Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Salute: riconferma del professor Charles Coutant a capo del Cancer Center Georges-François Leclerc

“Mi sembra essenziale combattere le disuguaglianze regionali e sociali nell’accesso alle cure per consentire a tutti di avere accesso alle ultime innovazioni nella diagnosi e nel trattamento dei tumori”, ha affermato il professor Charles Coutant.

Con ordinanza del Ministro della Salute e della Prevenzione del 29 novembre 2022, il Professor Charles Coutant è stato riconfermato Direttore Generale del Centro Georges-François Leclerc per un periodo di cinque anni a partire dal 1° dicembre 2022.

Il 46enne, chirurgo geriatrico, esperto nella gestione del cancro al seno, il professor Charles Coutant è professore universitario della Facoltà di scienze della salute di Digione e medico ospedaliero.

Si è laureato presso la Facoltà di Medicina di Poitiers, poi è stato stagista e poi capo della clinica presso Assistance Publique – Hôpitaux de Paris (APHP) e presso l’Università Pierre e Marie Curie – Paris 6. Ha completato la sua formazione in medicina presso il prestigioso MD Anderson Cancer Center di Houston, Stati Uniti. Ha inoltre completato un corso biennale in “Gestione e politica sanitaria” presso l’Istituto di studi politici di Parigi prima di assumere la carica di Direttore generale della CGFL nel dicembre 2017.

Sulla base delle azioni intraprese negli ultimi cinque anni, il Prof. Coutant dichiara di continuare con entusiasmo e determinazione ad esercitare le proprie responsabilità al servizio dell’istituzione che gestisce e dei pazienti che cura, nel rispetto dei valori e delle esigenze eccellenza indispensabile per il compimento delle missioni dei Centri Oncologici.

Tra le spinte alla base del progetto di gestione intrapreso dal Prof. Coutant, particolare enfasi è posta sulla necessità di garantire pari opportunità di fronte alla malattia e di consentire a tutti l’accesso all’innovazione.

READ  4 fan di fantascienza disponibili su HBO Max - Las Noticias de Chihuahua - Tra le righe - Marsiglia News

“Mi sembra essenziale combattere le disuguaglianze regionali e sociali nell’accesso alle cure per consentire a tutti, indipendentemente da dove vivono, di avere accesso alle ultime innovazioni nella diagnosi e nel trattamento del cancro. Non avere costi vivi per i pazienti è un prerequisito per garantire l’accesso alle migliori cure senza la necessità di effettuare un test.

Per questo è importante perseguire e rafforzare la posizione della CGFL come centro di riferimento e di risorse, all’interno di una rete di partnership che assicurino l’accesso all’eccellenza a quante più persone possibile. Occorre inoltre proseguire e potenziare i significativi e continui investimenti nella ricerca e “accelerare l’accesso alle innovazioni diagnostiche e terapeutiche”.

Se l’eccellenza medica e scientifica è un prerequisito per affrontare la malattia, il Prof. Coutant sottolinea che la cura dei pazienti e dei loro familiari deve basarsi anche su un approccio universale e umano alla persona.

“L’organizzazione dell’assistenza si basa sempre più sulla specializzazione e sulla medicina tecnica; Tuttavia, questo sviluppo deve avvenire con una preoccupazione continua per l’assistenza più umana possibile, accessibile e compresa dai pazienti e dal loro entourage; Considerare i bisogni delle cure di supporto è fondamentale anche per accompagnare i pazienti nel loro percorso assistenziale e per rispondere alle loro molteplici esigenze e preoccupazioni. »

Il professor Charles Coutant precisa che lo sviluppo delle attività della Fondazione comporta la realizzazione di un ambizioso progetto di investimento.

“È stato avviato il progetto di ampliamento e ristrutturazione della fondazione, i cui lavori rappresentano un investimento di circa 50 milioni di euro nei prossimi quattro anni. Questo processo di base consentirà di fornire ai pazienti condizioni di trattamento più adeguate ai loro desideri e bisogni. Deve anche preparare l’organizzazione per i tumori di domani e consentire ai team dell’organizzazione di svolgere le loro missioni in un’infrastruttura più adatta ai vincoli delle loro pratiche.

READ  Certificato di vaccinazione: polemiche per i prossimi mesi | Scienza | Notizie | il Sole

È anche importante mantenere una piattaforma tecnica di alto livello con le più recenti apparecchiature biomediche. A questo obiettivo saranno destinati circa 18 milioni di euro nei prossimi cinque anni. »

Infine, il Prof. Coutant ha insistito sulla necessità di rafforzare la collaborazione con l’Ospedale Universitario di Dijon.

“La partnership tra CGFL e l’Ospedale Universitario di Digione si è rafforzata negli ultimi anni. Le evidenti complementarità tra le due istituzioni devono essere meglio strutturate per offrire un’offerta di assistenza generale di alto livello ai pazienti e per affrontare le sfide della ristrutturazione del offerta assistenziale regionale che accompagnerà l’attuazione delle nuove condizioni di concessione per le attività oncologiche.

Vorrei anche perseguire e sviluppare una politica di cooperazione attiva con Besançon CHRU”.

A proposito del Centro Georges Francois Leclerc
In qualità di centro specializzato e di riferimento, Georges-François Leclerc è l’unica istituzione sanitaria dedicata esclusivamente all’oncologia nell’intera regione della Borgogna Franca Contea. In 55 anni è diventato un centro di riferimento tra Parigi e Lione per il controllo del cancro al servizio di 26.000 pazienti trattati ogni anno con lo sviluppo di molteplici attività innovative: medicina molecolare, genomica, immunoterapia, imaging preclinico e clinico. Prodotti farmaceutici, radioterapia di alta precisione, chirurgia ambulatoriale, qualità della vita… Il suo team di medici e ricercatori, riconosciuto al più alto livello internazionale, offre medicina personalizzata e ricerca a beneficio diretto dei pazienti attraverso piattaforme certificate all’avanguardia. e un centro di ricerca clinica accreditato. Conduce ricerche sulla personalizzazione avanzata dei trattamenti in una visione olistica, dalla ricerca di base alla ricerca clinica.
1000 dipendenti, di cui 162 medici – 89 ricercatori, budget annuo di 130 milioni di euro di cui il 10% per la ricerca, senza sovrattasse o libere esercitazioni.
Membro di Unicancer, questa istituzione sanitaria privata senza scopo di lucro con interessi collettivi con missioni di servizio pubblico di cura, istruzione e ricerca in oncologia è autorizzata a ricevere donazioni e lasciti.

READ  qual è il punto ?

A proposito di Unicancer
Unicancer è l’unica associazione ospedaliera nazionale dedicata al 100% alla lotta contro il cancro. Attraverso l’Health Collaboration Group (GCS), Unicancer riunisce 19 istituzioni sanitarie private senza scopo di lucro: 18 centri oncologici francesi e 1 membro affiliato, distribuiti su 21 sedi in tutta la Francia.
In numeri: più di 22.000 professionisti lavorano ogni giorno nei nostri centri
Sono stati curati 540.000 pazienti
2 delle istituzioni affiliate
1/3 delle pubblicazioni francesi di portata internazionale in oncologia
Il primo promotore accademico di studi clinici in oncologia a livello europeo

Ho raggiunto fuori

Il Centro Georges-François Leclerc ha avviato studi sul “cavallo di Troia” della chemioterapia

Il Centro oncologico regionale Georges-François Leclerc modernizza la sua gestione della consulenza con Doctolib

Il Centro Georges-François Leclerc si espande per “prevedere il futuro dell’oncologia”