Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Reese Nicholas | Siccità a Torino LRB 11 novembre 2022

Sono arrivato a Torino in una fosca mattina di febbraio per trovare una città occupata dai segnali meteorologici. Non piove né nevica da inizio dicembre: una siccità che continua 110 giorni Tutto detto. Ci sono stati incendi fuori stagione sul Monte Mossini, che ha perso il suo bianco mantello invernale, e le Alpi più lontane hanno seguito l’esempio. Letture idrografiche in Lago Maggiore Era basso in quel periodo dell’anno e tendeva bruscamente al ribasso. La cosa più preoccupante è che il fiume Po era insolitamente inerte e d’estate si sentivano voci di siccità nel granaio dell’Italia settentrionale.

Tuttavia, il movimento per il clima, a due anni di distanza dal divario imposto dalla pandemia, sta iniziando a riprendersi. Una rete di attivisti – da Estinzione ribellione per me Altro che Una de Mino (sezione italiana del gruppo femminile argentino Ne Una Minos), dagli scioperanti delle scuole ai centri sociali indipendenti – la pianificazione di un campo socio-climatico è iniziata la scorsa settimana di luglio. Il grido del nome era indicativo del divario che desiderava colmare: nell’ultimo decennio, gli attivisti per il clima nel Nord del mondo erano giunti ad accettare che il movimento doveva collegare le richieste ambientali con le richieste sociali ed economiche. Tuttavia, il percorso che collega i due è rimasto ostinatamente impraticabile, ostacolato da entrambe le parti dalla continua sfiducia e dalla realizzazione di interessi contrastanti. Che questo non debba essere il caso è evidente per gli organizzatori del campo del clima sociale, ma non è chiaro come la situazione potrebbe cambiare.

dal crollo Dal vecchio sistema dei partiti italiani di trent’anni fa, molti populisti verdi e rossi andavano e venivano, ma nessuno di loro riuscì ad imporsi nella vita politica del Paese. Per un momento, il Movimento Cinque Stelle è sembrato in grado di offrire agli elettori le intenzioni ambientali di NIMBY almeno insieme a modesti programmi sociali, ma il suo periodo al governo è stato notevole anche per il numero di cause verdi locali tradite: dalla campagna contro Torino al Leon. Alta velocità in Val di Sousa alla battaglia per la chiusura del gasdotto attraverso l’Adriatico in Puglia.

Il primo incontro di pianificazione del campo a cui ho partecipato si è tenuto in un piccolo centro comunitario la cui facciata porta ancora le deboli tracce di un’insegna di un negozio che pubblicizzava “carbony-legna”, carbone e legna da ardere. Invece di un incontro pratico, la serata è stata dedicata a un dibattito politico nell’ambito del “laboratorio strategico”. Andrea Malm Come far saltare in aria un gasdotto Citando l’approvazione dei partecipanti che spingono per il passaggio dalla protesta simbolica all’interruzione fisica dell’economia del carbonio. Gli attivisti nella stanza non avevano bisogno di guardare lontano per gli esempi del “vandalismo morbido” sostenuto da Malm. A marzo, un gruppo di residenti ha demolito le rastrelliere per biciclette appena installate Via Santa Giulia Lanciandolo sul ciglio della strada, ha sostituito il cartello “Lavori in corso” con un altro con la scritta “The End”. Erano infastiditi dalla perdita di posti auto.

READ  Notizie in diretta: i dati sull'inflazione negli Stati Uniti mostrano che il ritmo della crescita dei prezzi sta rallentando

Anche in Italia, membro dell’Unione Europea con secondo più alto Tasso di proprietà dell’auto, Torino sta a parte. È la città con numero più alto Numero di auto per residente (63,7 per cento, rispetto a Londra 30 per cento). Torino è la città automobilistica italiana, sede della Fiat dal 1899. La casa costruttrice ne è stata ancora il baricentro economico, per la maggior parte del 20° secolo, il più grande datore di lavoro di Torino, negli anni ’30, incorporando un terzo della forza lavoro della città nel suo programma salariale . Nel 1934 Le Corbusier visitò lo stabilimento di nuova apertura del Lingotto, salutando la pista di prova sul tetto come un miglioramento dell'”urbanistica per l’età delle nostre macchine”, e suggerendo che fosse giunto il momento di imitare “l’audacia dei capi Fiat”, proponendo di costruire autostrade sui tetti dei quartieri Residenziale da Algeri a Rio de Janeiro.

Il boom demografico del miracolo economico del dopoguerra richiese una rapida urbanizzazione e Torino rinasce a immagine della Fiat. Tuttavia, il sogno di Le Corbusier di strade nel cielo ha lasciato il posto a una città con strade larghe e punitive, satelliti urbani mossi che soddisfano i conducenti pendolari e molto altro ancora. Era la città tentacolare dentro una città dello stabilimento di Mirafiori, distribuito su un’area di due chilometri quadrati, piuttosto che la minuscola autostrada del Lingotto nel cielo, a diventare il modello per la città nel suo insieme.

