Settembre 29, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Ristorante fast food Pompei di 2000 anni aperto al pubblico

Un antico fast food romano scoperto a Pompei l’anno scorso aprirà al pubblico quasi 2000 anni dopo la catastrofica eruzione vulcanica che ha devastato la città.

Thermobolium, una parola latina che significa “bancone di bevande calde” e simile a un moderno negozio da asporto, è stato scoperto sotto tonnellate di cenere vulcanica nel Parco Archeologico di Pompei a dicembre.

Prima che Pompei fosse distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79, il bancone veniva utilizzato per servire ai commensali carne di maiale, pesce, manzo, lumache e altri piatti della tradizione romana.

Affreschi colorati sulla tavola ben conservata mostrano animali che sarebbero stati in mostra, solitamente alla griglia o arrostiti, e nel sito sono state trovate anche tracce di cibo in terracotta.

Gli archeologi hanno anche trovato un barattolo pieno di fagioli schiacciati, che venivano usati per modificare il gusto del vino.

“Oltre ad essere una testimonianza della vita quotidiana a Pompei, le possibilità di analisi offerte da questo termobolo sono eccezionali perché per la prima volta abbiamo scavato un intero sito”, ha affermato Massimo Osanna, Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei. di scoperta.

Il parco ha detto che lo snack bar sarà aperto ai visitatori dal 12 agosto.

Pompei, vicino a Napoli, è stata sommersa dalla cenere dopo l’eruzione del Vesuvio ed è la seconda attrazione turistica più visitata in Italia dopo il Colosseo di Roma, ricevendo quasi quattro milioni di turisti nel 2019.

Il lavoro archeologico in corso nel sito di scavo di 44 ettari continua a produrre monumenti ben conservati.

I funzionari hanno anche detto l’anno scorso I resti di due vittime dell’eruzione del vulcano È stato scoperto in una grande villa alla periferia della città.

READ  Un uomo del New Jersey pulisce accidentalmente la casa sbagliata per due ore

I funzionari hanno dichiarato: “Sono stati trovati due scheletri di individui catturati dall’ira dell’esplosione”.

I ricercatori ritengono che le figure siano di un giovane schiavo e di un uomo molto più ricco, di circa 40 anni e presumibilmente il suo proprietario, in base ai resti di abbigliamento e all’aspetto fisico.