Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Rivoluzione verde in Europa? I piani di spesa in Italia sollevano dubbi

L’Unione europea fornisce 750 miliardi di euro (circa 98,5 trilioni di yen) al Pandemic Recovery Fund come opportunità del secolo per trasformare l’economia della regione e aiutarla a guidare il mondo nella riduzione delle emissioni di carbonio.

Ma uno sguardo ravvicinato da parte degli ambientalisti ai piani di spesa messi in atto dall’Italia – il più grande destinatario del denaro dell’Unione europea – solleva interrogativi su come sarà il contributo verde di Roma, come sarà misurato e persino quali investimenti possono essere classificati come “verdi”. “.

Hanno criticato il piano presentato al Parlamento questa settimana, descrivendolo come non all’altezza della rivoluzione promessa.

Il governo di Mario Draghi intende presentare venerdì a Bruxelles il documento di 273 pagine per ottenere più di 200 miliardi di euro (242 miliardi di dollari) dal fondo, con l’obiettivo di rendere il blocco di 27 nazioni più ecologico, digitale e resiliente.

L’Unione europea richiede la quota maggiore di investimento in ciascun paese – circa il 37% – per orientarsi verso progetti che renderanno più verde l’economia della regione. Ma lobbisti e centri di ricerca ambientale dicono che il piano italiano non è all’altezza.

“Non è un piano molto verde”, è il titolo di un rapporto di Greenpeace italiano, che questa settimana si è incontrato fuori dal parlamento con altri sostenitori dell’ambiente per protestare contro quella che vedono come una mancanza di ambizione nei confronti dell’ambiente.

Il documento di Draghi offre 59 miliardi di euro di soldi dell’UE sotto la voce della trasformazione ambientale, da spendere nei sei anni del piano – circa 10 miliardi di euro in meno rispetto alla bozza preparata dal suo predecessore Giuseppe Conte, che ha perso il potere a gennaio.

Ciò rappresenta il 31% dei fondi dell’UE, contro il 37% previsto. Draghi lo ha esportato con un prestito governativo separato di 9 miliardi di euro, ma i lobbisti indicano che il denaro non sarà soggetto a controllo da Bruxelles e quindi potrebbe essere facilmente cancellato.

READ  Quando la vita torna a com'era prima di COVID?

Draghi ha detto al Parlamento questa settimana che le politiche verdi sono apparse in molti dei sei capitoli del suo piano, non solo una “transizione verde”, il che significa che l’obiettivo di Bruxelles del 37% è stato raggiunto.

La Commissione europea ha due mesi di tempo dal momento in cui riceve un programma nazionale per verificare che soddisfi i criteri. Dopodiché, i ministri delle finanze dell’UE hanno un altro mese per valutare.

Un funzionario ha detto questa settimana che molti paesi hanno pianificato di spendere fino al 50% dei loro soldi in progetti verdi, ma che in ogni caso tutti i piani saranno attentamente esaminati.

Trasporto elettrico

Più specificamente, i manifestanti sostengono che il piano di Draghi offre poco per convertirsi al trasporto elettrico, vitale per il nord Italia industriale, tra le più inquinate d’Europa, o per passare a un’agricoltura biologica meno intensiva.

Il piano prevede solo 750 milioni di euro per sviluppare colonnine di ricarica per auto elettriche e 300 milioni di euro per autobus elettrici.

Roma ha sollevato dubbi sull’imposizione di velocità alle auto elettriche se le batterie non vengono caricate con energia da fonti rinnovabili.

Il ministro per l’Ambiente, Roberto Singolani, sostiene che con un sistema di trasporto pubblico inquinato e un traffico automobilistico obsoleto, le priorità dell’Italia sono chiare. “Dobbiamo prima riparare i trasporti pubblici”, ha detto. “Questa è un’emergenza assoluta.”

Tuttavia, Greenpeace italiano ha detto che non è nemmeno accaduto. Ha detto che il piano di Draghi di estendere le linee di trasporto pubblico nelle città italiane di circa 240 chilometri è sufficiente per la sola Roma.

