Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Racconto di due chef: condividono più di una semplice passione per la creatività culinaria | dentro fuori

Nota dell’editore: benvenuto a Inside Out, la nostra raccolta settimanale di storie sugli abitanti di Staten Island che fanno ondate, si presentano, sostengono la nostra comunità e rendono il nostro quartiere un posto speciale in cui vivere. Hai una storia per Inside Out? Scrivi a Carol Ann Benanti a [email protected]

Da sinistra, Antonio Milicio e Stefano Sina. Sina ha presentato a Milicio il suo Bocelli Cookbook, le ricette preferite dello chef Stefano. (Advance di Staten Island / Carol Ann Benante) Advance Staten Island

Staten Island, New York – Quando si tratta di creatività culinaria e abilità culinaria, la ricerca dell’eccellenza può essere impegnativa, soprattutto nel mondo odierno delle cucine fusion, delle culture miste e delle specialità alimentari.

Sebbene tutti gli chef condividano un legame comune quando si tratta della loro radicata passione per la cucina, la concorrenza è particolarmente feroce in questi giorni nel campo delle arti culinarie.

Armati della passione per il cibo e del desiderio di creare capolavori culinari radicati nei loro cuori, molti credono che i grandi chef si nascano – non si creino – e il loro destino sia scritto nelle stelle.

Prendiamo Stefano Senna e Antonio Miliccio.

Una storia di due chef

Stefano Sina al Ristorante Bocelli, Grasmere. (Anticipo di Staten Island) Anticipo di Staten IslandAdvance Staten Island

Quando Cena, un ex socio di un ristorante Bocelli che fa da consulente ed è ora “ambasciatore” del Grasmere classificato da Zagat, ha fatto una visita improvvisata a Noodle Pudding e ha incontrato Antonio Miliccio, Executive Chef/Proprietario di Brooklyn Heights. Le somiglianze nelle loro vite erano strane.

Quando Sena e Migliaccio si sono scambiati le idee sul cibo, è stato chiaro: sono stati scelti dallo stesso stampo.

READ  L'artista di Cleveland Heights e l'artista Pixar Jacob Quinzel discutono del nuovo film "Luca", Little Italy e l'importanza degli amici intimi

Cena ha regalato a Milacchio una copia del suo libro di cucina, “Il libro di Bocelli, le ricette preferite dello chef Stefano”.

Le somiglianze nelle loro vite e la loro passione per il cibo

Dopo aver chiacchierato per un po’, gli uomini hanno scoperto di condividere una serie di cose: interessi non solo nell’arte culinaria, nelle scoperte gastronomiche, nella gestione di un’intraprendente attività di ospitalità, ma anche nella loro vita personale.

Una storia di due chef

In Noodle Pudding, da sinistra, Stefano Sena, Antonio Migliaccio e i membri dello staff di Noodle Puddling (Staten Island Advance/Carol Ann Benanti) Staten Island AdvanceAdvance Staten Island

Entrambi gli chef sono italiani nati negli Stati Uniti e immigrati in America dalla regione Campania del sud Italia – Stefano di Avellino e Antonio d’Ischia, un’isola vulcanica nel Golfo di Napoli – lasciando indietro i membri della famiglia e cercando una vita migliore in questo paese . Entrambi si stabilirono a Brooklyn nei primi anni ’60. E sebbene le loro strade si siano incrociate solo di recente, scoprono di non abitare lontano l’uno dall’altro nella città accanto a noi.

Entrambi sono orientati alla famiglia e non hanno perso di vista l’importanza dei valori familiari. E mentre altri impegni a volte possono portarli troppo lontano, si concentrano sempre su una forte presenza familiare.

“Quando ero un giovane ragazzo che imparava il mestiere da Michelangelo in Avenue U a Brooklyn, un locale raffinato di proprietà di mio fratello Renato”, dice Sina, l’executive chef c’era un ragazzo di nome Giacomo. Giacomo è nato ad Ischia. Di conseguenza, ho imparato molto, non solo sulla regione, ma a cucinare piatti speciali nella regione in cui è nato Antonio. Apprezzo quindi la meravigliosa cucina di Antonio Migliacco”.

READ  Domande e risposte: The Kings of Comfort nel nuovo album e la chiave della longevità | Arte e spettacolo

E Cena, ex chef al The Ritz-Carlton di Manhattan e Chantler, Short Hills, NJ, molti potrebbero ricordare come lo chef inaugurale dell’ex Monte Bianco a Grant City, dell’Excelsior Grand a New Dorp e dell’Hilton Garden Inn , Bloomfield.

