Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Re Carlo “sceglie la Francia come prima sorpresa in una visita all’estero”

Ora stanco, re Carlo si riprenderà a Balmoral dopo il funerale di sua madre prima di riprendere i suoi doveri: si dice che la Francia sia il suo primo viaggio all’estero.

Si dice che il nuovo monarca, entrato in un periodo di lutto reale di sette giorni, abbia scelto il Paese come prima destinazione a sorpresa dopo la sua relazione con Emmanuel Macron sulle questioni ambientali.

Piuttosto che visitare un regno del Commonwealth nel suo primo viaggio all’estero, ci si aspetta sempre di più che Charles si recherà a Parigi il mese prossimo per un tour che potrebbe includere anche la Germania.

Si dice che il Ministero degli Esteri, che prende la decisione finale sulle visite dei reali, sia desideroso di usare il potere diplomatico della monarchia per ricucire le relazioni con i principali vicini europei dopo la Brexit.

Carlo III e la regina consorte sono arrivati ​​ieri all’aeroporto di Aberdeen diretti a Balmoral

Si dice che il re Carlo III si sia unito al presidente Macron per il loro comune interesse per l'ambiente (sono stati visti domenica a una riunione di leader mondiali)

Si dice che il re Carlo III si sia unito al presidente Macron per il loro comune interesse per l’ambiente (sono stati visti domenica a una riunione di leader mondiali)

Il re e la regina sono arrivati ​​ieri in Scozia per una breve pausa per piangere la morte della defunta regina.

Ma fonti vicine al monarca giordano si dicono “contente” del sostegno popolare riversato in questi giorni, anche se è ancora triste e stanco dopo due settimane estenuanti piene di cariche ufficiali.

“Balmoral è un luogo dove il re può vedere la sua famiglia e allo stesso tempo leggere le scatole rosse del suo governo”, ha detto una fonte. il Sole.

È un luogo dove può riprendersi e continuare gli affari dello stato. Questo è esattamente ciò che la Regina ha detto che Sua Maestà la Regina Elisabetta II vorrebbe fare quando ha presentato il tributo.

Oltre a creare un’utile opportunità per rafforzare i legami con una delle principali potenze europee, un viaggio in Francia potrebbe anche aiutare ad attirare l’attenzione su un importante programma di piantumazione di alberi in Africa sostenuto da Charles e Macron. telegrafo.

Sebbene il re non possa esprimere la sua opinione su questioni politiche, Macron può organizzare la visita per includere una mostra sul progetto Great Green Wall.

L’ambiziosa iniziativa mira a piantare una cintura di alberi larga 30 miglia in tutto il continente africano per ritardare la diffusione del deserto e combattere il cambiamento climatico.

READ  Una donna americana racconta come un topo ha fermato la sua lavastoviglie su TikTok

Si dice che re Carlo e Macron condividano una “calda amicizia” e l’anno scorso hanno condiviso un podio alla Cop26 di Glasgow per promuovere quella che il re ha definito una “preziosa opportunità” per aiutare a salvare il pianeta.

Il presidente francese è stato ampiamente elogiato per il suo toccante omaggio in lingua inglese alla regina, che ha elogiato la sua “saggezza e simpatia”, aggiungendo: “Per te era la tua regina. Per noi era la regina”.

Ha anche confermato di aver invitato il re a fare una visita di stato in Francia, dicendo: “Ho avuto l’opportunità di invitare re Carlo a venire in Francia quando gli è conveniente”.

Fonti vicine al re dicono che è ancora triste e stanco dopo due settimane estenuanti piene di impegni ufficiali.

Fonti vicine al re dicono che è ancora triste e stanco dopo due settimane estenuanti piene di impegni ufficiali.

Qualsiasi viaggio in Francia sarà seguito da un lungo viaggio nel regno del Commonwealth, come riportato in precedenza, dove il re deve recuperare il tempo perso dopo che la regina Elisabetta II non ha potuto viaggiare per sette anni a causa di problemi di salute.

Una visita in Germania dopo la Francia avrebbe senso dato il suo status di grande potenza europea. Fu uno degli ultimi paesi visitati dalla defunta regina e dal principe Filippo. Sono andati a giugno 2015 con David Cameron, che allora era Primo Ministro.

Sebbene non siano in programma viaggi all’estero, Charles dovrebbe recarsi in Australia e Nuova Zelanda all’inizio del prossimo anno. È andato in Canada a maggio, ma non è stato in Australia dal 2018.

Ieri, King, 73 anni, e Camilla, 75 anni, hanno lasciato il Castello di Windsor, dove hanno trascorso la notte lunedì dopo la loro emotiva sepoltura privata, spazzando la RAF Northolt nel nord-ovest di Londra alle 10:30.

Le guardie di polizia si sono tolte i caschi e si sono inchinati quando è salito a bordo con sua moglie, e l’aereo è arrivato ad Aberdeen a mezzogiorno. Nonostante i 10 giorni di lutto nazionale siano trascorsi, la famiglia reale continua a celebrare un periodo di lutto che si estende fino al prossimo lunedì sera.

Tutti i loro impegni pubblici sono stati cancellati e le bandiere nelle residenze reali continueranno a sventolare a mezz’asta fino alle 8 di martedì.