READ  Buenos Aires Times | Il presidente Fernandez tiene colloqui "positivi" con il capo del Fondo monetario internazionale a Roma

La Germania riceverà dall’Italia fondi per il recupero dell’UE significativamente inferiori, ma prevede di utilizzarne più di 5 miliardi di euro per misure di preferenza per le auto elettriche e ibride.

Il trasporto elettrico è anche un caposaldo del piano spagnolo, che stanzia 6,5 ​​miliardi di euro per la “mobilità sostenibile, sicura e connessa” nelle città.

“Draghi ha impegnato solo 3,6 miliardi di euro per lo sviluppo delle linee di trasporto pubblico e 24 miliardi di euro per i treni ad alta velocità senza alcuna valutazione dell’impatto di CO2”, ha affermato Matteo Leonardi, co-fondatore del Centro italiano di ricerca sull’energia e sui cambiamenti climatici (ECCO).

L’ECCO accusa anche il governo di “non avere una strategia per le energie rinnovabili”.

Il think tank ha affermato in un rapporto che il suo obiettivo di installare altri 4.200 megawatt di energie rinnovabili è sufficiente solo per garantire che l’Italia soddisfi la quota di energia rinnovabile dell’Unione europea per un anno.

Processo lento

Le aziende energetiche italiane affermano che il vero problema è un labirinto, il che significa che potrebbero volerci anni per ottenere i permessi per nuova energia solare ed eolica.

Enel, la più grande azienda italiana, ritiene che ci vorranno circa 100 anni per raggiungere gli obiettivi di energia solare del 2030 ai tassi attuali.

“Abbiamo la forza di installare 6-8 gigawatt all’anno, ma per farlo dobbiamo cambiare le regole … e ora”, dice Singolani.

Gran parte della strategia energetica nel piano di recupero si basa sull’uso dell’idrogeno, ma gli ambientalisti lamentano che non chiarisce come viene prodotto il gas.

L’idrogeno non è necessariamente “verde” perché può essere generato dai combustibili fossili su cui continuano a investire le aziende energetiche italiane.

READ  LVMH aumenta la quota di Italian Tod's al 10%

L’idrogeno verde, prodotto mediante elettrolisi utilizzando energia rinnovabile dall’energia eolica e solare, è attualmente troppo costoso per un uso diffuso, ed Enel in precedenza aveva affermato che un elettrolizzatore ha bisogno di un costo sei volte inferiore per renderlo fattibile.

Senza una spinta decisiva verso l’energia rinnovabile o il trasporto elettrico, l’ECCO ha affermato che il piano dell’Italia rischia di essere semplicemente un “greenwashing”, a favore delle società governative che mirano a mantenere un sistema che si basa principalmente sui combustibili fossili.

Dopo essere entrato in carica, Draghi ha creato un nuovo ministero per la transizione ambientale guidato da Singolani, un fisico di spicco che in precedenza era stato a capo dell’innovazione presso la società di difesa italiana di proprietà statale di Leonardo.

L’illustre carriera scientifica di Cingolani si è concentrata su aree come la robotica e le nanotecnologie piuttosto che sul cambiamento climatico. Alcuni osservatori hanno indicato che potrebbe essere stato più in forma nel Ministero delle Infrastrutture che è andato a Enrico Giovanini, che è invece uno dei massimi esperti di sviluppo sostenibile.

Nel suo primo discorso al Parlamento a febbraio, Draghi ha detto: “Vogliamo lasciare un pianeta sano, non solo una moneta sana”. Alcuni esperti ambientali dubitano che il piano di ripresa elaborato dall’ex presidente della Bce corrisponda a questo impegno.

Al momento sia della disinformazione che di molte informazioni, Il giornalismo di qualità è più importante che mai.
Iscrivendoti, puoi aiutarci a ottenere la storia giusta.

Iscriviti ora

Galleria fotografica (clicca per ingrandire)