Gennaio 24, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Rispetto a Messi in allenamento, il personaggio si scontra con Mourinho ed essendo un ‘ragazzo smarrito in un nuovo mondo’ – The Athletic

È l’ultima settimana di gennaio 2014 e nella vivace sala stampa del campo di allenamento del Chelsea a Cobham, Jose Mourinho non vede l’ora di portare avanti la conversazione.

Il prossimo viaggio a Stoke, per il quale la conferenza è stata apparentemente chiamata, non è ancora degno di nota. Invece, lo stile interrogativo dei media si è concentrato quasi esclusivamente sull’imminente vendita di Juan Mata al Manchester United. Nessuno si aspettava che il giocatore dell’anno del club due volte l’anno se ne andasse, anche per una cifra accattivante di 37,1 milioni di sterline. Il Chelsea guidato da Roman Abramovich non vende giocatori al massimo e soprattutto non pareggia rivali, nemmeno per importi record. Questo è un territorio inesplorato e il pubblico è ansioso di spiare le implicazioni dell’imminente uscita dello spagnolo.

Mourinho ne è chiaramente stanco. Era andato un po’ fuori pista per dare il suo solito pop ad Arsene Wenger – il manager dell’Arsenal ha suggerito che il fatto che Mata avrebbe cementato la mano di David Moyes all’Old Trafford era “ingiusto”, portando il portoghese a suggerire che il suo numero corrispondente dovrebbe badare a His propria azienda – ma questo non ha influenzato la stampa. Imperterrito, il veterano maestro delle tecniche di perversione sa di avere ancora un altro percorso chiaro da seguire. Anche uno perfettamente legittimo. Dopotutto, c’è qualche PR positivo da offrire.

Il Chelsea è sul punto di assicurarsi un sostituto per Mata.

“È stata una sorpresa per noi che Juan se ne andasse, quindi abbiamo dovuto lavorare in fretta”, dice. “Quando abbiamo deciso di andare a (Mohamed) Salah siamo partiti da zero. Non c’erano contatti con il club o il giocatore. Non sapevamo assolutamente nulla.

READ  Serena inciampa all'Open d'Italia