Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

SailGP in testa alla classifica della stagione spagnola dopo la drammatica seconda giornata in Italia

SailGP in testa alla classifica della stagione spagnola dopo la drammatica seconda giornata in Italia

Presentato da Richard Gladwell, Sail-World.com/nz 6 giugno 06:50 P.T.D.
7 giugno 2021

Il team Japan SailGP, guidato da Nathan Outerridge, festeggia con il suo catamarano F50 i vincitori dell’ultima gara del giorno 2 della stagione 2 dell’Italian SailGP a Toronto, in Italia. 06 giugno. © Bob Martin / SeilGP

Per il secondo giorno consecutivo il Japan SailGP ha continuato a dominare la gara italiana del SailGP, vincendo la seconda gara della giornata e poi conquistando la finale in una giornata giocosa.

A causa del conflitto con gli Stati Uniti, il secondo giorno del primo round della stagione 2 alle Bermuda, la squadra giapponese si trova solo al terzo posto nella classifica della stagione, nonostante abbia insegnato alla Marina una lezione di vela in condizioni diverse a Toronto.

Con l’equipaggio completo dei primi cinque velisti in tutte e tre le regate della giornata, inizialmente si trovava a 8,5 km da SSW. Il peso corporeo extra non ha fatto molta differenza per le prestazioni del foil, tranne per il fatto che la brezza è scesa a 4 km durante la corsa. La chiave è ottenere la pellicola e quindi soffiare nell’aria l’aumento della pressione dell’aria apparente.

NZSailGP, insieme al timoniere medievale Arnaud Sarofakis (SUI) del circuito GC32, si è allontanato dalla partenza veloce di Gara 4, lasciando di fatto il gruppo in ascesa.

Jimmy Spittle e Nathan Outridge all’USASLGP, con l’eccezione del JapaneseSilGP, sono stati entrambi coinvolti su gambe ariose con i kiwi – e ognuno ha avuto una scena che porta a una flotta di otto barche. Ma nonostante solo il 50% del tempo di volo, Sarofakis ha recuperato e con l’aiuto di una brezza fresca Amogura ha fallito nell’ultima tappa e ha ottenuto una vittoria confortevole. La vela veloce per gli Stati Uniti ha conquistato il secondo posto con una corsa simile con il vento nelle ultime due tappe. Il Giappone era al terzo posto dopo essere stato inizialmente sepolto.

READ  Nella nuova serie Netflix italiana 'Zero', un eroe nero fa dell'invisibilità il suo superpotere: NPR

Bill Robertson ha aperto le porte allo Spaniel per diventare il terzo finalista dei kiwi, finendo secondo in Gara 5, aiutando a sollevare i kiwi al terzo posto con la Spagna pari a 19 libbre ciascuno.

Tra le regate, come accaduto il primo giorno, c’era la richiesta di ridurre a tre l’ultima regata navale completa, con lo stesso equipaggio che si avvicinava al peso e i pesi correttivi venivano cambiati per garantire che le barche navigassero verso destra . Momento il più possibile.

Dal momento che il vento non ha rallentato molto, la F1 ha colpito la tappa 1 a una velocità molto accettabile di 29 kg (54 km / h), e la brezza ha certamente variato in larghezza, con una maggiore pressione sul lato destro.

Ridurre il numero di squadre tra una gara e l’altra può essere molto dirompente, interrompere la velocità di gara e la mancanza di pressione idraulica a causa della ridotta potenza di rettifica ha un effetto maggiore sulle corse rispetto ai pesi della squadra più pesanti.

Nella decisiva Gara 5, Sarofakis ha portato i kiwi al terzo posto intorno alla boa 1 e ha fermato la tappa 3 all’intervallo, perdendo. Ma un incontro di porto e Starford con gli inglesi andò contro i neozelandesi, e per aumentare la loro miseria, scelsero un buon vantaggio sulla destra, mentre gli inglesi sull’altra andarono indietro. Per saldare la loro sentenza, gli arbitri hanno dovuto far cadere i kiwi dietro gli inglesi, e poi hanno ricevuto una seconda penalità per non averlo fatto rapidamente agli arbitri della cabina.

Una doppia penalità e un risultato intorno a Mark 4, invece di circondare l’orso all’ingresso opposto, l’ultimo chiodo nella bara dei Kiwi è andato giù attraverso il restante fioretto Navy Leg 4.

READ  L'Italia ha vinto otto ori nell'ultima giornata dei Campionati Europei di Nuoto Paralimpico

La gara finale è stata tra Spagna, Stati Uniti e Giappone, con tre persone che hanno viaggiato nella brezza di 8 km (16 km). Jimmy Spittle (USA) ha portato il suo Hull F50 blu in una posizione di comando prima del Giappone, mentre Phil Robertson (ESP) è stato multato per partenza anticipata.

Spittle ha preso il comando nella prima manche, ma è uscito dal fioretto dopo essere andato a sinistra all’inizio della tappa 3, e un cane rimbalzante ha perso leggermente la brezza in un punto cruciale. La mano destra esterna ruotava intorno al segno della bocca, uscendo brevemente dalle membrane, ma si riprese in una brezza leggermente rinfrescante.

La gara è giunta a una fine sfortunata per Spittle e il team americano nella parte inferiore della gamba 4, quando avevano una buona velocità intorno al cancello del braccio sinistro, e presto la F50 è stata sollevata e fermata prima di schiantarsi di nuovo. La causa ha poi colpito un oggetto in acqua, rompendo un timone, un incidente straziante per la squadra americana.

È uscito dal Giappone e dalla Spagna finendo rispettivamente primo e secondo, spingendo la Spagna in cima alla classifica, con il Giappone che è arrivato terzo.


Serie 2 – Toronto

Giappone 10pt
Spagna 9pt
USA 8pt
Nuova Zelanda 7pt
Danimarca 6pt
Gran Bretagna 5pt
Francia 4pt
Australia 3pt

Punti stagionali:

Spagna 16pt
Gran Bretagna 15pt
Giappone 14pt
Nuova Zelanda 13pt
Francia 12pt
Australia 12pt
USA 11pt
Danimarca 11pt