Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Recensione: La star francese Philippe Jaroske brilla all’apertura della 40a stagione della San Diego Early Music Society

La San Diego Early Music Society ha dato il via alla sua 40a stagione con un concerto straordinario domenica sera. L’artista francese Philippe Jarusky, accompagnato dall’Ensemble Artists, ha entusiasmato la folla alla St James’s Church by the Sea a La Jolla con esibizioni di opera barocca e musica strumentale a dir poco miracolose.

Le prime registrazioni di Yaroski risalgono al 2004 circa e lo hanno subito conquistato tra i cultori della musica antica per la ginnastica aggraziata e la gamma stratosferica della sua voce. Il concerto della domenica, che i fan aspettavano da decenni, è stato un tour esperto dell’opera barocca italiana e di alcuni dei generi musicali che ruotano attorno ad essa: sonata, sinfonia, concerto.

Il concerto è stato sapientemente diviso in due parti, con la prima metà occupata da noti compositori per lo più dell’opera Cognoscenti, anche se la qualità delle selezioni e le loro esecuzioni costituivano un argomento per una loro futura conoscenza.

Ad esempio, Sinfonia di Giovanni Ferrandini, di piccole dimensioni ma ricca di squisita scrittura di accordi, è stata una perfetta introduzione alla capacità dell’Ensemble Artaserse di partire, muoversi, cambiare direzione, espressione e ritmo su una piccola moneta e all’unisono. Artaserse è un gruppo di strumenti audaci, che suona con archi barocchi e archi naturalistici, senza paura di piegare il timbro e l’intonazione per scopi espressivi.

Allo stesso modo, le triple sonate di Johann Hasse hanno mostrato che i tropi retorici e drammatici che stanno alla base dell’opera del diciottesimo secolo non funzionano meno della musica strumentale. Elementi di danza e categorie di influenza sono intrecciati nel tessuto della maggior parte delle composizioni barocche, che saranno rivelate da musicisti e amanti della musica che hanno familiarità con il complesso sistema di simboli. Artaserse ha evidenziato gli elementi musicali ei gesti giusti per presentare e illuminare questo linguaggio profondo anche agli ascoltatori casuali tra il pubblico.

READ  Gli europei si godono il formaggio blu e la birra 2700 anni fa, e sono antiche offerte di cacca

Tuttavia, il canto di Jaroski era ciò per cui il pubblico è venuto. Sebbene i suoi fuochi d’artificio sonori lo abbiano giustamente reso famoso, gli hanno aggiunto una portata interpretativa e la capacità di controllare l’intensità e il tempo drammatici ed emotivi. La sua lettura di un canto e di un recital bicolore di Hasse è svanito verso la fine della sinfonia di apertura, scatenando uno straordinario arco emotivo che è durato per l’intera festa. La fusione intuitiva e naturale della sua voce con la band – che ha co-fondato nel 2002 – è qualcosa di magico: si sente parlare di decenni di intimità che hanno reso uno strumento perfetto dall’unione della sua voce e della sua strumentazione, con tutto. I giocatori vengono coinvolti con testi espressivi e i loro significati.

L’opera ha trasformato la musica barocca. Sebbene la sua popolarità non sia mai diminuita, può prendere un corso rinfrescante, come le canzoni di Ferrandini e Niccolò Piccinni, per ricordarci il potenziale drammatico rivoluzionario del genere. Questi brani sono pieni di “disegno del testo”, un dispositivo musicale in cui gli strumenti musicali imitano specificamente le idee del testo, come nella canzone di Ferrandini “Gelido in ogni vena” o “Come il ghiaccio in ogni vena”, il cui ritmo gelido si ripete, suggerisce Accordi implacabili strizzano l’occhio al concerto “Inverno” di Vivaldi. Il musicista di Jaroski è tanto intelligente quanto atletico e le sue letture erano tanto pezzi teatrali quanto la musica.

Nella ripresa sono comparsi nomi più familiari. Sebbene Händel sia nato in Germania, viaggiò e studiò in Italia e, infine, ebbe così tanto successo e ammirazione in Inghilterra che gli fu portato il nome al suo posto, risiedette e infine fu sepolto nell’Abbazia di Westminster. A livello internazionale, diversamente da Bach, Handel ha dovuto padroneggiare ed espandere le forme operistiche, creando alcune delle melodie barocche più amate. Il suo talento per le melodie terrene e umane abbonda con la sua canzone “Se parla nel mio cor”, che ha regalato a un pubblico riconoscente il primo yarwski per cui sono venuti, con la sua melodia acuta e spiritosa e ritmi elaborati. Ma la famosa “Kara Sposa” mostra la maturità e il nuovo dono di Jaroski nell’esprimere i sentimenti più intimi e intimi che Oprah ha da offrire.

READ  Questi sciocchi pensavano che una festa COVID suonasse divertente. Ora sono sui respiratori.

In Old Chestnut, Stravinsky avrebbe detto di Vivaldi: “Ha scritto 500 concerti, o ha scritto un concerto, 500 volte?” Questo dice di più sull’impoverimento della pratica musicale della prima metà del secolo che su Vivaldi, la cui scrittura strumentale, nella sua mano destra, è espressiva e profonda quasi quanto quella di chiunque altro. La lettura di Artaserse del suo “Concerto per archi RV 156” ha mostrato quanto coraggiosi, persino trascendentali, possano essere gli scritti di Vivaldi. Due versioni rivelavano aspetti diversi della scrittura fonetica di Vivaldi: “Gelido in ogni vena” (usando più o meno la stessa scrittura della precedente Arya Ferrandini) era evocativo, programmatico e persino terrificante, mentre “Se in ogni guardo” era esilarante ed esilarante, il tecnica impossibile che ha reso Jarowsky conosciuto in tutto il mondo.

Questa è stata una meravigliosa serata di musica. Il pubblico ha avuto almeno tre successi: i preferiti di Handel e Vivaldi, ciascuno più vincitore dell’ultimo, da “Cento en sino ch’iogía de lagraeme” di Vivaldi, suonato dall’intera band, a Aziz di Handel “Lascia ch’io pianga, “una semplice preghiera da inviare Il pubblico è emozionato, ma sazio, a casa.

Schulze è uno scrittore freelance.