000 passi al giorno;
  • Associazioni simili sono state osservate per le malattie cardiovascolari e l’incidenza del cancro.
READ  A cosa serve il tramadolo?

“Quindi non si tratta solo di mirare idealmente a 10.000 passi al giorno, ma anche di camminare più velocemente”E il

Uno degli autori principali, il dottor Matthew Ahmadi, ricercatore dell’Università di Sydney, lo riassume.

La ricerca continuerà, con l’uso a lungo termine dei tracker.