Maggio 23, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Questo pioniere della corsa era davanti a Carroll Shelby

Nel 1962, Carroll Shelby progettò di costruire una roadster leggera con un motore V-8 americano. Quella visione divenne l’auto sportiva Cobra.

Ma l’idea di una macchina del genere è stata originariamente sviluppata più di un decennio fa da Briggs Swift Cunningham II: un appassionato di sport, un nobile pilota e un coraggioso concorrente. In quanto erede di una fortuna di famiglia nel settore del confezionamento della carne, Cunningham aveva i mezzi per svolgere praticamente qualsiasi attività desiderasse. Lo sport era la sua passione e le corse automobilistiche, in particolare, lo consumavano.

Ma non è stato fino al 1948 quando il 41enne Cunningham ha fatto i suoi primi giri in pista.

A quei tempi, come oggi, la 24 Ore di Francia di Le Mans era una delle gare più prestigiose ed estenuanti. Fu anche un evento completamente dominato dalle auto da corsa italiane, tedesche e britanniche.

Un intruso americano, Cunningham ha deciso di raccogliere la sfida. Nel 1950 inviò una squadra di due auto per eseguire il Great Endurance Test. Uno era un coupé Cadillac di quasi 61 serie equipaggiato con un V8 da 160 cavalli. L’altro funzionava in modo simile, ma era avvolto in uno dei corpi più strani mai mostrati in un’auto da corsa.

Sembrava una saponetta, con minigonne delle ruote anteriori e posteriori e un’estremità posteriore a coda di barca. Sembrava fatto in casa, sebbene fosse stato progettato e costruito da molti ingegneri aeronautici di Grumman durante le loro ore libere.

Soprannominata Le Monstre (The Beast) dalla stampa francese, questa esotica vettura con motore Cadillac ha ottenuto un rispettabile 11° posto, nonostante un viaggio fuori pista in cui Cunningham ha trascorso più di mezz’ora a scavare duramente l’auto dalla sabbia con la sua auto. . Mani vuote. La coupé Serie 61 con carrozzeria impilata si è classificata al 10° posto assoluto.

READ  Le Ultime: L'Olanda vince il terzo posto consecutivo a Euro 2020 | Gli sport

Lo stesso anno fece il suo primo sforzo a Le Mans, Cunningham costruì la sua auto sportiva chiamata C-1 Roadster, seguita dalla C-2R nel 1951. Quest’ultima fu la prima a utilizzare il motore Chrysler Hemi V8 da 331 pollici cubi, in sostituzione La Cadillac di Chrysler come motore preferito di Cunningham. Entrambi i modelli erano ragionevolmente veloci, ma alla fine erano troppo pesanti per le gare di resistenza competitive.

L’auto da corsa di maggior successo di Cunningham fino ad oggi è stata la sua C-4R del 1951, una decappottabile in alluminio alimentata da un motore Chrysler HEMI modificato da 325 CV. Può funzionare da zero a 60 mph in circa sei secondi.

La sua azienda con sede a West Palm Beach, in Florida, ha ricevuto motori e consulenza tecnica da Chrysler, i cui dirigenti chiave erano fortemente interessati alle sue attività. Questo tipo di supporto è stato essenziale per vincere, con ogni unità del valore di circa $ 60.000.

I C-4R a Cunningham sono dipinti di bianco con due larghe strisce blu da corsa che corrono per tutta la lunghezza dell’auto. Questo schema è stato successivamente copiato dal produttore di Cobra Carroll Shelby per i suoi piloti GT350 basati su Mustang. Con un peso molto inferiore rispetto agli sforzi precedenti, il C-4R si è rivelato competitivo e praticamente a prova di proiettile.

Cunningham e il suo team C-4R entrarono a Le Mans nel 1952. Delle 24 ore possibili al volante, Cunningham guidò 19 ore e mezza di seguito, permettendo al suo assistente di guidare solo verso il traguardo. Al termine della gara, il C-4R aveva conquistato il primo posto della sua classe e il quarto assoluto. Questo è stato un risultato straordinario per un piccolo team con una sola vettura che non aveva il tipo di risorse disponibili per i team europei supportati dalla fabbrica.

READ  Pronostici Juventus vs Lazio, scelte, come guardare, live streaming: 16 maggio 2022 Pronostici Serie A

Nei due anni successivi, i tre C-4R costruiti hanno raccolto un totale di 15 pole position insieme a cinque secondi e cinque terzi in luoghi di gara tra cui Sebring, Florida, Watkins Glen, New York ed Elkhart Lake, Wis. Riverside, California Durante questo periodo, le auto non si sono mai rotte o si sono schiantate. La squadra di Cunningham ebbe così tanto successo e popolarità che apparve in un numero del 1954 della rivista Time.

A parte la C-4R, Cunningham costruì anche la C-3 coupé e decappottabile. Questa bellezza dal design italiano, che ha anche la forza di una Chrysler Hemi, è costata una piccola fortuna, risultando in meno di 30 produzioni tra il 1951 e il 1955.

Cunningham ha fatto ulteriori tentativi per vincere Le Mans a titolo definitivo con modelli più recenti, ma con scarso successo. Dopo la stagione 1955, terminò la sua attività di produzione di automobili. Ma lui e i membri del suo team hanno continuato a correre con altri marchi, come Jaguar, Ferrari, Maserati e Porsche, nei successivi 10 anni.

Avanti veloce al 2001 e la Cunningham Motor Company è stata ripresa con la speranza di riaccendere il Cunningham Fire. Questo sforzo alla fine vacillò, ma il risveglio sarebbe stato un testamento appropriato per l’uomo che ha mostrato al mondo che più piccolo è meglio, tranne quando si tratta di ciò che c’era sotto il cofano.

Cunningham ha dimostrato che i muscolosi V-8 americani potevano competere con successo con le auto da corsa in Europa, aprendo la strada al successo di Shelby con il suo Cobra un decennio dopo.

READ  Nessun gioco per vecchi: l'arte della precisione alle Paralimpiadi