Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Rinascimento italiano: come Mancini si è trasformato in una macchina da gol

L’Italia, guidata da Roberto Mancini, è impegnata ad esporre le tradizioni italiane in questo campionato europeo. Da compagnia difensiva ben armata, si sono riconfigurati in un gruppo offensivo con Silver Feet. Dai soliti mulini a zero obiettivi, li hanno riprogettati in voraci commercianti di obiettivi.

Le note statistiche fanno molto per stabilire la loro trasformazione. Nelle 38 partite precedenti a questa edizione del campionato continentale, l’Italia non ha segnato tre gol in una sola partita. In una settimana, lo hanno fatto due volte durante il rimbalzo. Sei gol sono ciò che possono ottenere in tutti gli Europei 2012 e 2016, dove hanno perso rispettivamente nei quarti di finale.

Non è né un’aberrazione né uno strano allineamento delle stelle preferite, ma un supporto per un approccio riconfigurato. In 32 partite da quella notte a San Siro, il forte muro giallo della Svezia li ha trattenuti quando non sono riusciti a qualificarsi per la Coppa del Mondo, solo tre volte senza segnare. Nelle qualificazioni europee, hanno segnato 37 gol in 10 partite, un numero che solo il Belgio (40) ha superato e l’Inghilterra ha pareggiato. Quindi, non c’è tanta ironia quanto c’è un senso di inevitabilità.

Altri lottano

La cosa davvero ironica è che alcune squadre tradizionali che hanno segnato pesantemente fanno fatica a mettere in porta un mezzo tiro decente, per non parlare di produrre un flusso costante di gol. La Spagna, la cui mania dei pass rimane intatta, ha completato un record di 917 passaggi e ha l’85% di possesso. Tuttavia, hanno appena molestato il portiere svedese, i loro colpi sono impotenti. La Francia, campione del mondo, ha tormentato la linea di difesa tedesca, ma raramente ha fatto vivere una notte insonne Manuel Neuer. In effetti, la Germania ha raccolto più tiri diretti in porta, anche se senza la precisione brevettata. Anche i portoghesi armati Cristiano Ronaldo e Bruno Fernandes hanno faticato a spezzare la resistenza ungherese fino alla fine della partita. L’Inghilterra ha appena segnato un gol in uno scontro benigno contro la Croazia.

READ  Un'organizzazione per i diritti umani condanna la nuova squadra femminile degli Emirati

Al contrario, gli italiani hanno segnato gol liberamente e abbondantemente, senza dover spingere la loro immaginazione oltre il limite, o allungare i nervi al limite. I padroni che avevano bloccato le loro difese si divertivano ad aprire le difese. Alcuni dei loro potenziali avversari a eliminazione diretta potrebbero essere impegnati a studiare vecchi filmati di catennacio da pubblicare contro i suoi inventori.

Ci vorranno alcuni arresti intensi per impedire all’Italia di sfondare le porte difensive. C’è velocità, destrezza, inganno, abilità tecnica, diversità di schemi di movimento, nitidezza nei movimenti, visione e intuizione. Il pericolo sta dalle fasce, dal centro, dall’aria e da terra, dall’interno, dal limite e fuori area, dai calci piazzati e dalle partite, dall’allerta del ricevitore al tocco del trequartista alla spinta del difensore. , da un’elaborata sequenza di passaggi o dal bancone scintillante. Nella partita di Nations League, Domenico Berardi ha segnato dopo 30 passaggi consecutivi. La partita di apertura contro la Svizzera ha avuto solo tre passaggi.

I modi degli uomini Mancini sembrano incomprensibili. Non esiste uno schema prestabilito per il loro slancio in avanti che i loro avversari possano definire e cercare di contrastare. il collo di bottiglia sulle ali, si sposteranno al centro; Le perforano e le perforano. Affollateli fuori, si contorceranno e si contorceranno nel traffico come borseggiatori.

marcatori ovunque

Sconcertante per i difensori, quasi tutti gli azzurri possono segnare. Ciro Immobile e Lorenzo Insigne possono essere i loro migliori marcatori, ma Manuel Locatelli non è molle, come ha dimostrato con le sue qualità versatili. Il primo è stato un passaggio alla fine della corsa delle 50 yard per culminare in una mossa che ha avuto origine da un passaggio lungo con un mezzo volley per la prima volta a Berardi sulla fascia. Il secondo era un battipalo fuori dagli schemi. Berardi è lui stesso un capocannoniere per i gol grandiosi, di solito colpendo la palla sul secondo palo, mentre Nicolo Parilla, meglio conosciuto per i suoi colpi di tacco, è stato il capocannoniere italiano nelle qualificazioni con cinque gol.

READ  Sport del fine settimana | Cosa guardi e dove lo trovi?

La ripartizione dei loro obiettivi di playoff è vantaggiosa per la loro versatilità e profondità di marcatori. C’erano 19 marcatori diversi. Se gli attaccanti hanno rappresentato il 57 percento dei gol, i centrocampisti hanno contribuito con 32 mentre i difensori hanno contribuito con l’11 percento. Il talento di fare gol a prescindere dal ruolo che le viene assegnato – focus sul lavoro sui ruoli – è la firma delle grandi squadre italiane del passato. Il terzino sinistro Fabio Grosso ha segnato il primo gol dell’Italia nella semifinale dei Mondiali 2006 contro la Germania, il terzino destro Gianluca Zambrotta ha aperto contro l’Ucraina nei quarti di finale. In finale, il difensore centrale Marco Materazzi ha segnato il pareggio.

Gli uomini di Mancini potrebbero essere lungi dall’evocare le imprese di quella nota, ma stanno rapidamente smentendo i miti e insegnando ai loro fratelli europei con lezioni di punteggio.