Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Recessione globale: il mondo affronta una “crisi sistemica” con Cina, Giappone e UE sull’orlo | Finanza personale | finanza

Il 2022 è stato abbastanza brutto, ma il 2023 potrebbe essere l’anno in cui tutti i problemi di oggi giungono al culmine, avvertono gli esperti finanziari.

La guerra in Ucraina, lo scoppio della malattia di Covid in Cina, i crescenti problemi finanziari in Giappone e il collasso monetario dell’Unione europea potrebbero combinarsi per creare un’altra crisi finanziaria globale.

Alcuni rapporti suggeriscono che fino a 750 milioni di persone in Cina potrebbero essere infettate da Covid, arrestando la sua economia e uccidendo più di 2 milioni di persone.

Questa è la più grande pandemia del mondo e sarebbe una catastrofe umanitaria su scala sbalorditiva, con i pazienti che non vengono curati come medicinali e le bombole di ossigeno che si esauriscono.

Ci sono state anche segnalazioni di famiglie che cremano i corpi dei loro cari nelle strade mentre i crematori locali funzionano a pieno regime.

Anche l’impatto economico globale può essere brutale. George Magnus, economista e membro del China Centre dell’Università di Oxford, ha avvertito che l’incubo cinese del Covid potrebbe “soffocare” le catene di approvvigionamento con porti affollati, esportazioni in calo e “le persone non si presenteranno al lavoro perché sono malate”.

L’industria marittima mondiale si è fermata quando il virus è emerso per la prima volta, e questo potrebbe essere peggio: il primo ministro cinese Xi Jinping ha permesso al Covid di diffondersi tra una popolazione di 1,4 miliardi di persone con poca immunità e vaccini di bassa qualità.

Il gigante della gestione patrimoniale BlackRock ha scritto nel suo Global 2023 Report che una recessione è “anticipata” nel 2023, un’affermazione supportata dal CEO di JPMorgan Chase Jamie Dimon.

READ  La start-up di pasta del fotografo di Toronto continua a vendere

Ora Kenneth Rogoff, professore di economia e politica pubblica all’Università di Harvard, è l’ultimo a mettere in guardia dai “rischi sistemici” che potrebbero portare al collasso dell’economia globale.

La spirale dell’inflazione globale ha posto bruscamente fine all’era dei tassi di interesse estremamente bassi e potrebbe portare a disastri nei paesi sviluppati, ha affermato Rogoff, ex capo economista del Fondo monetario internazionale, con il Giappone e l’Italia particolarmente vulnerabili.

Ha detto che è stato un “piccolo miracolo” che il mondo non abbia vissuto una crisi finanziaria sistemica nel 2022, portando a un aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse e “un massiccio aumento del rischio geopolitico”.

Il sistema finanziario globale sta ora affrontando un enorme stress test, ha scritto oggi su The Guardian, poiché il debito pubblico e privato è salito a livelli record.

Sarà difficile contenere una crisi in un’economia avanzata come il Giappone o l’Italia, dove i settori bancario, del private equity, dell’edilizia abitativa e dell’immobiliare commerciale sono sull’orlo di una “forte e prolungata recessione”.

Rogoff ha affermato che il Giappone potrebbe essere il paese più vulnerabile al mondo. La Banca del Giappone ha mantenuto i tassi di interesse vicini allo zero per quasi tre decenni, ma potrebbe essere costretta a invertire la politica con l’aumento dell’inflazione e dello yen giapponese.

Per saperne di più: “Senza precedenti” – I risparmiatori perdono miliardi a causa del crollo dei fondi rifugio di Issa

“Gli alti tassi di interesse metteranno immediatamente sotto pressione il governo giapponese, poiché il debito del paese è pari al 260% del PIL”, ha affermato Rogoff.

Ciò potrebbe rivelare “debolezze nascoste” nel settore finanziario e portare a un tracollo, mentre “un’ulteriore stretta monetaria potrebbe far saltare le cose”.

READ  JinkoSolar vince l'Harvard Business Review ESG Innovator Award 2022

Anche l’Italia rischia il crollo totale e questo potrebbe colpire anche la moneta unica europea.

“I tassi di interesse estremamente bassi erano il collante che teneva unita l’eurozona”, ha detto Rogoff, ma quell’era è ormai finita poiché la Banca centrale europea è diventata aggressiva con ulteriori aumenti dei tassi previsti per questa primavera.

I membri della zona euro hanno già offerto garanzie a tempo indeterminato per l’enorme montagna di debito dell’Italia, ma queste potrebbero presto rivelarsi insostenibili con l’aumento dei costi di prestito.

“Un’ondata sostenuta di inasprimento monetario, come con il Giappone, potrebbe rivelare enormi sacche di debolezza”, ha detto Rogoff.

Il capo analista finanziario Jeremy Batston-Carr, stratega europeo presso Raymond James, ha avvertito che l’UE è seduta su un enorme “vulcano” di debito da 1 trilione di euro che è pronto a esplodere con forza devastante.

Come abbiamo riferito in esclusiva, ha affermato che potrebbe “esplodere come il Vesuvio” con una forza sufficiente per spazzare via l’economia tedesca.

La posta in gioco si sta accumulando. Potremmo evitare una crisi finanziaria, ha concluso Rogoff, ma sarebbe un “risultato molto felice”.