Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Salute mentale degli atleti: ‘Riescono a nascondere in modo significativo la sofferenza’

Ho rassicurato tutti con un sorriso. Martedì, la ginnasta americana Simone Biles, quattro volte campionessa olimpica, è tornata alle competizioni a Tokyo durante l’evento alla trave, conquistando il bronzo nel processo, dopo aver abbandonato le gare in altri eventi in cui è stata dichiarata una grande favorita. Durante la gara a squadre di pochi giorni fa, in realtà ha dovuto perdere per “concentrarsi sulla sua salute mentale”. “Una volta che passo sul tappeto, siamo solo io e la mia testa… devo affrontare i miei vecchi demoni”, ha detto dopo un salto insolitamente imperfetto nella sua casa.

Un discorso potente che ha provocato molte reazioni nel mondo. Due mesi fa, la tennista giapponese Naomi Osaka ha lasciato il Roland Garros a causa della sua cattiva salute mentale. Se per diversi anni l’argomento sembrava sempre meno tabù tra gli atleti, allora i discorsi sono ancora rari. Per la psicologa dello sport Maryam Salmi, ex responsabile del monitoraggio psicologico degli atleti dell’INSEP (Istituto nazionale per lo sport, l’esperienza e la performance) che ha accompagnato la delegazione francese ai Giochi olimpici di Tokyo, le alte prestazioni a volte portano a disturbi psicologici che devono essere rivelati. da professionisti.

Lexpress: Come si spiega che la salute mentale degli atleti viene messa alla prova?

offerta limitata. 2 mesi a 1 euro senza impegno

Mary Stroe : Siamo in ambienti premium in cui le prestazioni sono sempre presenti indipendentemente dall’ambiente. Queste sono le persone che mirano a fare sempre un buon lavoro. Necessariamente, questo tipo di obiettivo a volte porta a disturbi psicologici. Mi interessano anche politici, attori, imprenditori… In tutti questi ambienti d’élite dove regna la competizione, dove i luoghi sono scarsi e dove l’eccellenza è essenziale, questo contesto può generare ansia. Il concetto di equilibrio è centrale. È lo squilibrio che può generare in particolare disturbi d’ansia o episodi depressivi, che sono disturbi psicopatologici. È importante prevenire questo tipo di disturbo. Più forti diventiamo, più vulnerabili diventiamo perché opereremo in zone pericolose. Se vuoi ottenere prestazioni eccezionali, dovrai entrare in questa zona di rischio, altrimenti non sarai mai eccezionale. Abbiamo costantemente a che fare con limiti fisici, fisiologici e psicologici.

READ  Anche gli animali stessi conoscono la crisi dell'adolescenza

Gli atleti di alto livello sono più fragili di prima?

Non sono più fragili di prima. È il giorno di cui stiamo finalmente parlando. Infine, riconosciamo l’atleta per la sua umanità. Non sono macchine, sono persone che vivono emozioni e hanno dubbi e domande. Ovviamente ci sono persone che vivono situazioni più tragiche dei grandi atleti, ma resta il fatto che è un ambiente molto impegnativo.

Cosa è cambiato per avere questo sviluppo?

Lavoro in questo ambiente da quasi 30 anni. La cosa più notevole è che gli atleti ne hanno parlato. Teddy Renner è stato il nostro più grande ambasciatore in psicologia. Quando le persone lo sentivano parlare del suo seguito psichico, si chiedevano. Alcuni atleti hanno iniziato a pensare: “Posso parlare anche di questo”. Ci sono anche persone che non erano atleti, si dicevano: “Se Teddy Renner si consulta, andrò anche io per le consultazioni”.

Quali sono i pericoli di un atleta che ignora certi spunti e non si fermerà mai?

Spesso non perché non lo sappiano, ma perché non lo sanno, e non se ne rendono conto. Hanno la capacità di sopportare sofferenze fisiche e psicologiche straordinarie, altrimenti non sarebbero in grado di svolgere il lavoro. Per loro, sentirsi stanchi non è un grosso problema. Se si spingono troppo oltre, possono effettivamente raggiungere i punti di rottura e recuperare logicamente. Questo è quello che abbiamo visto con Simone Biles o Naomi Osaka. Ce n’erano altri prima, come Pascal Papé o Mathieu Bastareaud. Ma non erano molti gli atleti che ne parlavano. Quando ne ho parlato 30 anni fa, c’era una smentita del problema.

READ  La carta non è né bianca né nera, siamo grigi: tutto è possibile

Come spieghiamo questa negazione?

Devi davvero essere un professionista del settore per individuare questi segnali di pericolo in un atleta di altissimo profilo, perché sono in grado di mascherare la sofferenza in grande stile. Proprio come con lesioni fisiche, possono farlo con lesioni psicologiche. Tuttavia, ci prendiamo cura del corpo dell’atleta più che della sua testa, anche se oggi facciamo progressi.

Con l’arrivo dei social network, sta giocando sull’equilibrio che la tua performance venga commentata e esaminata?

I social network hanno un potere enorme. È anche un’ottima cosa, permette di comunicare e ottenere informazioni, e non va neanche screditata. Bisogna soprattutto saperlo usare, sapere quando guardarlo, saper prendere le distanze e criticarlo. Bisogna anche allertare e formare gli atleti. Il gioco è un focolaio di disordini emotivi e consiglio sempre agli atleti di non controllare i social media durante questo periodo e di tornare dopo.

La salute mentale degli atleti è sufficientemente presa in considerazione oggi nelle federazioni?

Le cose stanno migliorando, ma abbiamo ancora molto lavoro da fare. Nel 2004, grazie a Jean-François Lamour, abbiamo creato una valutazione psicologica di tutti gli atleti di alto livello. Una volta all’anno per gli adulti e due volte l’anno per i minori. Questo ti permette di incontrare un professionista. Purtroppo non ci sono abbastanza contrazioni e a volte sono i medici che devono farlo. Questa valutazione consente ai professionisti di rilevare, prevenire e informare l’atleta. La gente oggi si rende conto che gli atleti hanno una testa, non solo un corpo.

L’app Express

Per continuare l’analisi e la decodifica ovunque tu sia

Scarica l'app

Scarica l’app

READ  Sigarette elettroniche e tabacco caldo: cosa dice la scienza sulla loro pericolosità?

Cosa si può fare per migliorare questo monitoraggio?

Abbiamo bisogno di più risorse nel campo della psicologia, in modo da poter anche migliorare l’assistenza e la prevenzione. Sta andando molto bene quando alleniamo gli allenatori e gestiamo lo sport, vediamo che reagiscono molto velocemente. È necessario riferire a livello delle massime autorità, è un lavoro essenziale che richiede tempo.


opinioni

cronico

Il professor Gilles Bialo, editorialista di L'Express, è il capo del dipartimento di malattie infettive e tropicali dell'Ospedale Tenon di Parigi (AP-HP).Scritto dal professor Gil Bialo

cronico

Castello Silvano.di sylvan forte

cronico

I posti per gli spettatori rispettano le distanze di sicurezza al Festival Internazionale del Teatro di Avignone, nel sud della Francia, 18 luglio 2020Jean Laurent Caselli

cronico

Robin Riffaton, saggista ("Sorridi, vieni fotografato!", editore.  de l'Observatoire, 2021), Direttore degli investimenti presso Idinvest Partners.Robin Rivaton