Gennaio 18, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Raggiungere la gestione dell’epidemia | Il commissario alla Salute pubblica il rapporto il 19 gennaio

Il 19 gennaio la commissaria per la salute e il benessere (Quebec) Joanne Castonguey rilascerà il suo tanto atteso rapporto finale sull’indagine sulle prestazioni del sistema sanitario durante la pandemia di COVID-19.

Inserito alle 16:46

Tommy Chouinard

Tommy Chouinard
Giornalismo

Il suo rapporto iniziale, presentato a settembre, ha dato il tono: la mancanza di regolamentazione dei servizi, la scarsa valutazione della qualità dell’assistenza e la mancanza di dati affidabili “hanno contribuito al doloroso bilancio della prima ondata dell’epidemia di COVID-19 per gli anziani basati in Quebec”, ha concluso il commissario.

Ha identificato “lacune di governance” che spiegano, almeno in parte, l’alto numero di morti durante la prima ondata. Al 30 agosto 2020, 5.745 persone sono morte a causa del COVID-29, il 90% delle quali era ospitato in CHSLD, Seniors Residence (RPA) o risorse intermedie.

“All’inizio della crisi, c’erano molte occasioni perse per prendere buone decisioni e le conseguenze di questi incontri falliti sono state molto gravi”, ha scritto Joan Castonguey in un commento al governo Legault.

La presentazione del suo rapporto finale segnerà un altro difficile percorso per il Quebec. Il 23 novembre, il difensore civico Marie Renfret ha presentato la propria relazione investigativa, che contraddice il governo. All’inizio del 2020 non c’era alcuna direttiva o iniziativa del Quebec per preparare i CHSLD al COVID-19, contrariamente a quanto affermato dall’ex ministro Danielle McCann e da altri rappresentanti del governo davanti al coroner Jehan Kamel, che sta indagando anche lui.

Venerdì, il ministro per gli anziani e gli operatori sanitari, Margaret Bliss, testimonierà finalmente davanti al medico legale per fornire la sua versione dei fatti. Lo farà anche se è ancora in congedo per malattia a causa dell’esaurimento. Non dovrebbe riprendere presto le sue funzioni.

READ  Jean Deuzade: Scienza e innovazione