Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Recensione di “EO”: il film sul culo di cui hai ragliato

In una delle scene più incredibili di “EO”, un inno entusiasta al mondo naturale del regista polacco di 84 anni Jerzy Skolimowski, un asino errante si perde in una foresta primordiale. La notte è scesa, ma pozze di luce lunare illuminano questo mondo oscuro e silenzioso in tutta la sua gloria vivente. Una piccola rana striscia sulla superficie di un ruscello che scorre. Un ragno striscia la sua tela. Un gufo asino si acciglia dal suo trespolo, come per registrare la presenza di un intruso. Ci sono anche una coppia di lupi ululanti, una volpe rossa diffidente e, appena in tempo, un gruppo di laser verdi che annunciano la presenza di cacciatori nelle vicinanze, i cui colpi di pistola infrangono la serenità di questa foresta.

L’intera sequenza racconta gran parte della storia del film in miniatura. Ancora e ancora questo asino, noto come EO (un’approssimazione del suono che emette), sperimenterebbe un momento di libertà, solo per pochi umani che arrivano e lo riportano in pericolo. Se questo rischia di far sembrare “EO” un compendio di crudeltà, state certi che non lo è, anche se potrebbe parlare dell’affinità decennale di Skolimowski per i perdenti in film come “Le Départ” (1967) e “Essential Killing” (2010). . Sa che gli esseri umani possono essere gentili, ma anche violenti, con la loro spesso insensibile indifferenza per i diritti e il benessere delle altre creature. La bellezza che Skolimowski e il direttore della fotografia Michal Dymek ci mostrano in “EO” – e girato, che potrebbe essere il film più bello dell’anno – non è una negazione di quella crudeltà, ma una risposta ad essa.

Il film inizia con un’ondata di luce rossa e passaggi fragorosi della colonna sonora orchestrale di Paul Mikitin, che pulsa e palpita ipnoticamente per tutto il tempo. In questo primo momento, EO fa parte di uno spettacolo circense con una giovane interprete, Cassandra (Sandra Drzymalska), che lo liscia, accarezzandogli il cappotto e dandogli da mangiare torte di carote. Cassandra diventa l’amore della sua vita, l’umano che sogna e desidera ardentemente dopo la loro separazione e viene portato nella sua prossima casa. Ma questo è quanto Skolimowski si spinge nel contare i motivi oi desideri di EO, a parte i motivi primari per mangiare, riposare e vagare. Mentre il regista sottolinea i regolari primi piani degli enormi occhi di EO – in qualche modo sono misteriosi ed espressivi in ​​modo profondo – c’è un limite a quanto possiamo approfondire, o persino immaginare, la vita interiore dell’asino.

Una scena del film “EO”.

(Sideshow / Janus Films)

Altri, invece, sono più che felici di parlare per lui: “Non vedi quell’animale che soffre?” Un attivista grida durante una protesta che disintegrerà il circo e manderà EO e i suoi quattro colleghi artisti a correre in tutte le direzioni. Il resto di questo vivace e implacabile film di 86 minuti (che Skolimowski ha scritto con sua moglie, Ewa Piaskowska) segue l’asino nel suo viaggio serpeggiante attraverso la Polonia verso l’Italia, su colline e ponti artificiali, attraverso tunnel e si snoda oltre turbine e dentro quel bosco incantato. Ad un certo punto, in un’inquadratura così fortuita da sembrare quasi soprannaturale, una mandria di cavalli al galoppo si materializza accanto alla carrozza di EO, la loro esilarante libertà getta un doloroso sollievo sulla sua prigionia.

READ  I kit rimuovono la scatola che copre la statua di Colombo a Filadelfia

Lungo la strada, ci sono brevi soste in una stalla appena aperta, dove EO è dolcemente perplesso (ma anche spaventato) dai maestosi cavalli, e un chiassoso evento sportivo dove diventa una povera mascotte per la squadra vincente. Da lì è stato portato in una grande struttura dove, per qualche capriccio umano, è stato riportato in salute piuttosto che soppresso. (Alcuni dei suoi vicini non sono così fortunati.) Da lì cavalcherà con due vagabondi e alla fine si dirigerà verso una villa italiana, dove la contessa, interpretata nientemeno che da Isabelle Huppert, rompe alcuni piatti e appare seducente. In Meraviglioso prete (Lorenzo Zurzulo). Come penso, Hubert è diventato anche una sorta di emblema della più grande casa d’arte europea nella cui ombra dominante sono radicati questo meraviglioso film e le sue umili (al contrario di nobili, umane) preoccupazioni per gli animali.

