Luglio 5, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Rafael Nadal batte Novak Djokovic agli Open di Francia

PARIGI – Per l’uomo che non ha voluto giocare in notturna Novak Djokovic, Rafael Nadal ha sicuramente approfittato della situazione.

Qualunque sia l’ora e la superficie, Nadal rimane uno dei migliori combattenti e risolutori di problemi nello sport. Sebbene Nadal non avesse il potere come 13 volte campione del Roland Garros per influenzare il programma, aveva l’abilità e la volontà di respingere l’unico uomo che ha sconfitto due volte al Roland Garros.

Nadal, che venerdì compie 36 anni, è stato irresistibile all’inizio della sua ultima maratona con Djokovic e talvolta traballante nel mezzo ma ha trovato il modo dopo mezzanotte per salvare due set point lungo il tratto e tagliare il traguardo all’inizio. Vittoria 6-2, 4-6, 6-2, 7-6 (4).

Questa vittoria non ha garantito a Nadal la coppa. La partita è stata solo i quarti di finale di un freddo martedì sera quando le sciarpe erano sicuramente pronte allo Stade Philippe Chatrier (alcuni tifosi hanno scelto di avvolgere tutto il corpo con bandiere spagnole o serbe).

Ma la vittoria ha permesso a Nadal di proteggere il suo vantaggio nella gara che ha attraversato la sua carriera per rivendicare il maggior numero di titoli di singolare maschile in un Grande Slam. Nadal ha stabilito il record maschile di 21 volte vincendo l’Australian Open a gennaio e rompendo il pareggio con i rivali di lunga data Djokovic e Roger Federer, che hanno vinto 20 volte.

Djokovic non ha avuto l’opportunità di giocare quel torneo in Australia. È stato espulso alla vigilia della competizione dopo una situazione di stallo con il governo australiano a causa del suo stato vulnerabile. Ma è arrivato a Parigi e ha partecipato alla partita di martedì in modo più convincente di Nadal, senza dubbio il più grande giocatore di terra battuta maschile della storia, ma quest’anno è molto a corto di partite sul tetto.

READ  Risultati Serie A, highlights: Roma e Milan dominano con quattro reti; Il Napoli batte il Genoa

Dopo essersi infortunato alle costole al BNP Paribas Open di Indian Wells, in California, a marzo, perdendo la finale contro l’americano Taylor Fritz mentre giocava con una frattura da stress, ha saltato la maggior parte della prima stagione sulla terra battuta ed è tornato solo a Madrid. Ha aperto a metà maggio, quando era arrabbiato con il suo compagno spagnolo di 19 anni, Carlos Alcaraz, nei quarti di finale.

Poi è arrivato l’Open d’Italia, il suo unico evento sulla terra battuta prima del Roland Garros, dove Nadal ha perso in tre set contro il canadese Denis Shapovalov in una partita notturna agli ottavi di finale a Roma, dove è stato zoppicato fino alla fine, dolorante come il suo la condizione del piede sinistro è tornata ad apparire. Era pessimista dopo quella sconfitta, ma non ha escluso di giocare agli Open di Francia ed è arrivato a Parigi con il suo medico di lunga data, Angel Ruiz-Cotorro.

Come spesso accade, ha dimostrato la sua capacità di giocare e vincere nonostante il dolore, lottando per la vittoria in cinque set nel quarto round sul 21enne canadese Felix Auger-Aliassime e poi affrontando Djokovic per la 59a volta nel girone e 10° tempo al Roland Garros.

Djokovic è ancora in testa al suo set complessivo di 30-29, ma Nadal ha ora esteso il suo vantaggio su Djokovic negli Open di Francia a 8-2 e ora affronterà la terza testa di serie tedesca Alexander Zverev venerdì per un posto nella finale del singolare maschile.