Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Rassegna “ The Truffle Hunters ”: la caccia al tesoro sepolto in Italia

Il California Times si impegna a rivedere le uscite di film cinematografici durante La pandemia COVID-19. Poiché andare al cinema comporta dei rischi durante questo periodo, ricordiamo ai lettori di seguire le linee guida per la salute e la sicurezza Definito dai Centers for Disease Control and Prevention E funzionari sanitari locali.

Il documentario “The Truffle Hunters” offre uno sguardo al mondo della caccia al tartufo ad alto rischio in Italia, attraverso un approccio intelligente, ponderato e talvolta eccentrico.

Il film che ha vinto un posto nel documentario Elenco dei candidati agli Academy Awards, È diretto da Michael Dweck e Gregory Kershaw, che hanno anche lavorato come direttori della fotografia per il film. Il duo ha già collaborato al film del 2018 Dweck ‘L’ultima gara’ Un omaggio all’ultimo circuito automobilistico di Long Island, che è diventato un’esplorazione cinematografica, quasi astratta, dei ruggenti motori diesel e dei gas di scarico.

In superficie, sembra che Cacciatori di tartufi Non potrebbe essere oltre “l’ultima gara” in termini di umore, eleganza e tono. Ma Dweck e Kershaw hanno un fascino e un bisogno di ritrarre stili di vita sull’orlo dell’estinzione. Sia in “The Last Race” che in “The Truffle Hunters”, usano un metodo di monitoraggio ponderato per esplorare quelli che sembrano essere gli ultimi momenti di una grande tradizione culturale, senza esprimere un giudizio o una presa in giro della mano, solo un silenzio rispetto per il modo in cui le cose erano e sono ancora in questo momento nel tempo.

Il film segue quattro uomini italiani, cacciatori di tartufi tra i 70 e gli 80, così come i loro amati cani. Sono dipendenti dalla caccia, calpestano il suolo della foresta Piemonte, ItaliaAlla ricerca del tesoro sepolto: gli sfuggenti funghi conosciuti come tartufi bianchi, che possono andare per un centesimo, soprattutto nelle aste costose. Questo fungo profumato dall’aspetto senza pretese non è solo una prelibatezza per buongustai e amanti del cibo; È un simbolo di uno stato decadente, il lato di un tavolo rasato, che solleva un’umile ciotola di spaghetti o un uovo al cibo degli dei. Non può essere coltivato e con l’aumento dei prezzi la caccia al tartufo si intensifica.

READ  Due mostre che mettono in luce i paesaggi dell'Italia e del Vietnam

Tuttavia, il film resiste per lo più al dramma, scegliendo invece di concentrarsi su quei quattro uomini che simboleggiano il modo in cui sono state le cose: solo uomini e i loro cani nei boschi. Il film è elencato tra parentesi in miniatura per ogni personaggio. L’88enne Carlo si rifiuta di smettere di cacciare di notte, nonostante gli infortuni, anche se la moglie gli consiglia di restare a casa. Aurelio cerca di trovare qualcuno che si prenda cura del suo prezioso cucciolo di Birba dopo che se n’è andato. Sergio, un batterista, caccia molto con i suoi cani e ha paura che inghiottano il veleno. Angelo dai capelli lunghi, un ex acrobata del circo, abbandonò la sua tecnica di caccia perplesso, allontanandosi da una macchina da scrivere e scrivendo una sorta di dichiarazione su come l’avidità ha rovinato lo stalking.

L’approccio estetico è distintivo e sorprendente. Kershaw e Dweck compongono splendidi scatti fissi, ogni foto è illuminata proprio come un dipinto di Caravaggio e le sfumature del chiaroscuro offrono un dramma visivo e dinamico. All’interno di queste immagini grafiche, si svolgono conversazioni ed eventi. Un avventuroso commerciante di tartufi sembra fare tutti i suoi affari in vicoli bui, illuminati dai fari o dalla luce che esce da una finestra vicina. L’unico momento in cui il film differisce da queste meravigliose composizioni è che offre al pubblico una visione a volo d’uccello della caccia, con una telecamera fissata alla testa di un cane mentre annusa il tesoro.

Il risultato è un film che cade all’incrocio tra film documentario, realismo neo-italiano e pittura rinascimentale, un’esperienza visiva del tutto unica strettamente correlata alla narrativa del film. Il principale regista di documentari John Grierson ha definito il documentario come “la manipolazione creativa della realtà” e “The Truffle Hunters” è uno dei migliori e più riconoscibili esempi di questo spirito sugli schermi quest’anno, una rara prelibatezza cinematografica come il tartufo stesso.

READ  Letture giornaliere nella tomba in onore di Dante 700 anni dopo la sua morte

Katie Walsh è un critico cinematografico con il Tribune News Service.

Cacciatori di tartufi

In italiano, con sottotitoli in inglese

Valutazione: PG-13 per alcuni potenti linguaggi

quando: Apre venerdì

Dove: Landmark Hillcrest

Tempo di esecuzione: Un’ora e 24 minuti