Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Salute | Lascia che Ottawa si faccia gli affari suoi!

In Canada, un paese ricco, i sistemi sanitari provinciali falliscono ovunque, quindi spesso devi aspettare settimane o addirittura mesi per le cure. Investire miliardi in più non risolverà tutti i problemi, ma è comunque necessario. Questo denaro è di proprietà del governo federale. Sfortunatamente, Ottawa sta cercando di convincere il braccio provinciale ad accettare i suoi termini prima di ottenere ulteriori finanziamenti. In questo caso, il governo Trudeau ha torto.


Sebbene ci sia, come sempre, una guerra di numeri tra Ottawa e le province, non si può negare che la quota federale della spesa sanitaria pubblica è diminuita nel corso degli anni. I premier provinciali chiedono un aumento immediato di tale rapporto dal 22% al 35%, che costerebbe al governo federale $ 28 miliardi nel primo anno e metterebbe Ottawa in una posizione di deficit di $ 50-60 miliardi all’anno per il prossimo futuro. . La richiesta provinciale è ovviamente irragionevole.

Durante l’ultima riunione dei ministri della salute, la scorsa settimana, il ministro canadese, Jean-Yves Duclos, si è rifiutato di parlare di numeri, solo a parole sul fatto che i trasferimenti sanitari federali dovrebbero aumentare.

Il signor Duclos era particolarmente ansioso di parlare dei termini che il governo federale vuole che le province accettino prima di pagare loro altri miliardi.

Pubblicamente il ministro federale si è accontentato di frasi vuote, tanto che è difficile farsi un’idea precisa delle richieste di Ottawa. Tuttavia, sappiamo che si tratta di condividere dati sanitari. In particolare, il governo federale vuole mantenere una banca statistica sulla forza lavoro della rete sanitaria, e l’obiettivo finale è quello di avere requisiti in materia di apprendistato standardizzati da costa a costa. Sarà facilitato lo spostamento delle persone da una provincia all’altra.

READ  Cœur d'Hérault: formazione completa per i professionisti della salute mentale

Inoltre, Jean-Yves Duclos vorrebbe che le province partecipassero a un “sistema di dati sanitari di livello mondiale”. Tuttavia, se ci affidiamo all’ultimo rapporto del gruppo di esperti che Ottawa ha incaricato di consigliarlo nella creazione di un tale sistema, l’errore sarebbe terribilmente complesso. Cito da quel rapporto quanto segue: “L’attuazione della strategia da parte delle varie giurisdizioni sarà informata da un Consiglio di supervisione delle informazioni sanitarie basato sulle competenze (il Consiglio) e facilitata da uno o più programmi del sistema di apprendimento sanitario, responsabili nei confronti del Conferenza dei Vice Ministri della Sanità.” Federale, Provinciale e Territori Il Consiglio e i Tavoli della SSA sosterranno la sovranità dei dati per le comunità delle Prime Nazioni, Inuit e Miste e assicureranno che gli organi rappresentativi e i governi siano debitamente coinvolti Il Tavolo/i della SSA lavorerà con il Consiglio per sviluppare tabelle di marcia integrate per l’implementazione del sistema Learning Health e garantire investimenti e finanziamenti per la strategia.»

perdere! Se questa era l’Idra con cui il signor Duclos parlava ai suoi colleghi, avevano ragione a protestare.

Le soluzioni non arriveranno da Ottawa

Ha ragione il governo Trudeau a preoccuparsi dei problemi che minano le reti sanitarie del Paese? naturalmente. Hanno ragione i politici federali quando dicono che il denaro da solo non risolverà questi problemi? completamente. Eppure sono sul campo quando affermano che le soluzioni arriveranno dai burocrati seduti nei loro uffici a Ottawa, soprattutto quando conosciamo le difficoltà che questi stessi burocrati incontrano nell’amministrare le aree di giurisdizione federale, dal rilascio dei passaporti alla gestione dell’immigrazione, alle buste paga per il governo dipendenti.

In termini di condivisione dei dati, in realtà c’è un Canadian Health Information Institute (CIHI) che sta facendo un ottimo lavoro.

READ  Dov'è il sistema sanitario francese?

Certamente, per migliorare l’efficienza dei sistemi sanitari nazionali, le contee devono produrre più dati, non solo sulle loro spese, ma anche sugli effetti di questi investimenti sulla cura dei pazienti. Per quanto possibile, questi dati dovrebbero essere standardizzati per facilitare i confronti interprovinciali e internazionali. Le province devono impegnarsi a fare questo lavoro e Ottawa deve autorizzare CIHI a coordinare tutto. Le statistiche risultanti non saranno utilizzate per fornire conti al governo federale, ma rafforzeranno la responsabilità dei governi provinciali nei confronti dei loro residenti.

Quanto agli accordi di guerra e di finanziamento, il governo Trudeau deve smettere senza indugio di avanzare una proposta quantitativa che tenga conto del suo margine di manovra finanziario. L’importo totale e il tasso di crescita devono essere significativi. Le province, però, sanno bene che non otterranno le ingenti somme che pubblicamente chiedono.

Insomma, a prescindere dagli effetti delle toghe dei politici, un compromesso si può trovare. È necessario lavorare. Non è esagerato ricordare che sono in gioco delle vite.