Una scena del film "EO."

Una scena del film “EO”.

(Sideshow / Janus Films)

Il che non significa che “EO” sia iniziato Terzo posto condiviso nel Premio della Giuria Al Festival di Cannes di quest’anno è passato inosservato o non riconosciuto, anche se potrebbe facilmente perdersi nelle poche sale americane dove verrà proiettato, come è giusto che sia, sul grande schermo. Quando vidi per la prima volta “EO” a Cannes, se ne parlò, a volte in modo sprezzante, come di un remake abbastanza contemporaneo di “Au Hasard Balthazar”, Il capolavoro del 1966 di Robert Bresson Sulla vita, la morte e la straordinaria bellezza di un asino così simile a questo asino. Balthazar ed EO amano e sono amati dagli umani, ed entrambi sono costretti a diventare mostri pesanti. Entrambi testimoniano anche ogni sorta di atrocità e assurdità umana.

READ  L'artista di Cleveland Heights e l'artista Pixar Jacob Quinzel discutono del nuovo film "Luca", Little Italy e l'importanza degli amici intimi

Skolimowski, da parte sua, ha riconosciuto “Au Hasard Balthazar” come ispirazione e punto di partenza. Sebbene entrambi i film condividano chiare simpatie per i rispettivi eroi, le differenze visive e ritmiche non sono meno evidenti. Le sontuose composizioni in bianco e nero di Bresson e le fluide fusioni sono ben lontane dalle modifiche frastagliate di Agnieszka Glinska e dalla fotografia travolgente e vibrante di Dymek, in particolare quelle furiose scosse di rosso. (L’audacia delle immagini parla del background di Skolimowski come pittore.) E mentre Bresson ha inserito un complesso dramma umano sullo sfondo di “Balthazar”, gli umani in “EO” sono personaggi interessanti ma relativamente intrecciati. I loro guai e le loro sofferenze – uno che piange, l’altro che muore – ci riguardano solo nella misura in cui influenzano l’EO.

Una scena del film "EO."

Una scena del film “EO”.

(Sideshow / Janus Films)

Lo stesso EO è interpretato da sei asini – i loro nomi sono Hola, Tako, Marietta, Ettore, Rocco e Mela – che, attraverso riprese e montaggio senza interruzioni, sono stati combinati in un personaggio che conosciamo e amiamo. L’intimità con il fotografo – l’amorevole attenzione ravvicinata che cattura EO con il suo sguardo a volte malinconico, a volte appassionato, le sue orecchie gonfie, la sua morbida pelliccia grigia e l’appetitosa catena di carote che gli adorna il collo a un certo punto – sembra di per sé un’espressione di quell’amore. Skolimowski non cerca davvero di trasmettere una prospettiva EO, a parte alcuni scatti che suggeriscono una vista a volo d’asino, con i suoi angoli bassi e i bordi sfocati. Sembra più interessato a catturare il senso di com’è essere in presenza di un EO, portandoti abbastanza vicino da farti sentire di potergli parlare, respirare il suo profumo e far scorrere le dita attraverso la sua pelliccia.

READ  I manifestanti del Primo Maggio chiedono maggiori protezioni sul lavoro in mezzo alla pandemia

In “EO”, la telecamera non segue solo la storia o registra l’azione. I suoi inquieti movimenti esplorativi esprimono una sorta di coscienza comune, uno spirito di comunione tra i vari membri del mondo animale, sia che lavorino insieme in un campo sia che condividano lo stesso angusto recinto. È la benedizione di questo film che quella compagnia estende agli umani che passano davanti alla telecamera, i cui destini sono intimamente legati alle fonti EO, che se ne rendano conto o meno. Infine, quella connessione si estende al pubblico, specialmente a quelli di noi che vanno al cinema per essere scossi e commossi e il nostro senso dell’universo scosso o delicatamente riallineato. Il mondo che condividiamo con l’EO è freddo e crudele, e questo non significa che dobbiamo esserlo.

“EO”

In polacco e italiano, con sottotitoli in inglese

valutazione: non classificato

Quando: Apre il venerdì

dove: Punto di riferimento Hillcrest

tempo di esecuzione: 1 ora e 26 minuti