Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Salute mentale: Il rimbalzo della parola “pazzo” in un sondaggio disturba

Il Canadian Council on the Arts presume di utilizzare i termini “folle” e “folle” per descrivere persone con problemi di salute mentale. Usa ispirato da un movimento marginale che fatica a riassegnare queste parole peggiorative all’originale. Tuttavia, l’uso di queste espressioni in un sondaggio ha suscitato scalpore, costringendo l’agenzia federale a contestualizzarlo.

Per essere più rappresentativo delle persone con disabilità in futuro, l’Arts Council sta attualmente conducendo consultazioni con gli artisti supportati. All’inizio del questionario, ai partecipanti viene chiesto di spuntare le caselle che corrispondono alla loro situazione personale. Tra le quindici opzioni originali, troviamo “cieco”, “sordo o sordo”, “persona con difficoltà di apprendimento”, ma anche una classificazione che potrebbe sorprendere: “qualcuno con problemi di salute mentale”, “pazzo” o “pazzo”.

“Sono caduto dalla sedia e ho smesso di rispondere al questionario. Non posso dire di essere pazzo per un disturbo di salute mentale. È un eufemismo. Sarebbe come mettere la parola n per la categoria ‘Nero’ o la parola t per la categoria ‘LGBTQ+’ protesta in un’intervista a Dovrebbero La direttrice Marie-Helen Banessett, che ha denunciato l’Arts Council sui social network.

I termini “fou” e “foudes” sono traduzioni dell’espressione “mad”, che può essere vista nella versione inglese del questionario. Questa categoria fa riferimento agli “studi pazzi”, una corrente molto più nota nel mondo anglosassone, che fatica a riallocare questi termini, che rimangono con una connotazione molto negativa nella mente della maggioranza. Infine, come il movimento LGBTQ+, che oggi rivendica la parola “queer”, anche se in origine era un insulto.

“Riconosciamo l’importanza del linguaggio quando si onora lo sviluppo della storia, dell’identità e della terminologia e il Consiglio ha deciso di utilizzare il termine ‘pazzo’ o ‘pazzo’ seguendo i suggerimenti dei membri della comunità artistica. Inoltre, questi termini sono supportati in il sondaggio condotto da una serie di studi che il Council ha condotto negli anni.The Years”, che è stato difeso via e-mail dal Canadian Council on the Arts, uno dei maggiori finanziatori dell’industria culturale del paese.

READ  "A Huge Memory", la vita della paleontologa Eve Coppins

Problema di lingua?

Marie Helen Banesa non condivide questa visione delle cose. Ricordi che un ampio consenso esiste da molto tempo, almeno in Quebec, per vietare le parole “pazzo” e “pazzo” quando si parla di persone con problemi di salute mentale.

“Quando ho visto uno psichiatra, ho detto che ero pazzo, ma mi è stato subito detto di smettere di descrivermi in quel modo, perché è così vergognoso. […] Il movimento di riappropriazione è molto marginale e non tiene affatto conto della realtà francofona. Perché dargli un posto del genere nel sondaggio, a rischio di scioccare così tante persone? Nel peggiore dei casi, le persone che si descrivono in questo modo possono scriverlo nella parte del sondaggio dove puoi lasciare un commento”, suggerisce il regista.

Nonostante le critiche, il Canadian Council on the Arts ha persistito e ha firmato. “Pazzo” e “pazzo” saranno ancora la scelta di risposta nel suono. Tuttavia, l’agenzia federale ha chiesto alla società che elabora i risultati della consultazione “di aggiungere un commento al questionario al fine di stabilire il contesto che giustifichi l’uso di questo termine”.

Oltre a “pazzo” e “pazzo”, il sondaggio contiene anche l’espressione “crip”, usata in inglese per deridere le persone con disabilità fisiche. Ancora una volta, questo termine dannoso è stato inizialmente scelto da persone che convivono con questa condizione. Tuttavia, in questo caso, questa clausola non è tradotta nella versione francese del sondaggio, dove viene utilizzata la parola inglese. Il sondaggio è stato progettato dalla Left Turn Right Turning Company con sede a Toronto.

Vediamo nel video