Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Rischio di recessione delle banche centrali

Il vicepresidente Luis de Guindos ha sollevato la possibilità di un primo rialzo dei tassi e l’eventuale fine del quantitative easing già a luglio. I mercati stanno scontando tre aumenti di prezzo entro la fine dell’anno.

In realtà è come nel 2008, quando la Banca Centrale Europea ha reagito in modo esagerato allo shock petrolifero temporaneo e ha alzato i tassi di interesse dopo che Germania e Italia erano già entrate in recessione.

L’Economic Cycle Research Institute ha appena pubblicato una nota cliente avvertendo che oggi Germania e Italia sono sull’orlo della recessione. Bank of America afferma che il suo indice di credito macro europeo sta emettendo un allarme rosso.

In un certo senso, è assurdo che l’eurozona abbia ancora tassi di -0,5% e stia ancora attuando un quantitative easing in un momento in cui l’inflazione è del 7,6% in Germania, del 9,8% in Spagna e dell’11,8% nei Paesi Bassi.

Ma questa è la situazione assurda in cui l’eurozona si è collocata sotto la struttura dell’unione monetaria. Il sistema potrebbe richiedere tassi negativi per sempre.

Andrew Bailey, governatore della Banca d’Inghilterra, è più vigile sui pericoli di un eccesso di liquidità e sta resistendo al scramble della banca centrale. “Stiamo camminando su una linea molto stretta tra l’affrontare l’inflazione e gli effetti sulla produzione di uno shock sul reddito reale e i rischi che potrebbero portare a una recessione”, ha affermato.

Ci sarà tempo per diagnosticare le politiche epidemiologiche delle banche centrali.

Non dovrebbero essere biasimati per aver stipulato una polizza assicurativa contro i rischi di coda del tracollo economico e finanziario all’inizio del Covid. L’errore è stato quello di andare troppo a lungo con un allentamento quantitativo estremo una volta iniziato il rimbalzo a forma di V.

READ  Jaishankar discute questioni regionali e globali con la sua controparte greca

Si sono messi nei guai perché hanno smesso di preoccuparsi delle dichiarazioni monetarie secondo i nuovi modelli keynesiani dei dipendenti. Questi modelli dei dipendenti non sono stati rivisti e ora stanno facendo loro commettere l’errore opposto.

L’ex presidente della Federal Reserve Ben Bernanke ha affermato che il quantitative easing non funziona in teoria, ma in pratica. I critici rispondono che il quantitative easing ha funzionato proprio come ci si aspetterebbe dalla teoria quantitativa della moneta.

Se hanno ragione – e hanno avuto ragione negli ultimi due anni – allora l’improvviso passaggio dal quantitative easing al QT porterà a un forte rallentamento dell’ampia offerta di moneta. Ciò porterà a un crollo degli asset quest’anno, seguito dal caos economico l’anno prossimo se le banche centrali non faranno un passo indietro nel tempo.

Questo episodio non deve essere confuso con gli anni ’70, quando l’inflazione si è accumulata nel corso di diversi anni ed è diventata stabile nella psicologia di massa. Le aspettative di inflazione oggi si aggirano ancora intorno al 2% nei cinque anni completi e nei prossimi 10 anni.