Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Salute e benessere al centro della Coppa del Mondo in Qatar

18 ottobre 2021

  • FIFA, Oms e Qatar firmano un accordo tripartito

  • Didier Drogba partecipa alla nuova campagna dell’OMS come ambasciatore per la salute e lo sport

  • Il presidente della FIFA saluta la campagna congiunta per promuovere la salute durante la Coppa del Mondo FIFA 2022

La FIFA, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e lo Stato del Qatar hanno avviato una nuova collaborazione a lungo termine per collegare la Coppa del Mondo FIFA 2022 alla promozione della salute fisica e mentale. I rappresentanti di queste tre organizzazioni vedono l’emergere di un nuovo modello, che può servire da modello per altre importanti competizioni internazionali in futuro.

La campagna “Healthy FIFA World Cup Qatar 2022™ – Creazione di un’eredità per lo sport e la salute” è stata presentata presso la sede dell’Organizzazione mondiale della sanità a Ginevra e ruota attorno a una serie di attività congiunte volte alla promozione di uno stile di vita sano, della sicurezza sanitaria e del benessere mentale. A margine del Campionato Qatar 2022.

Il presidente della FIFA Gianni Infantino ha espresso la sua gratitudine all’Organizzazione Mondiale della Sanità e allo Stato del Qatar per la loro partecipazione a questo accordo volto a rendere l’edizione 2022 del grande evento mondiale la Coppa del Mondo FIFA più sicura di sempre.

“La nostra competizione principale, la Coppa del Mondo, si svolgerà tra poco più di un anno in Qatar. Ma per godersi appieno la meravigliosa festa del calcio, è necessario essere in buona salute”.

“Questo accordo tripartito rappresenta un passo molto importante per la FIFA, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e lo Stato del Qatar, che mostra il loro desiderio di rendere questo evento il più bello e il più sicuro in ogni momento. Con la guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, lanciare nuove iniziative e innovare nuovi modi per consentire a tutti di godersi ogni momento di una competizione così grande, integrando salute, sicurezza e benessere nell’ambiente del campionato”.

READ  Salute: più di 40 ictus al giorno in Occitania

“A nome della FIFA, sono lieto di rinnovare il nostro sostegno agli obiettivi comuni che ci siamo prefissati. Non vedo l’ora di raccogliere i frutti di questa alleanza”.

Anche il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Dr. Adhanom Ghebreyesus, ha espresso il suo sollievo: “Ringrazio Gianni Infantino e i nostri amici della FIFA. Insieme condurremo una serie di iniziative per incoraggiare l’attività fisica e la salute mentale. Inoltre, sosteniamo alcune misure di salute pubblica, un accesso equo all’assistenza sanitaria e altri strumenti per combattere l’epidemia di Covid-19. Siamo lieti di approfondire questa relazione attraverso questa dichiarazione di intenti condivisa da Qatar, FIFA e Organizzazione mondiale della sanità”.

“Vogliamo tutti essere in grado di organizzare una Coppa del Mondo sana e sicura il prossimo anno in Qatar. Ma vogliamo anche lasciare un’eredità che dimostri che i grandi eventi sportivi possono aiutare a promuovere la salute e la bontà.

Inoltre, Didier Drogba è stato ufficialmente nominato ambasciatore per la salute e lo sport dell’Organizzazione mondiale della sanità. Ex ambasciatore presso il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, l’ivoriano si è concentrato per quasi 15 anni sulla situazione in Africa. L’ex attaccante di Marsiglia e Chelsea si è detto “felice di essere tornato nella famiglia delle Nazioni Unite”.

“Per tutta la vita ho messo la mia carriera al servizio delle società in difficoltà”, spiega Drogba, un veterano che ha partecipato a tre Mondiali. “Ecco perché ho creato la Fondazione Didier Drogba. Grazie ad essa, sono stato in grado di trovare fondi e attrezzature per la salute e l’istruzione per la popolazione più vulnerabile in Africa”.

“Ma non è abbastanza, dal mio punto di vista. Troppe persone non hanno ancora accesso alla salute. Malattie cardiache, ictus, diabete e cancro sono in aumento in tutto il mondo”.

READ  Questa malattia devastante che nessuno conosce

“Come ambasciatore dell’OMS per la salute e lo sport, sono determinato a unire le forze con l’OMS, la FIFA, la società civile, il settore privato e tutti gli attori pertinenti per aiutarmi a raggiungere il maggior numero possibile di persone”.

Sua Eccellenza Hassan Al Thawadi, Segretario Generale del Comitato Supremo per la consegna e l'eredità

Uno degli assi del progetto è quello di incoraggiare le persone ad adottare uno stile di vita sano: attività fisica regolare, una dieta equilibrata o addirittura antifumo. Anche la sicurezza sanitaria, in particolare il controllo dei grandi raduni, è nel programma. Infine, e in generale, l’ambizione degli istigatori è quella di mettere al primo posto la salute.

Hassan Al Thawadi, segretario generale del Comitato supremo per la consegna e l’eredità, vuole lasciare un’eredità tangibile. “Da quando siamo stati incaricati di organizzare la Coppa del Mondo 2022, abbiamo prestato particolare attenzione all’eredità sociale dell’evento e il nostro obiettivo è migliorare la vita quotidiana delle persone in Qatar, nella regione e in tutto il mondo. La pandemia ha reso ci rendiamo conto dell’importanza di utilizzare questa piattaforma per educare i cittadini sui problemi di salute pubblica”.

“Questa partnership con l’Organizzazione Mondiale della Sanità rafforzerà e migliorerà le misure già adottate. Così, la prima Coppa del Mondo organizzata in Medio Oriente potrà sfruttare appieno il suo potenziale in campo sociale e diventare un punto di riferimento nel il campo.”

Sua Eccellenza il dottor Hanan Mohamed Al-Kuwari

Sul tema è intervenuto anche il ministro della Salute del Qatar, Dr. Al-Kuwari: “Lo Stato del Qatar è orgoglioso di essere il primo paese del Medio Oriente ad ospitare la Coppa del Mondo. Non vogliamo solo avere una grande competizione, ma vogliamo anche avere il miglior torneo possibile”.

READ  Alexandra Henrion Codd, supporto scientifico per "Cofido Skeptics"

“Ecco perché abbiamo stretto una partnership con l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Non vediamo l’ora di lavorare con l’OMS, la FIFA e altri partner coinvolti in questo progetto. Insieme realizzeremo un’indimenticabile Coppa del Mondo della salute. Questa edizione sarà una pietra miliare, poiché stabilirà si propone come modello nel settore sanitario per l’organizzazione di grandi eventi sportivi internazionali.