Gli chef hanno sempre sostenuto che semplicità e veri sapori sono gli ingredienti principali dell’autentica cucina italiana in casa.

Seduto al timone di questo caratteristico e autentico ristorante italiano da 60 posti per 25 anni, Migliaccio ha uno stile tranquillo, calmo e senza pretese. In effetti, è stato descritto come un uomo che “parla attraverso il suo cibo”.

Una storia di due chef

Menu di budino di noodle e decorazioni per le vacanze stagionali. (Per gentile concessione di Michael Goldman) Staten Island SylvaniaAdvance Staten Island

Noodle Pudding si è aperto con idee per cucinare cibi freschi al giusto prezzo. Era il precedente proprietario di un posto dove mangiare in Court Street nel quartiere di Cobble Hill a Brooklyn.

Noodle Pudding non ha nulla a che fare con il pudding, ma è la traduzione letterale inglese del cognome di Migliaccio – noodle pudding o ciotola di noodles.

Somiglianze tra budino di pasta e bocelli

Noodle Pudding si trova in un antico edificio a Brooklyn Heights noto per la sua raffinata architettura e molte case a schiera in arenaria, la maggior parte delle quali sono state costruite prima della Guerra Civile. Un tempo, Noodle Pudding era un vicino di una fabbrica di spazzole metalliche e caramelle indigene quando era il modo di viaggiare a cavallo.

Come Sina, la priorità di Migliaccio si concentra sui suoi ospiti, assicurandosi che il suo cibo sia il migliore possibile e facendo sentire i commensali davvero speciali. Entrambi gli uomini affermano che lavorare nel settore della ristorazione non significa solo preparare e servire il cibo, ma far sentire i commensali a casa nella sala da pranzo.

READ  I proprietari miliardari iniziarono a litigare per la European Football League

Entrambi gli chef credono nell’autentico arredamento italiano. E mentre l’aspetto è diverso in molti modi, le basi sono le stesse: un budino di pasta che ha il fascino del vecchio mondo, mattoni a vista, illuminazione insolita e un originale bar classico in mogano – e Bocelli con la sua bella lavorazione del legno, le modanature intricate e murales mediterranei accattivanti.

Celebrazioni – ottobre. 31 a novembre. 6

31 ottobre

Buona domenica di Halloween a Joyce Giraldi, Jennifer, Christina Randazzo, Tony Lordo Sr., Ellen McHugh, Joseph Falcone, Ellen Downing, Michael Putney, Darren Porter e Tom Anderson.

Saluti per l’anniversario di matrimonio domenica a Jillian e Tim Rose.

novembre 1

Lunedì è il compleanno di Judith Driscoll, delle sue figlie Beth e Jasmine Mercado e dei gemelli Sebastian e Illyrian Popinara, che hanno 9 anni.

Buon lunedì anniversario a Lynne e Terry McHugh.

novembre 2

I migliori martedì di compleanno per Robert Vezzi e Angela Comissa Frison

novembre 3

Buon compleanno mercoledì a John Caltabiano, Tiffany Angelico, Matthew Tavoni, che ha 33 anni, Carolyn Sullivan, Laura Bercocco, Tara Ann Pisano, Frank Florida, James Greco, Peter Palazzuto, Stacey Benton, Michelle Fitzgibbons e Kaitlyn Drachek.

Buon anniversario mercoledì ad Anna, Robert Brizzano, Jennifer e Comy Smith.

novembre 4

Auguri di compleanno giovedì a Gina Biancardi, Presidente e Fondatrice di Casa Belvedere, Centro Culturale Italiano a Grace Hill, Ethaner Byrne, Charlotte Landry, Amanda Nielsen, Tom Hart, Jeff Canney, Rodney Stillwell, Phil Ebner, Robert Widener e Jerry Kelly. Cheryl e Joon Goo festeggiano il loro anniversario.

novembre 5

L’impiegato della contea di Richmond Steve Viala festeggia il suo compleanno venerdì con Christopher Ramos, Thomas Lilly, Linda Doherty, Ruth Falva e Gary Escobar.

Buon venerdì anniversario di matrimonio per Emma e Jim Brizzano.

novembre 6

Sabato è il compleanno dell’ex deputato Dan Donovan, Eddie Dana, Big McGinley Riley, Anne-Marie Kalzolari, Janis Giacallon Stoffers di Hall of Frames, Nikki Buczkowski, Mildred Olsen e i gemelli James e Joseph Stropoli, entrambi di 8 anni. vecchi.

Sabato è il loro anniversario per Pat e Joe Sanson, Mary e Joe Spillane e Peter e Karen Rondinelli.