La storia dell’industria automobilistica non ha lasciato solo cicatrici nel design della città, ma anche nei suoi polmoni. Secondo uno studio in La salute planetaria di Lancet24 delle 38 peggiori città d’Europa per inquinamento atmosferico si trovano nel nord Italia e quasi tutte si trovano nel bacino padano. Taurina PM 2,5 e NO2 I livelli sono tra i più alti d’Europa. In una giornata limpida, mentre guardi giù dalle colline circostanti, fai fatica a vedere il centro attraverso la nuvola di fumi. Già all’inizio del XX secolo l’area a nord-est della città dove doveva sorgere il campo sociale climatico era conosciuta come “Borg del Fom” (“Città del fumo”).

READ  COVID-19: FTSE 100 precipita mentre le ultime paure pandemiche oscurano la "Giornata della libertà" | Notizie di affari

Con l’avvicinarsi della data del campo e gli organizzatori hanno coperto la città con manifesti che dichiaravano “i ribelli per il clima sociale stanno arrivando”, la temperatura è aumentata vertiginosamente. Il 19 luglio il personale del Fiat Mirafiori Utensili rotti, adducendo temperature superiori ai quaranta gradi e un ritmo di lavoro impossibile per una forza lavoro con un’età media di 54 anni. Il 21 luglio, presso lo stabilimento ricambi Dana Graziono, Luca Capelli Morì per un trauma cranico dopo essere svenuto per esaurimento da calore. I suoi colleghi hanno organizzato uno sciopero e uno sciopero.

La lotta allo sfruttamento da parte della Fiat è sempre stata l’opposto del dominio dell’azienda sulla città. Negli anni ’60 c’era una nuova interpretazione combattiva della lotta di classe, operasmo, sull’analisi della mutevole composizione della classe operaia. Il “lavoratore massa”, rappresentato dalla figura di un giovane immigrato non affiliato a un partito oa un sindacato, si batteva non solo per salari e condizioni migliori, ma anche contro l’organizzazione del sistema fabbrica e della società che lo alimentava. Durante il “caldo autunno” del 1969, assenteismo, vandalismo, rifiuto di lavorare, marce interne, sit-in di massa e occupazioni si unirono per spingere al limite il controllo della Fiat sulla sua forza lavoro.

L’appello per un nuovo “autunno caldo” nel 2022 ha fatto eco in molte discussioni nel campo del clima sociale. Una marcia di protesta del 27 luglio ha dato un’idea di come potrebbe essere. I manifestanti hanno sabotato un ufficio locale di SNAM, proprietario di oltre il 90 per cento della rete di trasporto e stoccaggio del gas in Italia e finanziatore di un controverso nuovo impianto di rigassificazione di GNL al largo della costa toscana. Hanno posizionato un cartello con la scritta “Stop ai combustibili fossili” sopra gli uffici della Banca Intesa San Paolo, che ospita Quasi 4 miliardi di dollari Ha investito nell’industria del carbonio e ha installato una barriera all’ingresso dell’autostrada principale fuori Torino. I manifestanti a torso nudo in sella a una sfinge in fibra di vetro piantata al centro della rotatoria hanno sollevato un cartello che diceva: “Siccità, ondata di caldo, benvenuti nella crisi climatica!”

READ  Innovo sviluppa progetti BESS agli ioni di litio della durata di sei ore in Italia e nel Regno Unito

Ma con solo un migliaio di manifestanti, la manifestazione non è stata all’altezza della manifestazione su larga scala per la quale gli organizzatori volevano costruire. Il percorso verso questo tipo di partecipazione di massa rimane sfuggente. Il caldo autunno non si è materializzato, se non in senso letterale: le temperature di ottobre erano di 4 gradi Celsius superiori alla media degli ultimi 30 anni.

Un tentativo di rispondere alla domanda sulla base sociale mancante è arrivato nella discussione conclusiva del Social Climate Camp. Malm, questa volta personalmente, ha identificato tre percorsi tradizionali nel movimento per il clima. il primo e il secondo – conoscenza della bandiera; Solidarietà alla lotta di coloro che subiscono le conseguenze del cambiamento climatico – vagamente attribuita al Nord globale. E il terzo – il collegamento diretto con la crisi climatica – è stato più fortemente associato al Sud del mondo e alle comunità MAPA (persone e aree più colpite).

Tuttavia, come ha mostrato questa estate, la comprensione di sé come influenzata dal capitalismo fossile non è solo una questione di geografia, ma anche di analisi e organizzazione politica. I lavoratori soffrono di un caldo insopportabile in officina e Risocoltori in Piemonte Anche coloro che hanno perso fino al 75% dei loro raccolti quest’anno a causa del peggioramento della siccità, del numero crescente di poveri di carburante che guardano alle bollette energetiche non pagate e ai prezzi dei generi alimentari gonfiati e agli italiani del nord che soffocano a causa delle sostanze inquinanti.

Se gli ambientalisti vogliono imparare dalla storia del lavoro italiano, e ci sono buone ragioni per ritenere che sia necessario, il semplice riutilizzo di slogan o tattiche non basterà. Devono anche trarre le loro lezioni strategiche: in particolare, la necessità di ricostruire le condizioni che rendono possibile la lotta contemporanea dentro e contro il capitalismo fossile, che trasforma le persone colpite in agenti politici, collegando il sociale e il politico, e delineando le principali contraddizioni della fase successiva del movimento per il clima. Dopo la discussione, Torino ha vissuto la sua prima notte di pioggia da mesi. Ero troppo tardi, ma non era abbastanza.

Questo pezzo fa parte di LRB Collaborazione con World Weather Network.