Il re e Camilla trascorreranno almeno la prossima settimana – e forse anche oltre – a Birkhall, l’antica casa della Regina Madre a Royal Deeside, la cui tenuta è vicino a Balmoral.

Faceva parte di un piano a lungo termine noto come Operazione Spring Tide. Continuerà, ovviamente, a occuparsi degli affari di stato necessari nei prossimi giorni, ma fuori dagli occhi del pubblico.

Ma dietro le quinte, il lavoro è in pieno svolgimento per il “fidanzato, dinamico e vivace” Charles che deve ancora riprendere il suo instancabile programma quando il periodo di lutto sarà finito.

Ci si aspetta che continui a sostenere i numerosi enti di beneficenza per cui ha raccolto milioni nel corso degli anni, ma in un modo diverso.

“È incredibilmente consapevole dell’attenzione extra che deriva dall’essere il re e che le cose non possono andare avanti come prima”, ha detto una fonte.

Il suo stesso ufficio sta già distruggendo molti dei piani che aveva, con una visita nel Pakistan allagato il mese prossimo, uno dei primi impegni da prendere.

Ma resta anche inteso che i dipendenti stanno lavorando per trovare un modo per conciliare altri obblighi esistenti con l’onere delle sue nuove mansioni.

È qualcosa che nessuno si è sentito in grado di fare mentre la defunta regina era ancora viva e l’operazione London Bridge, i piani funebri della regina e l’operazione Spring Tidal erano ancora in pieno svolgimento.

Una fonte ha detto: “Il re è incredibilmente premuroso e appassionato. Le cose a cui tiene profondamente sono ancora rilevanti e non sono diventate irrilevanti perché lui è il re. La differenza è che non sarà più invadente.

Spera invece di essere in grado di sostenere, incoraggiare e incontrare.

“I dipendenti si concentreranno attentamente su come trovare il giusto equilibrio”.

Macron e sua moglie Brigitte sono arrivati ​​all'incontro di domenica a Buckingham Palace

Macron e sua moglie Brigitte sono arrivati ​​all’incontro di domenica a Buckingham Palace

Resta inteso che Charles è stato “impressionato e incoraggiato” dalla reazione pubblica degli ultimi giorni, in particolare viste alcune delle sfide che ha dovuto affrontare nel corso degli anni.

“Chiunque abbia lavorato con lui sa che il riposo e il relax non sono nella loro lista delle priorità”, ha detto un assistente senior della famiglia reale.

“Ci vorrà tutta l’astuzia della sua squadra e della regina per convincerlo che non deve assumere tutto in una volta”.

Mentre il re soggiornerà a Buckingham Palace, fonti hanno detto che nessuno dovrebbe aspettarsi di “vedere ancora camion fuori Clarence House”.

READ  La Cina incarcera l'imprenditore canadese Xiao Jianhua per 13 anni per reati finanziari

La corte è ancora in lutto e Clarence House, che è stata la casa di Charles e Camilla per molti anni, è il luogo in cui si sentono più a loro agio a Londra.

Ma a lungo termine, ha chiarito che Buckingham Palace sarebbe stata la loro residenza permanente.

La notizia del suo possibile viaggio in Francia arriva quando il nuovo primo ministro ha tenuto colloqui concilianti ieri con Macron dopo aver precedentemente chiesto se fosse “amico o nemico”.

Liz Truss ha evitato questioni difficili come la Channel Immigrant Crisis e il Protocollo dell’Irlanda del Nord mentre cercava di regolare le relazioni con il presidente francese.

Downing Street ha detto che i due leader hanno avuto un incontro “costruttivo” di mezz’ora a New York, dove entrambi partecipano all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Si dice che le discussioni si siano concentrate sulla sicurezza energetica e sulla necessità di una risposta unificata sull’Ucraina.

La notizia del suo possibile viaggio in Francia arriva quando Liz Truss ha tenuto colloqui concilianti con Macron ieri dopo che in precedenza si era chiesto se

La notizia del suo possibile viaggio in Francia arriva quando Liz Truss ha tenuto colloqui concilianti con Macron ieri dopo aver precedentemente chiesto se fosse “amico o nemico”.

Parlando prima dell’incontro, una fonte del governo ha riconosciuto che il primo ministro potrebbe aver bisogno di seppellire l’ascia di guerra con il presidente francese dopo aver chiesto scherzosamente se fosse “amico o nemico” durante il concorso per la leadership dei conservatori.

“Ovviamente, quel commento non gli andava bene”, ha detto la fonte, “ma è politico – capisce che le cose vengono dette durante il culmine della campagna. Alla fine abbiamo un rapporto molto forte con la Francia, andrà tutto bene.

Parlando in seguito, Macron è sembrato felice di mettere la questione nel passato, dicendo: ‘Ora credo nelle prove, nei risultati.

“C’è la volontà di impegnarsi nuovamente e andare avanti e mostrare che siamo alleati e amici in un mondo complesso”.

Un portavoce di Miss Truss ha confermato di non aver discusso di un accordo post-Brexit sull’Irlanda del Nord o sui valichi di migranti, cosa che non ha nascosto.

Ha affermato che il governo intende risolvere i problemi del protocollo con l’UE, aggiungendo: “Questo non è un problema che pensiamo possa essere risolto da un singolo paese dell’UE”.