Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Rapporto “Sconsiderato”: le nazioni del G20 hanno sovvenzionato $ 3 trilioni di combustibili fossili dal 2015 | Combustibili fossili

Le nazioni del G20 hanno fornito più di 3,3 trilioni di dollari (2,4 trilioni di sterline) in sussidi per i combustibili fossili da allora Accordo di Parigi sul clima Nel 2015, un rapporto ha mostrato, anche se molti sono impegnati ad affrontare la crisi.

Secondo gli autori del rapporto, tali sussidi per carbone, petrolio e gas sono “sconsiderati” di fronte all’escalation dell’emergenza climatica e sono necessarie azioni urgenti per rimuovere questi sussidi. Il rapporto afferma che $ 3,3 trilioni di dollari avrebbero potuto costruire centrali solari tre volte più grandi della rete degli Stati Uniti.

Il G20 I paesi rappresentano quasi i tre quarti delle emissioni globali di carbonio che portano al riscaldamento globale.

Il rapporto, di BloombergNEF e Bloomberg Philanthropies, si concentra su tre aree in cui è necessaria un’azione immediata per limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C: porre fine ai sussidi ai combustibili fossili, stabilire un prezzo per le emissioni di carbonio e convincere le aziende a rivelare i rischi posti dal clima modificare. Attività commerciale.

Il rapporto afferma che tutti i 19 Stati membri del G-20 continuano a fornire un sostegno finanziario significativo per la produzione e il consumo di combustibili fossili: il blocco dell’UE è il ventesimo membro. Nel complesso, i sussidi sono diminuiti del 2% annuo dal 2015 a 636 miliardi di dollari nel 2019, i dati più recenti disponibili.

Ma l’Australia ha aumentato i sussidi ai combustibili fossili del 48% durante questo periodo, i sussidi canadesi sono aumentati del 40% e il sostegno dagli Stati Uniti è aumentato del 37%. Il sostegno del Regno Unito è diminuito del 18% durante quel periodo, ma è rimasto stabile a 17 miliardi di dollari nel 2019, secondo il rapporto. Il sostegno maggiore è arrivato da Cina, Arabia Saudita, Russia e India, che insieme hanno rappresentato circa la metà di tutti i sussidi.

READ  Il ponte ferroviario di Città del Messico è crollato, uccidendo 15 persone e ferendone 70

Il G-20 ha deciso nel 2009 di eliminare gradualmente i sussidi “inefficienti” ai combustibili fossili, ma non ha individuato inefficienze e scarsi progressi.

“Sulla carta, i leader mondiali e i governi comprendono l’urgenza della sfida climatica e tutte le nazioni del G20 hanno preso impegni ambiziosi per ridimensionare lo sviluppo dei combustibili fossili e la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio”, ha affermato Anta Williams, responsabile ambientale di Bloomberg. Beneficenza.

Ma, in effetti, le azioni intraprese da questi paesi fino a questo punto sono lontane da quanto richiesto. Con una serie di emergenze climatiche che si intensificano in tutto il mondo, il continuo sviluppo delle infrastrutture per i combustibili fossili è a dir poco avventato. Abbiamo bisogno di più delle parole: abbiamo bisogno di azione.

L’inviato speciale delle Nazioni Unite per il clima, Michael Bloomberg, fondatore di Bloomberg Philanthropies e la Net-Zero Asset Owner Alliance, che rappresenta oltre 6,6 trilioni di dollari di investimenti, ha esortato i governi ad agire prima della riunione del G20. Venerdì i ministri dell’Energia e del Clima italiani.

“nuovo [commitments] E gli obiettivi net-zero di alcuni paesi del G-20 sono accolti calorosamente”, ha affermato Gunter Thallinger, società di servizi finanziari Allianz e presidente di NZAOA. “Tuttavia, impegni e obiettivi da soli non saranno sufficienti per cambiare rotta”.

Il rapporto ha rilevato che il 60% dei sussidi ai combustibili fossili è andato alle aziende che producono combustibili fossili e il 40% a tagliare i prezzi per i consumatori di energia.

“Questo finanziamento incoraggia davvero la potenziale produzione sprecata e l’uso di combustibili fossili e potrebbe significare che le attività ad alta intensità di emissioni sono finanziate oggi, bloccando così le loro emissioni per decenni”, ha affermato Vicki Cumming di BloombergNEF e autore del rapporto.

“Ci sono prove di ciò [subsidies] Beneficia in modo sproporzionato i consumatori più ricchi, piuttosto che i gruppi più deboli”. giacche gialle Ha affermato che le proteste dei “gilet gialli” in Francia nel 2018 hanno dimostrato che il taglio dei sussidi per il carburante è politicamente sensibile.

Gli esperti affermano che garantire che i consumatori meno abbienti siano protetti da tali cambiamenti è fondamentale per il successo delle politiche.

Il rapporto ha anche esaminato il modo in cui i paesi del G20 fissano un prezzo all’inquinamento da carbonio. Ha rilevato che oltre l’80% delle emissioni era coperto a tali prezzi in Francia, Germania e Sud Africa.

Nel Regno Unito è coperto il 31% delle emissioni, ma il Regno Unito ha i prezzi del carbonio più alti a $ 58 per tonnellata di CO22. Solo l’8% delle emissioni degli Stati Uniti è coperto a un prezzo basso di $ 6 per tonnellata. Russia, Brasile e India non hanno prezzi del carbonio.

Convincere le aziende a rivelare i rischi che la crisi climatica pone alle loro attività è fondamentale per consentire ai mercati finanziari di allontanare i capitali dai settori inquinanti a quelli verdi, afferma il rapporto. Ma solo il Regno Unito e l’Unione Europea hanno affermato che avrebbero imposto una tale politica.

di recente Rapporto dell’Istituto Internazionale per lo Sviluppo Sostenibile Ha concluso che la riforma dei sussidi per i combustibili fossili ai consumatori in 32 paesi potrebbe ridurre la CO22 Emissioni per 5,5 miliardi di tonnellate entro il 2030, equivalenti alle emissioni annue di circa 1.000 centrali a carbone. Questi cambiamenti faranno risparmiare ai governi quasi 3 trilioni di dollari entro il 2030, ha affermato.

A giugno, più di 500 organizzazioni I responsabili politici statunitensi hanno chiesto la rimozione dei sussidi ai combustibili fossili del codice fiscale statunitense. “È tempo di rimuovere dal pubblico l’onere dei sussidi per l’energia sporca e spostare invece gli sforzi del governo per sostenere l’energia pulita e i posti di lavoro che genera”, si legge nella lettera.