Luglio 5, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Salute. Diabete gestazionale: ecco come mangiare (bene)

È uno dei disturbi più comuni durante la gravidanza: il diabete gestazionale colpisce un numero sempre maggiore di donne in gravidanza. È, in ogni caso, confermato da un ampio studio pubblicato giovedì in Giornale britannico di medicina Una serie di 150 studi preliminari è stata condotta su più di sette milioni di donne in gravidanza.

Se la frequenza di questo disturbo è in aumento da diversi anni nel mondo, è anche perché l’aumento di peso, che favorisce il diabete, è sempre più diffuso. Tuttavia, il diabete gestazionale, a cui viene diagnosticato un alto livello di zucchero nel sangue durante la gravidanza, è “altamente associato a complicazioni”. Inoltre, se di solito scompare dopo la nascita, aumenta il rischio che sia la madre che il bambino sviluppino il diabete di tipo 2 più avanti nella vita.

Taglio cesareo, parto prematuro e preeclampsia

Nel loro studio, e su una scala senza precedenti, i ricercatori guidati dal cinese Fangkun Liu hanno mostrato per la prima volta che i rischi associati al diabete gestazionale sono in realtà legati al diabete stesso e non, ad esempio, semplicemente al sovrappeso. Tra i rischi accertati non ci sono solo la necessità di un parto cesareo e un parto prematuro, ma anche la pre-eclampsia (un disturbo che compare nella pressione alta e può evolvere in gravi convulsioni) o un peso alla nascita anormalmente elevato nel neonato.

In alcune donne è necessaria la terapia insulinica. Lo studio rileva alcuni rischi per quest’ultimo, tra cui difficoltà respiratorie nel bambino alla nascita.

Tuttavia, questo lavoro è rassicurante anche su un rischio particolarmente grave e ancora poco valutato: la morte del bambino alla nascita. Gli autori notano che non c’è una “chiara differenza” nella questione tra le donne con diabete gestazionale, così come nel rischio di aborto spontaneo.

READ  Cina e Russia sulla luna

Equilibrio difficile da trovare

Anche se i rischi rimangono numerosi, questo non dovrebbe portare al panico. Diabete o no, non c’è dubbio che una donna incinta riduca significativamente la sua dieta. La dietista Helen Lovett sottolinea che “dire: ‘Non mangio finché non sale’ non è un buon resoconto a lungo termine”.

I rischi di denutrizione sono particolarmente elevati in una donna incinta, che richiede un difficile equilibrio nella gestione del diabete: controllare la glicemia senza contrastare il fabbisogno energetico. Da qui l’importanza di consultare un medico e un nutrizionista.

Solo che gli stessi fornitori non hanno standard e, di fatto, utilizzano approcci molto diversi: alcuni alimenti dovrebbero essere vietati? Pasti suddivisi per appianare la glicemia?

Questo è ciò che ha spinto i diabetologi francesi a pubblicare, qualche settimana fa, Raccomandazioni dettagliateCon il patrocinio di Helen Lovett e della collega Atefeh Nekpima. Il dietista osserva che “le raccomandazioni dietetiche erano davvero superate e brevi: ce n’era davvero poco”.

Queste nuove regole, che ovviamente devono essere adattate alle condizioni di ogni paziente, sono suggellate da un approccio realistico: evitare di disturbare il più possibile la dieta del paziente. Pertanto, non raccomandano di vietare completamente qualsiasi alimento dolce, sebbene sia logicamente necessario limitare questi alimenti, o dividere automaticamente i pasti, anche se questa rimane una possibilità a seconda dello sviluppo della glicemia.

È necessario “tenere conto delle situazioni particolari dovute alla gravidanza e dei vari vincoli (abitudini alimentari, gusti, situazione sociale, finanziaria, occupazionale e organizzativa, ecc.) al fine di fornire il più adeguato sostegno e follow-up al paziente-up.” Questo lavoro riassume.