Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Salute. Il polline potrebbe essere un ‘taxi’ per il Covid

Il polline non è sicuramente un alleato durante la crisi del coronavirus…

Già accusato di provocare allergie, abbiamo appreso lo scorso marzo che esiste una correlazione tra la concentrazione di polline nell’aria e il numero di infezioni. Un fenomeno che può essere spiegato dal fatto che il polline una volta nel nostro naso inibisce – o almeno in parte – la risposta antivirale delle nostre cellule nasali.

Recentemente, uno studio condotto dall’Università di Nicosia riportato dal British Daily indipendente e distinto da ardesia Ha evidenziato un altro meccanismo che coinvolge polline e coronavirus.

Secondo i ricercatori, che martedì hanno pubblicato il loro studio sulla rivista scientifica fisica dei fluidi, il virus può utilizzare il polline come mezzo, il che rende la sua diffusione più facile e veloce, e non è necessaria una distanza fisica di due metri.

Più forte delle gocce di saliva

Quando una persona infetta starnutisce o tossisce, le particelle di virus che vengono espulse nell’aria saranno già in grado di attaccarsi ai grani di polline che fluttuano intorno. Quest’ultimo è particolarmente grande rispetto al virus e può trasportare centinaia di particelle.

Quindi qualcun altro che respira polline in questo mezzo potrebbe essere infettato, a fortiori in mezzo alla folla.

Gli autori dello studio Taleb Dabouk e Dimitris Drikakis raccomandano di evitare di raccogliere vicino a piante o alberi che sono noti per rilasciare molto polline. Chiedono anche raccomandazioni locali basate sui livelli di vaccinazione.

“I semi di polline possono percorrere distanze maggiori rispetto alle goccioline di saliva. Non possono evaporare completamente. Quindi i semi di polline possono diffondere il virus in proporzioni maggiori rispetto alle goccioline di saliva”, avverte Dimitris Drikakis.

READ  Caratteristica: 5 nuovi suoni della fantascienza francese da scoprire e seguire con attenzione!