Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Rosanna Bondi ha combattuto con le risate e le armi per liberare l’Italia

S.Lo adorava Quel Codice. Ce l’aveva, di tessuto cascentino liscio e denso, che alcuni dicevano fosse il migliore d’Italia. Secondo, era vermiglio brillante, il più rosso possibile, e doveva essere notata e ammirata mentre camminava per la strada. Il suo colore è assolutamente rosso. La forma abbreviata di Rosanna è “Rosa”, da qui il suo nome tra le sue amiche. E la sua politica è rossa, antifascista e antisinistra. Il suo atteggiamento non era intellettuale perché preferiva feste vere alle intense discussioni filosofiche di alcuni suoi amici. Ma allora era solo una scolaretta. Era ben consapevole di essersi unita a un gruppo di giovani membri del Partito Comunista a Roma per minare l’occupazione tedesca e il regime fascista di Benito Mussolini e per combattere se potevano. Esatto, tutti erano d’accordo sul fatto che fosse l’unica cosa da fare. Giustizia, unità, libertà! E felicità.

Ascolta questa storia

Goditi più audio e podcast iOS o Android.

In quelle fredde serate di novembre e dicembre 1942, la tunica rossa mi è venuta addosso mentre pedalavo da piazza Claudio a Nomentura e poi a Monte Sacro dopo la scuola. Faceva parte di una staffetta lUnitàà, il principale quotidiano comunista, ora è vietato e vietato a un macellaio che li ha inviati. Nessuno avrebbe sospettato, pensò, di un bel cappotto accattivante di una donna a caso in bicicletta. Ma poi, purtroppo, qualcuno lo fece. Il macellaio fu arrestato e fucilato, e la “donna con la tunica rossa” era ora nella lista di controllo della Gestapo. In quel momento dovette uscire e costruire il suo castello.

Ha preso le armi in altri viaggi a staffetta, anche se non senza orrori. Una andava sull’autobus per le strade dissestate, dove a ogni barcollamento doveva afferrare saldamente una grossa valigia e cercare di tenerla piatta. La situazione non è stata aiutata dal suo amico Mauricio, che si è comportato come fanno i giovani interessati quando il fidanzamento è finito. Dopo una brutta pompata, “Rosa, prenditi cura di quelle uova!” Poi i due scoppiarono a ridere. Non erano fidanzati, stavano facendo “coppie” per deviare i sospetti, e le “uova” che trasportava erano munizioni di nitroglicerina. Le spie della Gestapo si riferivano anche a “più amici maschi”.

C’era un certo schema in tutto il suo lavoro di resistenza. Si fingeva una giovane stupida che non minacciava i suoi nemici, perché quello era il ruolo che da tempo il regime fascista aveva loro assegnato. (Che poca fantasia avevano i fascisti!) Tavolozze moda donna, fidanzate, madri, mogli: accessorio maschile. La maggior parte non sognava di partecipare alla politica o alla guerra e aiutava ad aggiungere fuoco (a volte molto brevemente) alle loro proteste impotenti quando i loro uomini venivano portati via. Così lei a Ragazza spaventosa, Una ragazza spaventosa. Ma cosa si aspettavano dalla figlia di un comandante? Era seria quanto lui sul fatto che Idley fosse libero. Nel giugno 1944, nove mesi dopo il cessate il fuoco tra l’Italia e gli Alleati, si offrì volontario come amministratore delle operazioni speciali della Gran Bretagna (SOE), appena lei glielo chiese lui la lasciò andare e le disse solo: “Fai il tuo dovere… più che puoi”.

In SOE, Come un cadetto accedi alle loro attività Sede centrale Vicino a Barry nel sud, ha codificato messaggi radio per agenti abbandonati dietro i nemici nel nord ancora occupato. Attraverso di lei hanno scoperto dove erano il loro cibo e le loro armi. Ha tradotto dall’italiano all’inglese ed è stata insegnata dalla sua tata inglese dopo la morte della madre. La sua distanza dal combattimento vero e proprio era un dolore, e ha preso un corso di paracadutismo non riconosciuto nella speranza che potesse cadere da sola. Alla fine, dovette trovare soddisfazione nel sposare il famoso e coraggioso agente Julian Mathieu, Giuliano Matteoli, che aveva rinunciato a cercare l’aereo scomparso, attaccando le posizioni tedesche e aiutando a liberare Firenze. Tre giorni dopo il loro matrimonio, annegò per liberare Bergamo.

Tuttavia, era chiaro che gli agenti apprezzavano profondamente il suo lato tenero. Alcuni di loro erano più giovani di lei, e lei era ancora minorenne. Sorrideva loro come una fidanzata e lei era frizzante e sexy anche nella sua uniforme. Alcuni piangevano prima dei loro compiti e lei li confortava. Controllò l’attrezzatura e promise di avere tutto ciò di cui avevano bisogno. Chiede anche loro se hanno urinato come una madre.

I suoi capi britannici la trovavano divertente, ma strana. Durante un lungo viaggio verso sud, in un furgone all’alba nel suo paese devastato, hanno fatto solo due soste per il tè. In mezzo a tutto quel caos, c’era ancora tempo per i rituali formali. È successo di nuovo. Settant’anni dopo il suo lavoro di guerra, dopo un lungo periodo come produttore di entrambi RAI, televisione di stato italiana, e BBC, Un amico dell’esercito britannico ha scoperto che c’erano tre medaglie assegnate dalla Gran Bretagna per i servizi segreti durante la guerra, ma non erano ancora state assegnate. E sono suoi. Nel 2015 la medaglia di guerra 1939-45, la medaglia della vittoria e la stella italiana sono state montate sul suo semplice abito grigio.

Era riconoscente, ma sorpresa. Per tutti questi anni non aveva mai parlato del suo servizio di guerra. Quel lavoro era fatto, l’Italia era libera e pochi festeggiavano Tricolore Il 25 aprile, giorno della sua liberazione, fece più feste di quante ne avesse mai fatte. Ma non le importava il fico nel decorarsi. Ha fatto delle buone cose come donna, ma non molto tempo fa! Adesso ha 90 anni, per l’amor di Dio.

Inoltre, c’era ancora molto da fare. L’antisemitismo aumentò di nuovo, ed era intollerabile. Quelli negli uffici governativi sostenevano il fascismo. Ai bambini non viene insegnata la storia necessaria per resistere a questi. Solo un terzo dei seggi dell’Assemblea costituente era detenuto da donne.

A Sorano, nella Maremma toscana, si ritirò nella sua campagna ondulata preferita con molti cavalli e cani. senegalese rosso, Un gruppo di intellettuali di sinistra che si sono incontrati per discutere i temi scottanti del giorno. Alcuni di loro erano attori, per i quali avviò un laboratorio teatrale, dove si concentrò maggiormente su Dostoevskij che si lamentava della condizione umana. Era ancora impegnata due mesi dopo la sua morte.

E il cappotto rosso? L’ha bruciato, ha detto. Ma in molti modi, non se l’è mai tolta. io

L’articolo è apparso nella sezione dei necrologi dell’edizione cartacea intitolata “Woman in Red”.

READ  'Hai falciato il mio prato? - L'importante domanda di John Kirvan all'allenatore Kiwi dell'Italia Kieran Crowley