Agosto 15, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Salute: le aziende vogliono investire negli ospedali locali

Le aziende vogliono sicuramente investire in strutture di assistenza locali. Allo stesso tempo, richiamano l’attenzione sulla prevalenza dell’informalità.

Le aziende marocchine sono disposte a investire in un partenariato pubblico-privato per costruire ospedali locali. Vogliono inoltre investire, nell’ambito di un partenariato pubblico-privato, nella formazione di una nuova generazione di personale medico e nell’accelerazione della digitalizzazione del sistema sanitario. Questo l’impegno appena preso dal Presidente della Confederazione Generale delle Imprese Marocchine, Chakib Alj, durante il suo intervento al Simposio Internazionale sulla Protezione Sociale, organizzato a Skhirat.
Riferendosi al piano di protezione sociale in senso stretto, il presidente della Confederazione generale delle imprese marocchine ha confermato che il sindacato è mobilitato da diversi decenni per creare e finanziare un arsenale di programmi sociali (pensioni, Fondo nazionale di previdenza sociale e Caisse Interprofessionnelle Marocaine de Retraite, assicurazione sanitaria obbligatoria e assegni familiari).

In questo senso, Alj ha sottolineato la necessità di “stabilire il sigillo tra i diversi schemi di copertura sanitaria”, sottolineando che il progetto di protezione sociale è anche una leva acceleratrice per integrare il settore informale che rappresenta, secondo i dati di Al-Maghrib Bank 30% del PIL.
Il Presidente fa inoltre riferimento allo studio sul settore informale condotto dalla Confederazione Generale delle Imprese Marocchine nel 2018 (aggiornato nel 2021), rilevandone le principali raccomandazioni al riguardo.

Ciò include l’implementazione di meccanismi di protezione sociale semplificati, la revisione del meccanismo di Contribuzione professionale individuale per indicizzare il contributo alla capacità contributiva di ciascuna persona, l’utilizzo della soluzione di Voucher per i servizi per l’impiego in particolare per promuovere la pubblicità dei lavoratori domestici e l’attuazione di un pacchetto di incentivi mirato al TPME (Small Business legge), che facilita, tra l’altro, l’accesso agli appalti pubblici e ai finanziamenti.

READ  Covid-19 e Israele: l'onda delta e il vaccino

Si tratta anche di creare aree di attività economica, strutturare mercati, in particolare a beneficio dei commercianti ambulanti, interconnettere banche dati esistenti (DGT, CNSS, ecc.) per una migliore lettura delle pratiche informali (es. mancanza di rendicontazione), nonché Accelerare il ritmo della strategia nazionale di inclusione finanziaria, con il pagamento mobile come caso d’uso ad alto impatto per rimuovere denaro contante e migliorare la tracciabilità delle operazioni aziendali.